LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Musei, boom di candidati slitta la selezione dei manager
08 maggio 2015 IL TIRRENO



ROMA Manager dei musei, dopo il boom di domande la scelta slitta ad agosto. Lo ha deciso il ministero di Beni culturali e Turismo, con un decreto del dg organizzazione Gregorio Angelini, che stabilisce una proroga di 90 giorni al lavoro della commissione di esperti presieduta da Paolo Baratta. Le ragioni, si spiega nel provvedimento, stanno «nell'elevato numero di candidature», oltre 1200, ma anche nella «rilevanza internazionale della procedura», nonché nella «peculiarità » della selezione. Insomma, per conoscere il nome del nuovo direttore degli Uffizi o della Reggia di Caserta, come del Polo Reale di Torino o della Galleria Borghese, bisognerà aspettare due mesi e mezzo più del previsto (le nomine erano attese per il primo giugno), ma intanto la commissione, oberata da curricula e colloqui con candidati non solo italiani, può tirare un respiro di sollievo e fare le cose con il tempo che ci vuole. Perché il lavoro è tanto e va fatto con «attenzione e dedizione», sottolinea il presidente Baratta. È lui, in questi giorni impegnato dall'apertura in laguna della Biennale d'Arte, a spiegare le ragioni del provvedimento voluto dal ministero: «Il successo dell'iniziativa comporta un lavoro che non può che essere fatto con grande attenzione e dedizione», ribadisce. «Lo spostamento della data di conclusione della selezione giova al lavoro di tutti», fa notare Baratta. Lanciato nel gennaio scorso dal ministro Franceschini e dal premier Renzi anche sulle pagine dell'Economist e scaduto il 15 febbraio, il bando era aperto a italiani e stranieri, purché dotati di titoli di studio e con una «comprovata qualificazione professionale». Una volta insediati, i magnifici 20 rimarranno in carica per quattro anni con stipendi che vanno dai 145 mila euro lordi annui dei 7 siti super top (tra questi gli Uffizi) ai 78 mila, sempre lordi, degli altri 13 musei, che la legge, più che altro per esigenze di risparmio, considera «uffici di livello dirigenziale non generale». E allo stipendio base il bando prevede l'aggiunta di una «retribuzione di risultato» (fino ad un massimo di 40 mila euro per i sette super top e fino a 15 mila per gli altri). In cambio viene chiesto molto, dalla «programmazione, l'indirizzo, il coordinamento e il monitoraggio di tutte le attività di gestione del museo, compresa l'organizzazione di mostre, allo studio, valorizzazione, comunicazione e promozione del patrimonio museale», dalla gestione del personale (che comunque, almeno per il momento rimane dipendente dal ministero) alle decisioni su orari, prezzo dei biglietti, autorizzazione dei prestiti delle opere, affidamento delle attività e dei servizi pubblici di valorizzazione del museo.




news

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

Archivio news