LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cartelloni abusivi, la procura indaga
SARA SCARAFIA
10 maggio 2015 LA REPUBBLICA





Nella giungla della pubblicità, l'ultimo sfregio sono i cartelli che assediano ville e piazze monumentali e che adesso sono finiti al centro di un'indagine della Procura: montati sulla base di autorizzazioni comunali vecchie di decenni, sarebbero sprovvisti del nulla osta della Soprintendenza. Dai cartelli che assediano le mura di Villa Trabia a quelli piazzati su quelle antiche dell'ospedale Villa Sofia e di Villa Bordonaro. Sotto i riflettori pure i cartelloni delle piazze Castelnuovo e Verdi che nascondo la vista dei teatri. «Le indagini sono ancora in corso e riguardano tutte le zone monumentali della città », dice il vice comandante della polizia municipale Luigi Galatioto. Il caso è stato sollevato proprio dalla polizia municipale durante l'attività di ricognizione degli impianti pubblicitari esistenti.

In città regna il caos: l'ultimo elenco di impianti del quale dispone il Comune è vecchio di dodici anni e potrebbe non essere attendibile: nel 1993 le ditte che facevano pubblicità fornirono un elenco dei propri spazi al Comune che nel 1994 li inserì in un archivio informatico. «Gli impianti registrati in questo archivio non sono dotati tutti di un formale provvedimento autorizzativo, ma l' ufficio nel corso del tempo li ha sempre ritenuti come autorizzati », ha messo nero su bianco un funzionario del Suap in una relazione shock.

Attualmente risultano autorizzati 46 mila 648 metri quadri di pubblicità. Ma in realtà in città secondo le stime della polizia municipale ce ne sarebbe il doppio. Tutta abusiva. «Il caos», ammette Galatioto. Un caos nel quale il Comune sta tentando di mettere ordine: domani sera il Consiglio comunale comincerà a trattare il nuovo piano della pubblicità, arenato in aula dal 2013. Un piano che divide la città in otto zone a loro volta suddivise in 81 lotti che saranno accorpati in 14 maxi raggruppamenti e messi a bando: ogni ditta potrà concorrere per un massimo di tre maxi- lotti. Una rivoluzione per Palermo dove le ditte di pubblicità sono una decina, con le grossissime Damir e Alessi che fanno la parte del leone e negli anni hanno inglobato, anche creando spcietà miste, consistenti fette di mercato. E infatti le ditte non ci stanno e chiedono al Comune di prevedere una proroga del regime esistente. Domattina, prima che il piano cominci il suo cammino in aula, le associazioni di categoria del settore incontreranno l'assessore alle Attività produttive Giovanna Marano. Ma sarà il Consiglio ad avere l'ultima parola: «La priorità - dice il vice capogruppo degli orlandiani Pier Paolo La Commare- è trovare una soluzione allo spaventoso contenzioso ». Gli anni di deregulation hanno portato a un numero esorbitante di cause: le liti pendenti sono almeno una cinquantina e altrettanti sono i nuovi ricorsi presentati. Alcuni contenziosi vanno avanti da più di vent'anni. «Bisogna trovare il modo di chiudere con il passato e ricominciare da zero », dice il vice comandante della polizia municipale. Ma come? Sala delle Lapidi starebbe valutando l'ipotesi di una maxi transazione: «Le nostre casse rischiano grosso - dice il presidente della commissione Bilancio Mimmo Russo - ed è per questo che in aula ci sarò anche l'avvocatura ». L'ultimo ricorso che il Comune ha perso risale a dicembre scorso: riguardava le pensiline pubblicitarie alle fermate dell'autobus di via Libertà, tra piazza Croci e il Politeama che nel 1998 l'amministrazione obbligò la società Spa a dismettere per consentire i lavori di rifacimento dei marciapiedi. E l'azienda — forte di una concessione ventennale ottenuta nel 1981 — ha chiesto di essere risarcita per mancati incassi tra il 1998 e il 2001.

Mentre l'amministrazione soccombe, in assenza di regole l'abusivismo dilaga e sfregia strade e monumenti. «Il piano deve essere approvato al più presto », dice la Marano.



news

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

Archivio news