LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PESCARA - Il ministro eviti lesilio del tesoro dei Di Persio
IL CENTRO 07 maggio 2015



Continua il dibattito sulla vicenda della collezione Di Persio, la raccolta di preziose opere pittoriche ottocentesche italiane e francesi destinate negli intenti dei coniugi Venceslao Di Persio e Rosanna Pallotta a costituire il patrimonio di una Fondazione e l'esposizione permanente di un museo da realizzare e gestire, a spese dei collezionisti pescaresi, nella ex Banca d'Italia di viale D'Annunzio. Un immobile acquistato per lo scopo dai Di Persio che, dopo il vincolo della Sbap e le diatribe amministrative e giudiziarie, sembra non essere pi la possibile casa di questa potenziale istituzione culturale. A tagliar corto sulla questione intervenuta una sentenza del Consiglio di Stato secondo la Soprintendenza, ferma sulla tutela di una corte interna - un cavedio secondo Di Persio - che la propriet vorrebbe chiudere quale unica soluzione per rendere museabile l'edificio. Altrimenti, si vedrebbe costretta a portare la propria collezione altrove. E ha gi ricevuto pi di un allettante invito in prestigiose strutture fuori Abruzzo. Sul punto interviene l'avvocato Leo Nello Brocchi, legale dei Di Persio, secondo il quale la pubblica amministrazione potrebbe agire ancora in autotutela per assicurare a Pescara un importante museo, auspicio fatto proprio anche dal Comune: il sindaco Alessandrini si gi messo a disposizione di Sbap e collezionisti quale mediatore per comporre la vicenda nell'interesse collettivo. L'atteggiamento della Soprintendenza sembra confermare una spiacevole insensibilit verso un patrimonio artistico di assoluto rilievo, venerato da istituzioni e studiosi nazionali e internazionali ma umiliato a Pescara, e sconcerta per il disinteresse alla reale tutela di un immobile che oggi versa in una drammatica situazione strutturale, incompatibile con un'idea museale spiega Brocchi. Una perizia disposta dal tribunale di Pescara ha smentito la Sbap certificando che tale fabbricato non custodisca al suo interno ornamenti di valore storico-artistico o pregi stilistici, trattandosi invece di un'ordinaria filiale bancaria con spazi interni funzionali solo alle proprie esigenze. Per non parlare della fatiscente struttura di copertura del cavedio al pianterreno degli anni '90, altro che architettura ispirata a Wagner, come ritenuto dalla Sbap, errore che ha costituito un profilo di sonora bocciatura tecnica della valutazione, come peraltro riconosciuto dal Consiglio di Stato. Se tutto si riduce a una valutazione discrezionale di quello che stato ormai definito "il cavedio della discordia", l'avvocato Brocchi nota come provoca sfiducia nelle istituzioni constatare che talvolta l'ipocrisia burocratica costituisca la tomba d'ogni aspettativa di valorizzazione del nostro patrimonio culturale, allorquando valutazioni tecnicamente smentite da un'analitica perizia disposta da un tribunale si infrangano con l'imbarazzante limite che l'ordinamento pone alla valutazione di merito e d'opportunit da parte del Consiglio di Stato, il quale non ha potuto far altro che arrestarsi di fronte a un giudizio discrezionale - e in pratica insindacabile - espresso dalla Soprintendenza. Per questo, secondo Brocchi, bisogna agire con altri strumenti che superino, poich reso possibile dalla legge, il dettato del giudice amministrativo di ultime cure. In altri contesti europei si sarebbe derogato, occorrendo, persino ai piani regolatori pur di garantire la pi giusta collocazione logistica ad una pinacoteca di eccezionale valore. Qui, invece, si assiste al paradosso di un'istituzione creata proprio per tutelare i beni culturali che invece sembra preferisca ignorare un tesoro del genere. Il pregiudizio subito dalla collezione dei Di Persio in relazione alla persistenza dell'anomalo "vincolo tipologico" d'un insignificante atrio interno - l'ultimo baluardo delle tesi della Sbap - lede insomma un interesse autenticamente collettivo. Ma la speranza, rilancia Brocchi, resta l'ultima a morire. Ritengo sia doveroso non perdersi d'animo, perch pur sempre consentita, da parte della pubblica amministrazione, una rivalutazione dell'interesse pubblico anche in via di autotutela, attraverso il riesame dei presupposti che suggerirono di frapporre veti esclusivamente burocratici a un'iniziativa senza precedenti a Pescara. Mi auguro allora che il ministro per i Beni culturali voglia cogliere l'opportunit avocando a s il procedimento per evitare che una collezione unica sia costretta a un malinconico esilio dalla sua citt.




news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news