LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Unesco a rischio. Il Piano di gestione nei cassetti di tutti. Tutela. La Regione vuole salvare il riconoscimento
isabella di bartolo
LA SICILIA Mercoled 13 Maggio 2015 Siracusa




Il Piano di gestione per Siracusa-Pantalica e le citt tardo-barocche del Val di Noto esiste. E' nei cassetti di Soprintendenze e Comuni. Mariella Muti non ha dubbi: la mancata applicazione dei dettami dell'Unesco passa per l'assenza di volont politica. L'ex soprintendente di Siracusa interviene cos all'indomani dell'ennesima denuncia sul mancato rispetto delle prescrizioni Unesco per il mantenimento dei siti nella lista "Patrimonio dell'umanit". Anche stavolta, nel mirino degli ispettori Unesco, vi la mala-gestione dei siti siciliani tanto che la Regione, dopo l'ultima segnalazione di degrado delle pietre millenarie di Pantalica deturpate dai vandali, ha deciso di correre ai ripari. L'assessore regionale ai Beni culturali, Antonio Purpura, ha annunciato che sar avviato un confronto con gli enti locali per giungere all'istituzione degli enti gestori dei siti inseriti nella "World heritage list".
Noi abbiamo fatto la nostra parte - dice Mariella Muti - all'indomani del riconoscimento abbiamo realizzato il Piano di gestione, sia nel 2002 per il Val di Noto, che nel 2005 per quello di Siracusa e Pantalica. Inoltre, per quanto riguarda il sito delle citt tardobarocche del Val di Noto, abbiamo anche aggiornato il Piano di gestione a seguito di un bando del ministero e del conseguente finanziamento. In quella occasione abbiamo anche coinvolto le 5 Curie che possiedono la maggiorparte dei beni insigniti del riconoscimento: da Modica a Palazzolo, a Scicli, Noto e Militello. Il Piano di gestione nelle mani dei soprintendenti, dei sindaci e dei rappresentanti dei vari enti coinvolti a vario titolo nella tutela e nella valorizzazione dei "gioielli", come evidenzia l'architetto Muti.
Tutti hanno una copia del Piano di gestione - dice l'ex soprintendente di Siracusa -. Certo, dopo 10 anni, va aggiornato ulteriormente perch erano previste una serie di azioni e di partecipazioni a bandi eccetera. Insomma, bisognava mettersi a lavorare. E oltre alla redazione del Piano, a seguito del riconoscimento Unesco venne anche istituita un'associazione per poter coordinare meglio le attivit e, anche questa iniziativa, venne fatta con le amministrazioni comunali e l'assessorato regionale ai Beni culturali, aperta a soggetti pubblici e privati. Questa appunto la governance che adesso la Regione intende istituire per colmare la vacatio degli ultimi anni.
Mariella Muti ha guidato la SOpRINTENDENZA dal 2004 al 2010 e, dopo una parentesi di direttore della galleria regionale di Palazzolo Bellomo, stata assessore comunale alle Politiche culturali fino al 2012.
Ricordo che avevamo avviato una serie di progetti - dice l'architetto Muti - tra cui Mecenate 90 con il grande coinvolgimento delle Curie. Poi, ancora, tra i progetti che non riuscimmo ad avviare vi fu quello della Carta turistica per i siti Unesco: tutto fermo. Ci sono misteri quando si parla di fondi e iniziative: il primo un progetto varato quando Lino Leanza era assessore regionale ai Beni culturali per promuovere il turismo scolastico. Era prevista un grande impegno con il coinvolgimento di tutti i siti e un finanziamento, stanziato dal ministero, di circa 1 milione e mezzo di cui si sono perse le tracce. L'altro, quello avviato in passato dal Comune di Palazzolo che si era rivelato molto attivo. Adesso non so pi cosa accaduto e la notizia che la Regione voglia istituire una governance per gestire i siti Unesco mi stupisce perch l'ente esiste gi, si deve solo aggiornare con il coinvolgimento degli enti che mancano. Ad oggi, il Piano di gestione non stato attivato perch ci vuole una ferrea volont politica mentre in questi 10 anni abbiamo assistito al passaggio di tanti assessori regionali e dirigenti, con ovvie conseguenze in termini pratici. Inoltre, non semplice mettere d'accordo le amministrazioni comunali quando si parla di gestione.
Oggi esistono due Distretti legati alla promozione, tutela e valorizzazione del patrimonio Unesco. Uno il Distretto turistico dei siti Unesco di cui Mariella Muti componente del comitato scientifico. Un ente diretto dal sindaco di Noto, Corrado Bonfanti.
L'altro organismo il Distretto del SudEst che appunto la governance che deve coordinare e seguire il Piano di gestione. Questo il gruppo di lavoro che deve lavorare - dice l'architetto Muti - per mettere in pratica i dettami Unesco, aggiornare progetti e iniziative. Questa la governance che esiste gi dall'inserimento nella lista "Patrimonio dell'umanit" e deve mettere in pratica il suo impegno.
Oggi, tra distretti e associazioni varie, si assiste per a un patrimonio calpestato, in abbandono, chiuso al pubblico e mortificato. Ci perch fino ad oggi il riconoscimento Unesco stato un "bollino blu" da appendere in bella vista all'ingresso dei Municipi o da disegnare su qualche depliant per Borse turistiche e carrozzoni vari. Ma, davvero, cosa ha fatto la politica in questi 10 anni per meritare il mantenimento del riconoscimento?


13/05/2015



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news