LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Verona. Rischi e degrado, è scontro sul futuro delle aree dismesse
Lillo Aldegheri
Corriere del Veneto - Verona 22/5/2015

«Supermarket unica ricetta»

VERONA. Il tema delle aree lasciate in abbandono e degrado (soprattutto, ma non solo, fabbriche dismesse) è di sempre più drammatica attualità. Giusto l’altra notte, in uno dei 17 punti della città che hanno ricevuto ufficialmente questa non esaltante qualifica (ovvero all’ex Manifattura Tabacchi, a fianco della Fiera) è esploso un incendio. Mentre altre aree vedono utilizzi notturni quanto meno «a rischio».
Il problema è stato più volte sollevato anche dal comandante della Polizia Municipale Luigi Altamura, che ha ricordato più volte come i proprietari siano responsabili della sicurezza anche di quegli edifici, e come ben poco invece facciano su questo tema. Adesso la questione arriva all’attenzione di una riunione congiunta, mercoledì prossimo, di due commissioni, quella che si occupa di Urbanistica e quella che si occupa di Sicurezza.
Le 17 aree (vedi elenco nella scheda a fianco) sono state indicate dalla giunta comunale come possibili sedi di insediamenti commerciali, in base al dettato di una legge regionale. L’assessore Francesco Marchi, ha spiegato come non sia affatto automatico che in tutte e 17 le zone arrivino altrettanti supermercati o centri commerciali. Ma solo il fatto che questa possibilità esista, ha scatenato una dura polemica da parte delle opposizioni. Per fare qualche esempio, all’ex Tiberghien è previsto un supermercato della Esselunga (bloccato dal veto della Sovrintendenza, che considera la zona, mura di cemento comprese, area da proteggere sul piano storico-architettonico). E di insediamenti commerciali si è parlato per l’ex scalo merci, all’ex Cardi, all’ex Lanificio Rossi di Montorio, all’Agorà della Croce Bianca e all’ex seminario vescovile, oltre che all’ex Area Biasi di Verona Sud, già destinata all’Ikea, prima che il progetto venisse dirottato verso la Marangona.
Ora il Pd chiede appunto una discussione a 360 gradi, che dovrebbe iniziare con la riunione di mercoledì prossimo e sulla cui necessità si sono detti d’accordo anche diversi consiglieri della maggioranza.
Secondo il capogruppo democratico, Michele Bertucco, e il consigliere Damiano Fermo, «molte delle grandi aree private dismesse già oggetto di innumerevoli annunci di riqualificazione da parte dell’amministrazione stentano a trovare sbocco pratico. Il tema della sicurezza all’ex Manifattura Tabacchi, alle ex Cartiere, alle ex Cantine Pasqua, all’ex Tiberghien e alle ex Officine Adige – sottolineano i due esponenti del Pd - è legato al disagio di tanti cittadini relativamente a cattive frequentazioni e fatti spiacevoli che accadono all’interno dei grandi contenitori privati abbandonati». Per il Pd è «innegabile che esso investa anche la vertenza dei vigili urbani poiché buona parte del superlavoro lamentato dagli agenti riguarda proprio i continui blitz e sgomberi». Che fare, allora? «Il Comune – concludono Bertucco e Fermo - ha il diritto e il dovere di richiamare i privati ad una maggiore attenzione rispetto a ciò che accade dentro le loro proprietà, ma ha anche il dovere di promuovere progettualità credibili».



news

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

Archivio news