LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FIRENZE - Spunta a S.M.Nuova un altro capolavoro del Cinquecento
MICHELE BOCCI
LA REPUBBLICA, edizione di FIRENZE - 28 maggio 2015

Trovato un affresco di Allori durante i lavori di ristrutturazione in un vecchio deposito. Non se lo aspettavano. Se lo sono trovato davanti mentre erano impegnati nel restauro di una delle innumerevoli sale gioiello di Santa Maria Nuova. Di quelle che nei secoli sono state cappelle, refettori, depositi. Puntavano a ripulire alcuni affreschi cinquecenteschi di Alessandro Allori raffiguranti i quattro evangelisti. Ma rimuovendo parte dell'intonaco anche dal muro non interessato dai lavori si sono trovati davanti un altro affresco, molto grande, che copre tutte le pareti ed da attribuire allo stesso autore, apprezzato allievo del Bronzino. Probabilmente la pittura prosegue pure al piano inferiore, dove ci sono alcuni uffici della direzione sanitaria dell'ospedale, visto che il solaio presente oggi non c'era quando venne costruita la cappella. Erano molti anni che l'ospedale fiorentino di Santa Maria Nuova non consegnava un gioiello sconosciuto alla citt. In tempi recenti si lavorato sul restauro di opere magari rovinate o coperte ma sempre note. La scoperta avvenuta tre mesi fa e solo in questi giorni i restauri stanno facendo capire quello che c'era sotto secoli di intonaco. La zona dove comparsa l'opera attribuita ad Allori o alla sua scuola, si trova all'apice di quella che era la struttura a croce dell'area di ricovero maschile, verso via degli Alfani. La Cappella venne costruita nel 1575 in una posizione che potesse essere vista dai letti della corsia, cos da permettere ai ricoverati di pregare. Si sapeva degli evangelisti ma non del disegno di una sorta di baldacchino retto da angeli che doveva dare risalto all'altare del Giambologna, opera che adesso si trova nella chiesa di Santo Stefano al Ponte Vecchio. L'ospedale nei secoli cambiato e quell'ambiente stato utilizzato in vari modi. L'ultimo era un deposito, un'area dove pazienti e visitatori non possono entrare. E ora si cerca il modo per renderla visibile, una volta concluso il restauro. Resta anche da risolvere il noto del piano inferiore, dove ci sono quattro stanze utilizzate dall'amministrazione. Dalla Asl fanno sapere che la Soprintendenza ha intenzione di approfondire le ricerche e che alcuni studiosi hanno gi dimostrato il loro interesse per la scoperta, fatta dalle restauratrici alle quali la Asl ha affidato nel 2014 il recupero del patrimonio pittorico e scultoreo di Santa Maria Nuova. L'ospedale da anni ormai ( anche troppi ) sta affrontando una ristrutturazione delle aree sanitarie ma visto che si tratta di una delle strutture sanitarie pi antiche d'Europa, che contiene almeno 750 opere d'arte e tante ne ha a suo tempo donate a vari musei, si approfittato dei lavori anche per restaurare il patrimonio artistico. A Santa Maria Nuova gi aperto un percorso museale sopra al nuovo ingresso. Ora i visitatori possono vedere vari crocifissi ma il progetto, come spiega Esther Diana, direttrice del centro di documentazione per la storia dell'assistenza sanitaria, prevede nei prossimi mesi l'apertura al pubblico anche dello spazio sopra la chiesa, che affaccia sempre sulla piazza, con altre opere di carattere religioso e reliquie. "Non si finisce mai di stupirsi di Santa Maria Nuova", dice Diana. Opere che erano nate per l'ospedale sono esposte in vari musei, come il "Cristo che mostra la piaga" di Dello Delli che si trova al Victoria and Albert museum di Londra o il trittico Portinari agli Uffizi, o un erbario alla Specola. Al patrimonio di Santa Maria Nuova bisogna aggiungere quello di San Giovanni di Dio a Borgo Ognissanti, altra struttura sanitria antica che vive un periodo di incertezza. L'azienda vorrebbe liberarsene ma non trova acquirenti che ne facciano un centro sanitario, come imposto da chi ha lasciato in eredit l'antico ospedale. Intanto quasi tutti gli ambienti sono deserti. Da domani, quattro opere d'arte della Ash saranno esposte al Palazzo Pretorio a Prato. Si tratta di un olio su tavola della fine del diciassettesimo secolo attribuito alla Bottega di Bartolomeo Bimbi e raffigurante "Cinque vasi di fiori (capoletti ) " proveniente dall'ospedale San Giovanni di Dio, mentre da Santa Maria Nuova sono stati messi a disposizione un Crocifisso in legno policromo del 1520 di Francesco da Sangallo, l'affresco staccato di 1 metro e 70 per 2 metri e 90 intitolato "Resurrezione" di Niccol di Pietro Gerini, del 1385 e il "Ritratto del Conte Angiolo Galli Tassi", un olio su tela della seconda met del diciannovesimo secolo di ignoto fiorentino, attribuito a Eufemio Grazzini.



news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news