LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Modena, la città che risale
Roberta Scorranese
Corriere della Sera 24/5/2015

L’economia ha sanato le ferite. Ora la modena del post-sisma riscopre le sue radici con l’arte

Quando non facevano una guerra, gli estensi davano una festa. Anzi, un’ allegrezza : popolana e popolare, rumorosa, con fuochi artificiali e scenografie memorabili. Bernini le snobbava, ma i modenesi ne andavano pazzi e adoravano i duchi, specie quel Francesco I d’Este (1610-1658) che capì l’importanza dei circenses nell’epoca barocca. Oggi però, a Modena, i gaudenti estensi sembrano dissolti, schiacciati dal modello economico-produttivo emiliano (terra e autonomia, lamiere e aceto balsamico, coop e zampone). Il Palazzo Ducale ospita l’Accademia militare, la Galleria d’arte è stata chiusa tre anni a causa del terremoto del 2012. «Tanti ragazzi non sanno nemmeno chi era il duca!» allarga le braccia il sindaco, Gian Carlo Muzzarelli.
Eppure qui le tracce di quella dinastia intraprendente e ciarliera si ritrovano proprio nel gusto della festa , intesa come spettacolo, musica (da Guccini all’Equipe 84), sensibilità artistica (Pavarotti, Freni), grandeur (la Ferrari). Di qui l’idea: riaprire la Galleria Estense, scrigno della ricca collezione dinastica, con una grande festa, le Notti Barocche. « Allegrezza , più che festa — puntualizza Michelina Borsari, anima del Consorzio Festivalfilosofia, che cura il programma — perché sono fatte non per pochi, bensì per la gente. È un invito a palazzo allargato».
Dal 29 al 31 maggio, la città si veste di opere d’arte contemporanea (Marco Nereo Rotelli, per esempio, ha fatto una macchina per la luce in movimento), di musica e di lezioni magistrali (Irving Lavin e Marc Fumaroli). Poi, come si faceva al tempo degli Estensi, si potrà concludere la festa con una visita alla galleria. Che finalmente riapre e diventa un cardine intorno al quale la città si vuole stringere.
«Il sisma — dice il sindaco — ci ha insegnato tanto. Oggi le imprese fanno squadra: si pensi al Discover Ferrari & Pavarotti Land , un circuito che unisce le bellezze del territorio all’economia produttiva, sostenuto dai privati. I consorzi si sono rafforzati e i distretti sono usciti dalla crisi (l’export del Biomedicale, il distretto più forte della Bassa modenese, è cresciuto del 9,7% nel 2014, ndr ) grazie anche a un meccanismo di reciproco sostegno».
Se l’economia ha sconfitto le ferite del terremoto, quello che si avverte sotto il bellissimo duomo spolverato di rosa-tramonto, è una grande voglia di radici. Di unità. Per esempio, aziende e privati hanno contribuito ai restauri della Galleria e al nuovo allestimento curato dall’ex Soprintendenza.
Stefano Casciu, uno degli storici dell’arte che ha ridisegnato lo scrigno , fa strada nel palazzo: «Nel nuovo progetto non ci sarà solo la collezione dinastica ma avranno casa anche opere che decoravano il castello di Ferrara, come lo Spinario , o i primitivi toscani. Si ricostruiscono il collezionismo e il mecenatismo dei signori».
Ci sono il busto di Francesco I del Bernini e il ritratto del duca firmato da Velázquez (non tutti sanno che era solo una prova , un preludio a un grande dipinto a cavallo che non fu mai eseguito perché nel frattempo estensi e spagnoli erano diventati nemici). Ogni opera è un tassello di storia della città.
L’imponente Crocifisso di Guido Reni (1636) nacque come ornamento di un piccolo oratorio privato, ma poi il duca Ercole III d’Este lo fece requisire. Venere, Marte e Amore (1633) commissionato a Guercino da Francesco I, è un’opera quasi interattiva: se la guardi ti sembra che Cupido stia per colpirti con il dardo, dunque è un votarsi all’amore. Ci sono le opere che Francesco I acquisì per rimediare al depauperamento delle collezioni causato dalla vendita di capolavori all’Elettore di Sassonia. Ci sono i Correggio, gli addentellati toscani (bellissimo il Compianto di Michele da Firenze, del 1443) o romani, strumenti musicali dai preziosi intarsi — c’è anche la famosa Arpa Estense del 1558 che era riprodotta sulle vecchie mille lire.
Lo spirito della città: ottimismo e istinto per le cose irriproducibili (come il cotechino o Vasco Rossi), capacità di riscosse collettive e dinamismo, visionarietà — ce ne vuole per trasformare un festival di Filosofia in una kermesse che richiama migliaia di persone. Gli Estensi rivivono. Per fortuna, nella festa, non nelle guerre.



news

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

Archivio news