LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Spagna, fiori di 16mila anni fa ritrovati su una tomba
12 maggio 2015 la Repubblica




La scoperta di un gruppo di ricercatori dell'Università dei Paesi Baschi. Il ritrovamento nel sepolcro della "Signora Rossa" uno dei siti meglio conservati del paleolitico

ROMA - Una tradizione antica migliaia di anni. Un rito che sembra esserci sempre stato. Lasciare i fiori sulle tombe è una tradizione antica di almeno 16.000 anni: a rivelarlo sono i pollini fossili trovati su una tomba del paleolitico tra le più ben conservate giunte fino a noi. Il ritrovamento è stato fatto nel sepolcro paleolitico della Signora rossa nella grotta spagnola di El Miron da un gruppo di ricerca guidato da Maria José Iriarte, dell'Università dei Paesi Baschi, che ha pubblicato i risultati sul Journal of Archaeological Science.

Sono delle microscopiche tracce di pollini ormai fossilizzati a testimoniare la più antica deposizione di fiori fatta probabilmente per onorare la scomparsa di una personalità femminile, verosimilmente importante all'interno della società che popolava la Cantabria del paleololitico. Il ritrovamento è stato fatto all'interno di una grotta, scoperta già nel 1903, che custodisce la tomba di una donna detta la Signora rossa. Il nome deriva dal ritrovamento nel 2010 di tracce di pigmenti color ocra, molto simili a quelli usati per le pitture rupestri, sui resti del corpo e ne testimoniano un possibile ruolo sociale di primo piano. Analizzando alcuni campioni i ricercatori hanno ora identificato l'abbondante presenza (solo nella zona della tomba e in un preciso strato di terreno) di pollini di un particolare tipo di fiore.

Dopo aver analizzato ogni possibilità i ricercatori hanno concluso che "l'ipotesi più plausibile è che i fiori fossero stati depositati tutti sulla tomba", ha spiegato Iriarte. Che conclude: "Anche se però - ha proseguito - non è possibile sapere se lo scopo fosse quello di un'offerta rituale alla defunta oppure se sussistono motivi più semplici, come per

mantenere igiene o pulizia". Con certezza si sa che erano piccoli fiori del genere Chenopodiaceae, una famiglia di piante erbacee molto diffuse, che con i loro fiori piccoli e generalmente bianchi o gialli, commentano i ricercatori, difficilmente oggi li considereremmo colorati e di valore



news

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

Archivio news