LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CHIOGGIA Approvato dalla giunta il piano del centro storico
Diego Degan
19 maggio 2015 LA NUOVA VENEZIA



Abitate in una di quelle case "a campanile", alte e strette, del centro storico di Chioggia o Sottomarina e siete stufi di fare tre piani di scale per passare dalla cucina alla camera da letto? Oppure avete la fortuna di abitare in una casa grande, fin troppo per la vostra famiglia, ma impegnativa da ristrutturare? Dall'anno prossimo questi problemi potrebbero essere risolti con la "fusione" o con il "frazionamento" di questi immobili. Ma attenzione: se pensate di adibire il piano terra a garage, come prevede, del resto, lo stesso piano, incrociate le dita, perché siete nella mani della Salvaguardia che, nei prossimi mesi, dovrà dare il via libera all'approvazione definitiva da parte della giunta comunale. Tutto è legato al Piano particolareggiato dei centri storici che il Comune ha licenziato e che potrebbe essere operativo entro fine anno. Si tratta di una previsione urbanistica di dettaglio che prevede ciò che si può o non si può fare in centro storico. Un piano concepito nel 2007, i cui primi elaborati risalgono al 2009-2010 e adottato dalla giunta l'anno scorso. Il tempo trascorso da allora è servito per la fase delle osservazioni e delle controdeduzioni. «Abbiamo raccolto suggerimenti formali e informali di cittadini e anche di gruppi di operatori del settore», dice il sindaco Giuseppe Casson, «cercando di coniugare il necessario rispetto della struttura urbanistica e del valore storico della città, con le esigenze del vivere quotidiano, proprio per fare in modo che i chioggiotti rimangano a Chioggia e non se ne vadano lasciando una città deserta». Di qui, appunto, l'idea di poter intervenire sulle unità immobiliari, per rendere più "elastica" la fruizione delle abitazioni. In alcuni casi particolari, sarà possibile eseguire anche ampliamenti in altezza e larghezza (ma non sarà la regola), così come abbaini e altane (per queste ultime esistono norme specifiche). Resta la questione "garage" su cui, afferma il sindaco «abbiamo compiuto, anche con chi mi ha sostenuto fino a gennaio (il Pd, ndr) una scelta politica». In sostanza in una città che soffre la cronica mancanza di posti auto, questa norma libererebbe le calli dal parcheggio selvaggio e renderebbe la vita più facile a molti residenti. Qui, però, c'è un problema che traspare alle stesse parole del sindaco: la Sovrintendenza potrebbe non essere d'accordo perché si tratterebbe di interventi "pesanti" su edifici storici. Ad esempio verrebbero allargate tutte le porte al piano terra. «Faremo presente che questa è la richiesta dei cittadini di Chioggia», dice Casson, «e cercheremo di ottenere il via libera».




news

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

Archivio news