LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Attenzione, "musei" non deve far rima soltanto con Pompei
Giuliano Volpe
La Gazzetta del Mezzogiorno 11/5/2015

Domenica 3 maggio, complici anche il bel tempo e il lungo ponte, a Pompei si sono raggiunti numeri da record: 35.000 visitatori, un numero di gran lunga superiore al campione assoluto, il Colosseo, che in quella domenica è stato visitato da 20.000 persone. Numeri altissimi anche in altri musei e siti, come la Reggia di Caserta, con oltre 24.000 presenze o in altri, sempre in Campania, con 3.500 visitatori rispettivamente al Museo Archeologico di Napoli, a Ercolano, a Paestum. Ha ben ragione il ministro Dario Franceschini, che questa novità ha fortemente voluto, a esultare. Un suo tweet a fine mattinata di domenica, così festeggiava il successo: «#domenicalmuseo‪: alle 14 a Pompei 25629 visitatori (il doppio di aprile) Reggia Caserta 17059, Colosseo 13958 e lunghe file in tutta Italia!». E un comunicato del ministero ribadiva: «nuovo exploit per la domenica al museo: anche in questa edizione di maggio i visitatori hanno preso d'assalto i principali luoghi della cultura che resteranno aperti gratuitamente per tutta la giornata. Numeri da capogiro negli gli scavi di Pompei e alla Reggia di Caserta».

Tutto bene, dunque? Non proprio. Pur tralasciando l’increscioso episodio dello sversamento di liquami per una rottura della fogna del ristorante (che, detto tra parentesi, è gestito da Autogrill: ma è possibile che a Pompei si debba mangiare come in una stazione di servizio dell’autostrada, invece che con le delizie della cucina locale?), è evidente che numeri simili non sono sostenibili, nella attuali condizioni.

Così, lo stesso ministro Franceschini il giorno successivo ha prontamente scritto a tutti i responsabili dei musei per chiedere consigli su come fronteggiare al meglio la situazione già dal prossimo mese. Il soprintendente di Pompei Massimo Osanna, molto preoccupato, ha indicato in 15.000-20.000 il numero massimo sostenibile, proponendo anche un sistema di prenotazioni.

I nostri musei e siti non sono, infatti, attrezzati per ricevere adeguatamente tali masse di visitatori, per la natura stessa dei luoghi e delle strutture, per lo scarso numero di custodi (che non dovrebbero più essere semplici guardiani, lettori annoiati di libri e giornali, ma operatori capaci di dare informazioni e suggerimenti) per non parlare delle guide e del personale scientifico, per la diffusa inadeguatezza dei supporti didattici e dei servizi (che ancora oggi vengono impropriamente definiti ‘aggiuntivi’ mentre sono essenziali).

Sulla rivista Left Wing una specialista di beni culturali, Rita Borioni, ha usato una metafora paradossale ma efficace: «se invito trenta sconosciuti a cena nel mio monolocale di quaranta metri quadri e poi decido di parlare solo in ungherese, tolgo le sedie, spengo le luci, non preparo nulla da mangiare e chiudo a chiave il bagno, non sto facendo un favore ai miei ospiti (che, probabilmente, la prossima volta declineranno più o meno gentilmente il mio invito) e neanche alla mia casa».

Non si tratta certo di difendere una visione elitaria e snobistica dei musei, dei luoghi della cultura e in generale del patrimonio culturale. Anzi! Se vogliamo sostenere il processo di democratizzazione e la forte necessità di trasformare i musei in luoghi vivi, vitali, attrattivi, capaci di far capire a tutti oggetti e fenomeni complessi, senza banalizzare, e al tempo stesso di far provare emozioni, dobbiamo impegnarci a difendere questa importante novità evitando che si trasformi in un boomerang. C'è, infatti, un problema di sostenibilità, di conservazione del patrimonio, di sicurezza e di condizioni minime per garantire un’esperienza utile e piacevole.

Giustamente Franceschini ha sottolineato come "di mese in mese crescono i partecipanti e anche il numero dei comuni che si stanno adeguando al nuovo piano tariffario moltiplicando così l'offerta in tutto il paese. Un'operazione importante non solo per i numeri e il turismo ma per il suo aspetto educativo, dato che sta riavvicinando i cittadini al loro patrimonio culturale". I risultati gli danno ragione: in questi mesi sono aumentati sia il numero complessivo dei visitatori, sia il numero delle gratuità, sia i ricavi. Bisogna dunque andare avanti su questa strada e introdurre miglioramenti e correttivi, come tetti e prenotazioni, ma anche incremento del personale e dei servizi. Queste iniziative servono anche per dare più lavoro e per migliorare gli standard dei nostri musei, secondo quanto previsto dalla riforma del MiBACT che ha visti la nascita di una direzione generale Musei, dei poli museali regionali e l’autonomia di 20 grandi musei.

La scommessa sta anche nel far in modo che i flussi di visitatori si distribuiscano in tutti i, territorio e non solo su Pompei, Colosseo, Reggia di Caserta o Uffizi e pochi altri. Ad esempio, nell'area vesuviana non esiste solo Pompei, ma ci sono altre decine di musei e siti meno noti e non meno importanti, e a Pompei non esiste solo via dell'Abbondanza, la Casa dei Vettii, quella del Fauno, il cave canem, il lupanare e poco altro, dove si affollano i turisti; basta uscire dalle vie più intasate per trovare domus e monumenti quasi deserti; anche in questo senso si sta lavorando, per articolare vari percorsi di visita. Inoltre, altri territori del Sud, come Puglia, Calabria e Basilicata sono al momento meno coinvolti nel fenomeno. Servirebbe dunque una efficace campagna di informazione e di promozione per favorire la distribuzione delle presenze, oltre che per far (ri)tornare i visitatori delle prime domeniche anche negli altri giorni. Nei musei si è infatti registrato un calo di presenze nel resto della settimana. Ma con il tempo non c’è dubbio che la situazione si andrà assestando.

Domeniche gratis sì, domeniche caos no, insomma. Dopo questa prima fase di sperimentazione, che ha registrato un grande successo, si deve passare a una seconda fase, che contribuisca agli Italiani in particolare di conoscere meglio il loro patrimonio diffuso.



news

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

Archivio news