LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI - La città, il degrado. Scritte sui leoni e niente botteghe così muore piazza Plebiscito
IL MATTINO - 29 maggio 2015

È rifugio di clochard e drogati «Passano i sindaci tutto resta uguale» Rispuntano i graffiti sulle statue nel «cuore» di Napoli restaurato per l’arrivo a marzo del Papa Gennaro Di Biase Ci risiamo, riecco le scritte al Plebiscito. I lavori, sotto al colonnato, sono finiti da un paio di mesi. Per l’arrivo di Papa Francesco, a marzo, la piazza era stata riaperta ed era apparsa immacolata e splendente. Oggi regnano di nuovo il deserto, i graffiti, l’immondizia e i materassi. Sono loro che occupano il simbolo di Napoli. E con loro è tornata anche l’amarezza. Perché i nuovi graffiti sono freschissimi, sui restauri altrettanto freschi. E perché a quasi un anno di distanza dalla consegna delle domande di assegnazione dei locali del colonnato («circa 200», dicono dal Comune), la gran parte di essi resta vuota. Nulla ha potuto la bellezza della piazza di fronte alla volontà di «Alessia, Sara e Alfredo», tre ragazzini incivili, di imbrattare coi loro nomi il leone di fianco alle scale. Nulla ha potuto l’importanza storica della location al cospetto di chi, armato di bomboletta spray rossa, ha scarabocchiato il muro appena rifatto del portico scrivendoci sopra «Bif» a caratteri cubitali. «Questo graffito rosso è di poco fa – dice Sergio Capolongo, titolare di Farina & Co, la pizzeria che ha riaperto sul colonnato da pochi mesi dopo 2 anni di lavori – Bif è il soprannome di uno dei ragazzini che frequentano il Plebiscito di sera. C’è una cattiva gestione della piazza. Qui ci vengono a giocare a pallone e a farsi gli spinelli. Il problema principale è l’isolamento. La libreria non ha mai riaperto dalla fine dei lavori. Tra pochi giorni probabilmente saranno imbrattati di nuovo anche i cavalli». Troppo tardi invece per i leoni, che sono quasi tutti già rivandalizzati da spray di ogni tipo. Al centro del colonnato c’è l’insegna, già distrutta con un calcio, che dovrebbe spiegare ai turisti la storia della basilica di San Francesco di Paola. Nell'emiciclo destro sono rimaste alcune transenne: una piccola area ancora cantierizzata delimitata da reti metalliche e legni. All’interno i clochard sono tornati a trovarvi rifugio: si vedono un materasso, qualche coperta e vari sacchi di immondizia. Il degrado, per chi cammina sotto il colonnato del Plebiscito, è forse più debole solo del senso di vuoto. Sembra un deserto metafisico in stile De Chirico, ma qui l’arte cede il posto alla desolazione. Porte e saracinesche sono più di venti. La maggior parte di esse è sbarrata. Tolti la pizzeria, il bar adiacente, un negozio di artigianato inaugurato da meno di un mese, un ufficio, l’associazione «Vittime incidenti stradali», è tutto off limits. L’archivio fotografico Parisio qui ha chiuso i battenti. Come mai c’è il niente invece delle botteghe di cui si era parlato a lavori in corso?. «I locali sono di proprietà della Prefettura – spiega l’assessore all’Urbanistica del Comune, Carmine Piscopo – Presto sarà firmato il protocollo per rendere i civici 6 e 7 un accesso diretto dalla piazza all’ipogeo. Vorremmo che il colonnato diventasse una vetrina delle migliori produzioni partenopee. La situazione è complessa e richiede particolare cautela. I locali dell’emiciclo destro sono ampi, al contrario di quelli dell’emiciclo sinistro che invece hanno una profondità ridotta». Proprio la questione della profondità dei locali potrebbe essere un ostacolo nel già complesso processo di assegnazione. La Prefettura, contattata giorni fa, sulle assegnazioni ha voce in capitolo e nei prossimi giorni fornirà risposta. La faccenda è ingarbugliata: sono molti gli enti coinvolti quando si parla del Plebiscito (Soprintendenza; Demanio, proprietario del camminamento; Prefettura, che detiene alcuni locali; Curia, che ha la basilica; Comune, che possiede il piano della piazza) e si è in attesa di capire se presto verranno assegnati altri spazi dei circa 12 ancora chiusi. «Anche noi, come altre attività prestigiose napoletane, di abbigliamento e oggettistica, facemmo domanda per aprire sotto al colonnato – dice Arturo Sergio dello storico e vicino bar Gambrinus – Il problema? Non si riesce a capire quale destinazione dare alla piazza. Sono passati tre sindaci e non cambia niente». La denuncia Chiuse la maggior parte delle vetrine sotto il colonnato: per riaprirle un anno fa furono consegnati 200 progetti. L’assessore: «Locali di proprietà della Prefettura» I monumenti Plebiscito, solo vandali e progetti al palo Riecco le scritte al Plebiscito. I lavori, sotto al colonnato della chiesa di San Francesco di Paola, sono finiti da un paio di mesi. Regnano di nuovo il deserto, i graffiti, l’immondizia e i materassi. Una situazione di nuovo d’emergenza nei controlli che si incrocia con lo stallo dei progetti. A quasi un anno di distanza dalla consegna delle domande di assegnazione dei locali del colonnato («circa 200», dicono dal Comune), la gran parte di essi resta vuota.



news

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

Archivio news