LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il cantierone sotto le due Torri e a giugno riapre via Rizzoli
12 maggio 2015 la Repubblica



Ieri è iniziata la posa dei basoli, in un mese ne verranno usati novemila La chiusura di piazza Ravegnana costringerà i bus a girare in piazza Aldrovandi

La ricostruzione comincia da via Rizzoli con monsignor Stefano Ottani che deposita, previa affettuosa carezza, la riproduzione della Vergine del Suffragio di Guido Reni («uno che aveva la bottega poco lontano da qui») sotto il primo basolo di granito davanti al "Modernissimo". Gli fanno cerchio attorno l'assessore alla Mobilità Andrea Colombo, la presidente di "Tper" Giuseppina Gualtieri e il direttore dei lavori Fabio Monzali. Subito dopo i selciatori bergamaschi iniziano a posare il granito a lastroni. Novemila basoli fino a piazza Ravegnana. E se da giugno vi si potrà camminare sopra, il cantiere entrerà nella fase di massimo disagio per la città visto che dall'otto si lavorerà sotto le Due torri con conseguente blocco della circolazione nel crocevia più importante del centro. Fino all'apertura delle scuole Strada Maggiore, via Castiglione e l'area di piazza Mercanzia, compreso il primo tratto di Santo Stefano saranno chiuse. Gli autobus che oggi passano da piazza Ravegnana, svolteranno in piazza Aldrovandi e usciranno dal centro da Strada Maggiore. Il punto di avvicinamento massimo al centro sarà proprio piazza Aldrovandi. Resta la consolazione di poter aprire un tratto di via Rizzoli già a metà giugno, prima ai pedoni e poi anche alle auto. I marciapiedi già allargati e rifatti garantiranno ai negozi maggiore agibilità.

«Siamo in perfetta tabella di marcia- dicono Colombo e Gualtieri - forse anche in anticipo. È la dimostrazione - aggiunge polemico l'assessore - che gli operai c'erano eccome ». Un'allusione alle polemiche con il comitato di commercianti e residenti il quale aveva accusato la direzione lavori di mettere a disposizione un organico insufficiente. Nella parte verso piazza Nettuno saranno utilizzati i basoli nuovi levigati, mentre da via Oberdan verso le Due torri verranno riutilizzati i vecchi che una squadra di operai sta rigenerando. Ma il cantiere sarà anche una grande aula all'aperto per centocinquanta studenti di Ingegneria civile che potranno così osservare l'organizzazione dei lavori, il loro svolgimento, la sistemazione dei sottoservizi completata e la struttura della soletta di cemento che è stata realizzata per posarvi i basoli. Anche i cittadini potranno visitare il cantiere per rendersi conto del lavoro svolto. Più avanti, la posa della pavimentazione interesserà anche via Ugo Bassi dove ancora ieri lavoravano gli archeologi della Soprintendenza repertando oggetti sul selciato della vecchia via Emilia romana di cui sono emerse le vestigia. «Siamo stati bravi e fortunati - ha ammesso Gualtieri perché tutto quello che avevamo programmato è andato bene senza grossi inconvenienti. Questo è un cantiere che si spera sistemerà le strade per decenni ». A disposizione dei cittadini anche un dvd che mostrerà il lavoro finito.






news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news