LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CAPANNORI - Fermo il recupero della Casa del Cinese
Nicola Nucci
14 maggio 2015 IL TIRRENO



La commissione elettorale del Comune di Capannori ha sorteggiato 247 scrutatori, di cui i primi 208 saranno assegnati alle sezioni elettorali per le elezioni regionali di domenica 31 maggio con eventuale turno di ballottaggio il 14 giugno. Le persone sorteggiate, al momento del ritiro della notifica, dovranno sottoscrivere una autocertificazione con la quale attestano il loro status di disoccupato, inoccupato o studente per garantire che solo coloro che appartengono a queste tre categorie svolgano il ruolo di scrutatore, in seguito alle scelte dell'amministrazione comunale e agli indirizzi del consiglio comunale e in linea, anche, con le disposizioni della legge regionale del marzo 2015 in materia di procedimento elettorale regionale. I nomi degli scrutatori sono consultabili sulla home page del Comune (www.comune.capannori.lu.it) nella sezione Speciale Regionali 2015 dove presente anche il modulo per l'autodichiarazione. Per il ritiro della notifica rivolgersi all'ufficio elettorale al numero 428371-297.S. GIUSTO DI COMPITO Sembra in uno stato di impasse il progetto di recupero del complesso dell'ex Casa del Cinese, storico immobile situato nel centro storico del paese, che il Comune ed Erp, in collaborazione con Fondazione Casa, intendono trasformare in cinque alloggi popolari da destinare alle famiglie pi deboli, in particolare giovani coppie. Lo scorso febbraio il vecchio rudere stato demolito, dopo che una parte della struttura era crollata a causa del maltempo e delle forti piogge che avevano fatto collassare un edificio gi in stato di forte degrado. Dopo la bonifica e gli urgenti interventi di messa in sicurezza dell'area, della ormai ex Casa del Cinese sono rimaste solo le fondamenta e Reta ancora in condizioni pericolanti una porzione degli edifici disabitati, adiacenti all'ex Casa del Cinese, che fanno parte anch'essi del piano di recupero dell'area. Un progetto che l'ente non ha abbandonato, inserito nel piano triennale 2015-2017, ma che al momento sembra bloccato. Sulla questione interviene l'ex consigliere comunale Mauro Massei, memoria storica di questa complessa vicenda. Su questo progetto, di cui si parla anni, sono state investiti tempo e risorse e la finalit sociale importante perch darebbe una risposta alle famiglie pi colpite dalla crisi. In questo modo inoltre contribuiremo a riqualificare la frazione i cui gli abitanti, da molti anni, stanno convivendo con le criticit, anche per la circolazione, dovute alla decadenza dell'edificio, che ha comportato la chiusura della strada per evitare la caduta di pezzi dal muro pericolante. Pertanto auspico un confronto tra il sindaco Luca Menesini e gli abitanti per il recupero dell'area che, come assicurato a suo tempo dall'amministrazione, sar destinato ad un ceto medio, che anche oggi vive grandi difficolt per la crisi. Non sar un dormitorio come teme qualche cittadino della zona. Alcuni proprietari di questi edifici contigui hanno anche manifestato al Comune la propria disponibilit a cedere le parti murali in vista di un intervento risolutivo di tutta l'area. Per il recupero della "Casa del Cinese" da parte del Comune ed Erp sono stati previsti circa 800mila euro (l'ente di piazza Aldo Moro nel piano triennale ha stanziato 50mila euro per il 2016 e 100mila per il 2017) . Il progetto, avallato dalla Soprintendenza, prevede alloggi a fini residenziali da mettere a disposizione delle fasce pi deboli della popolazione. Difficile ad oggi prevedere quanto potr aprire il cantiere. Una procedura che oltretutto non stata semplice per i molti i vincoli da rispettare in quanto l'edificio si trova in una zona di particolare pregio. In condizioni di degrado da oltre trent'anni il secolare edificio ormai ridotto ad uno scheletro. L'immobile ha avuto molti proprietari. L'ultimo, secondo quanto risulta dagli atti catastali, stata una persona di origini cines, di cui per nel corso degli anni sono state perse le tracce, ma che ha dato il nome con cui chiamato dagli paesani.



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news