LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ritirate la licenza al traslocatore Vittorio Sgarbi.
di Tomaso Montanari

http://articolo9.blogautore.repubblica.it/2015/05/17/ritirate-la-licenza-al-traslocatore-vittorio-sgarbi/

L'ultima reincarnazione dell'immarcescibile Vittorio Sgarbi quella del traslocatore di opere d'arte.

L'ossessione di spostare i 'capolavori' la grande malattia del nostro tempo, una delle pi scellerate incarnazioni del fantasma della valorizzazione. Ogni anno in Italia si spostano circa 15.000 pezzi archeologici e 10.000 opere d'arte moderne: nella pi colossale rimozione del contesto che la storia della cultura italiana abbia mai visto. Solo una minima parte di queste mostre ha un vero valore culturale (cio aumenta e redistribuisce la conoscenza del patrimonio culturale), mentre nel 90% dei casi si tratta di operazioni brutalmente commerciali, gestite da privati che fanno affari con opere pubbliche esposte in luoghi pubblici. Mostre che diceva Federico Zeri sono come la merda: che fa bene a chi la fa, non chi la guarda.

Negli ultimi mesi, Sgarbi ci sta immergendo fino al collo in questo tipo di mostre.

A Bologna ha parafrasato la mostra trash vicentina Raffaello verso Picasso con una Da Cimabue a Morandi per cui Roberto Longhi si rotola nella tomba: unantologia abborracciata, forse dettata unicamente dallarrendevolezza di alcuni soprintendenti, per usare le parole con cui Antonio Cederna bollava nel 1956 una mostra simile. E ora il Traslocatore deporta nello stesso Palazzo Fava il Filippino Lippi della chiesa bolognese di San Domenico, e minaccia di fare altrettanto con il Compianto di Niccol dell'Arca da Santa Maria della Vita, o l'Angelo di Michelangelo dall'Arca di San Domenico: tanto per imporre un biglietto a chi vuol godere di opere sempre visibili gratuitamente, e peraltro gi visitatissime.

Ma nell'immane calderone dell'Expo che il Traslocatore arriva all'apice. Qui esattamente nel circo di Oscar Farinetti ha allestito quello che il quotidiano online PaginaQ ha definito un supermercato dell'arte italiana, e che stato esemplarmente descritto da Federico Giannini.

Un supermercato che ora sfoggia sui suoi scaffali perfino il San Paolo di Masaccio del Museo Nazionale di San Matteo di Pisa: nonostante l'iniziale diniego del soprintendente (qua sotto la lettera originale), diniego poi rimangiato dopo inaudite pressioni politiche (alla faccia del primato e dell'indipendenza della tutela!).

E non basta: vanno a Milano otto statue colossali attribuite a Nicola e Giovanni Pisano, gi sul Battistero di Pisa e mai prestate perch troppo pesanti, e dunque ad alto rischio di danneggiamenti. In un appello, alcuni storici dell'arte (e anche chi scrive) si sono detti convinti che non si debbano mettere a rischio opere fragili e difficilissime da spostare, straordinarie nel loro contesto e non in mezzo alla distratta frequentazione di turisti alla ricerca di quelle sensazioni eclatanti che l'Expo milanese promette. E non ci sentiamo affatto tranquilli non solo riguardo alla movimentazione delle opere ma anche alla loro sicurezza, persino di fronte a possibili eventi eccezionali di cui i giornali hanno tanto parlato nei giorni scorsi. A chi dovremmo chiedere allora conto di un danno assoluto, ai talebani di casa nostra, cio tutti quelli che in nome dei grandi eventi permettono tali scempi?

Questi brutali e seriali traslochi di opere d'arte dimostrano definitivamente che Sgarbi non ha ormai nulla a che fare con la storia dell'arte come disciplina scientifica. D'altra parte, il Traslocatore non pubblica pi nulla di scientifico dal 1980, e questi elenchi telefonici della storia dell'arte italiana (conditi con qualche divagazione, e invariabilmente infarciti da alcune opere appartenenti al 'curatore') sembrano la caricatura di quelle antologie che Ugo Ojetti sparava a raffica giusto un secolo fa.

Solo il provincialismo italiano fa s che un modesto imbonitore come Sgarbi radicalmente sconosciuto in Francia, Inghilterra, Germania, Stati Uniti venga preso sul serio da un potere politico che impone alle soprintendenze di prostrarsi alle sue allucinanti richieste. E non basta nemmeno il fatto che sarebbe sufficiente in ogni Paese mediamente civile che Sgarbi sia un pregiudicato, condannato per truffa aggravata e continuata e falso ai danni dello Stato (in particolare della Soprintendenza del Veneto, di cui era ispettore), avendo riportato una condanna definitiva a 6 mesi e 10 giorni di reclusione e 700 mila lire di multa.

Possibile che nessuno dal ministro Dario Franceschini ai direttori generali, ai soprintendenti abbia la forza morale di fermare questo scempio, e di ritirare la licenza a questo inqualificabile traslocatore di opere d'arte?

http://articolo9.blogautore.repubblica.it/files/2015/05/Masaccio.jpg


news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news