LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Trentino. Basta con i parchi fortino
Marika Giovannini
Corriere del Trentino 23/5/2015

Lassessore Gilmozzi respinge le accuse. Recinto dei cervi, gli animalisti attaccano
S agli investimenti ma non ai parchi fortino. Cos Mauro Gilmozzi risponde a Zeni e Toffolon. Lassessore annuncia la convocazione di una conferenza di informazione.

TRENTO. Dire che bisogna investire nella tutela dellambiente e nelle aree protette giusto: un concetto che condivido. Ma non si pu sostenere che non abbiamo fatto nulla. Mauro Gilmozzi scorre le riflessioni del consigliere provinciale del Pd Luca Zeni e del presidente di Italia Nostra Beppo Toffolon sulla situazione dei parchi naturali (Corriere del Trentino di ieri). E maschera bene la punta di irritazione. Da queste dichiarazioni osserva lassessore provinciale allambiente capisco che necessario attivare un momento di informazione per comunicare ci che abbiamo fatto in questo settore. Di qui lannuncio: Mi impegno fin da ora a convocare una conferenza di informazione sul tema delle aree protette e della tutela del territorio. E a cogliere tutti i suggerimenti che arriveranno.
Assessore Gilmozzi, Zeni e Toffolon invocano una riflessione sulle aree protette e chiedono di recuperare la visione originaria dei parchi. daccordo?
Sono daccordo sul fatto che le aree protette rappresentano un fattore di sviluppo sul quale il Trentino deve puntare: penso alle aree protette, che sono circa il 30% del territorio provinciale, ma anche ad altre iniziative come le Dolomiti patrimonio dellUnesco, la nascita delle reti delle riserve, il prossimo riconoscimento di riserva della biosfera che sar assegnato a breve alle Alpi Ledrensi con una cerimonia a Parigi. giusto dire che in questi settori opportuno investire. E lo stiamo facendo. Ne un esempio il progetto TurNat, che punta a mettere in atto una strategia di valorizzazione delle aree protette garantendo un uso consapevole delle risorse territoriali con progetti sostenibili. Diversa la questione relativa al richiamo agli anni Ottanta: ecco, questo non lo condivido per nulla.
In che senso?
La visione passatistica del parco come fortino superata e intollerabile. Il nuovo approccio che abbiamo introdotto con la legge 11 del 2007 passa dal vincolo allo sviluppo equilibrato, dalla logica del fortino a quella del laboratorio. Abbiamo favorito la partecipazione dal basso, coinvolgendo 70 Comuni e 7 Comunit di valle. Abbiamo costituito sette reti delle riserve, da quella del Baldo a quella di Cembra. E a breve arriver lottava, nellAlto Noce. Per le reti delle riserve abbiamo investito 2,5 milioni. Questo il risultato di otto anni di lavoro, di investimento in cultura, formazione, educazione.
E si proseguir in questa direzione?
Non condivido lidea del parco vietato, con vincoli calati dallalto. La strada che abbiamo imboccato quella di un parco dove la conservazione vissuta come un momento di partecipazione e cultura, dove la tutela rappresenta la chiave dello sviluppo, dove conservazione e sviluppo sostenibile fanno parte di un unico processo. In questo modo siamo passati dalla diffidenza verso queste aree al protagonismo convinto, dalla sfiducia alla fiducia, dalla chiusura allopportunit di sviluppo, tenendo conto che noi non abbiamo a disposizione gli spazi naturali dei parchi degli Stati Uniti e del Canada. Abbiamo le Alpi, un territorio straordinario e vissuto. Per questo dico che tornare alla logica degli anni Ottanta sarebbe sbagliato. Tanto pi che la nostra prospettiva in linea con le parole chiave dellUnione europea.
Eppure ci sono episodi che hanno coinvolto aree protette e che hanno fatto discutere non poco negli ultimi mesi. Dal caso, eclatante, di Serodoli fino alla vicenda pi recente delle esercitazioni militari in val di Tovel.
Agli impianti di Serodoli abbiamo sempre detto di no. Mentre per quanto riguarda le esercitazioni militari si parlava di una scialpinistica. Certo, ci sono delle questioni sulle quali anchio sono contrario.
Ad esempio?
Non condivido lidea di mettere dei cervi in un recinto, come stato prospettato a Pinzolo. Ma da qui a liquidare tutto il lavoro che abbiamo fatto con un non si fa nulla ce ne passa.
LOsservatorio spontaneo sul rispetto per lambiente sollecita una modifica della legge per fare in modo che chi guida i parchi sia motivato e preparato.
Nella rete delle aree protette provinciali le decisioni vengono prese da tutti i soggetti interessati. Non possiamo allargare di pi: i nostri parchi sono i pi partecipati in assoluto.
Si confronter con Zeni e Toffolon?
Di pi. Mi impegno a convocare una conferenza di informazione su questo tema e a cogliere tutti i suggerimenti che arriveranno. Voglio che si sappia ci che la Provincia sta facendo.



news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news