LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CAMPANIA - CAPACCIO. Il tempio tra i rifiuti, scatta la denuncia
di Angela Sabetta
14 maggio 2015 La città di Salerno

CAPACCIO «Procederò con una denuncia e chiederò al sindaco Voza di avviare gli accertamenti per risalire ai responsabili dell'abbandono dei rifiuti. Non ne possiamo più: la verità è che questi incivili non meritano il patrimonio inestimabile che hanno». È amareggiata la direttrice del museo Marina Cipriani per lo sversamento di rifiuti nella parte retrostante l'ex stabilimento della Cirio nell'area archeologica di Paestum. La fabbrica per la lavorazione del pomodoro, risalente all'inizio del Novecento, fu acquistata nel 2005 dalla Soprintendenza per circa 3 milioni di euro. Lo stabile, oggi, versa in uno stato di forte degrado con i soffitti in parte crollati e gli scavi archeologici all'interno fermi per la mancanza di risorse. L'opificio è situato a ridosso del lato meridionale esterno delle mura di cinta dell'antica città di Poseidonia, e fu costruito sui resti di un antico santuario greco di Afrodite, in parte celato sotto l'ex fabbrica. «Nel 2007 abbiamo presentato un progetto – spiega la Cipriani – per ottenere un finanziamento che, però, ci è stato negato. Con le poche risorse che avevamo a disposizione abbiamo provveduto alla messa in sicurezza di una parte dello stabile ma, nel frattempo, il bene si è degradato ed ora è necessaria una cifra considerevole per sistemarlo e ristrutturarlo». La Soprintendenza, in questi anni, ha dovuto combattere anche con chi puntualmente forzava le porte di accesso per entrare all'interno, dove sono custoditi dei reperti archeologici rinvenuti sul posto durante gli scavi. Da tempo infatti, il santuario è a rischio saccheggio. «Non so quante volte ho provveduto – afferma Cipriani – a far saldare gli ingressi per evitare che si potesse accedere. Non so cosa altro potrei fare: di fronte a tutta questa inciviltà siamo impotenti. Non possiamo tenere il nostro personale, che già è ridotto dappertutto. La parte del santuario, retrostante lo stabilimento qualche tempo fa era stato sottoposto anche a restauro. Ora di concerto con il Comune provvederemo con un'azione di bonifica». L'acquisto dei ruderi dell' ex Cirio fu effettuato nell'ambito nelle risorse stanziate per il "Progetto grande attrattore Paestum-Velia" finalizzate alla riqualificazione del parco archeologico. L'ipotesi progettuale prevedeva il recupero dell'immobile per destinarlo a sede museale di esposizione delle necropoli e dei materiali del territorio di Paestum, e a sede di servizi connessi con il parco archeologico, in aderenza a quanto previsto dallo studio di fattibilità sulla città antica. La Soprintendenza presentò alla Regione nel 2007 un progetto per 5 milioni di euro che, come affermato dalla stessa Cipriani, fu bocciato. A dieci anni dall'acquisto la struttura sta diventando sempre di più un rudere e all'esterno l'erba continua a crescere raggiungendo le pareti dello stabile mentre i soliti balordi utilizzano l'area a mo' di discarica, sversando ogni sorta di materiale. L'auspicio è che l'area venga bonificata così potranno emergere anche i resti del santuario di Afrodite che nella parte esterna era stato comunque sottoposto a restauro.



news

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

Archivio news