LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA-Ritrovati alcuni resti dell'Arco di Tito durante scavi al Circo Massimo
www.rainews24.it, 28/05/2015

Sono parti in marmo lunense dell'attico e della trabeazione. Riscoperti anche il pavimento in lastre di travertino e quattro plinti frontali Tweet30 28 maggio 2015 Gli archeologi della Sovrintendenza capitolina hanno ritrovato, durante i lavori di scavo e restauro dell'emiciclo del Circo Massimo, alcuni grandi frammenti dell'Arco di Tito. Si tratta di parti in marmo lunense dell'attico e della trabeazione, la membratura orizzontale che collega i piedritti verticali di sostegno. Sono stati riscoperti, inoltre, il pavimento antico in lastre di travertino, tre plinti frontali e una parte del sostegno della quarta colonna. Lo “straordinario ritrovamento” è stato reso noto dall'assessorato alla cultura di Roma e dalla Sovrintendenza capitolina. Le indagini, ancora in corso, sono state complesse perché lo scavo era ricoperto da falde acquifere, come gran parte delle strutture archeologiche. Tuttavia, lo strato di riporto che copriva parte delle strutture ha permesso anche la conservazione di alcune strutture murarie tardo-antiche o alto-medievali, attualmente in fase di studio. Il Monumento L'ampiezza dell'arco è stata calcolata di 17 metri circa, profondità di 15 metri e altezza di 10 metri. È al momento in fase di realizzazione - in collaborazione con la facoltà di Architettura dell'Università Roma Tre - la ricostruzione multimediale del monumento. L'Arco era stato dedicato a Tito nell'81, anno della sua morte, per celebrare la vittoria sui Giudei e la distruzione di Gerusalemme. Il Monumento si erigeva al centro dell'emiciclo del Circo Massimo e assumeva un ruolo particolarmente importante durante le processioni trionfali che celebravano le vittorie dei generali o degli imperatori dell'antica Roma. I cortei trionfali, dopo aver sfilato lungo il Circo Massimo, passavano al di sotto e proseguivano per il tempio di Giove Capitolino, sul Campidoglio. La struttura Il monumento era a tre fornici intercomunicanti, con una platea e una scalinata sulla fronte verso il circo, mentre si collegava con due gradini con il piano di calpestio esterno all'edificio. La fronte era caratterizzata da 4 colonne libere e 4 lesene retrostanti aderenti ai piloni. Era sormontato, sull'attico, da una grandiosa quadriga bronzea. Alla fine dell'VIII secolo l'arco doveva essere ancora in piedi, poiché l'Anonimo di Einsiedeln trascrisse l'iscrizione posta sull'attico. Nel corso del XII secolo, poi, il fornice centrale viene occupato dal canale dell'Acqua Mariana, un acquedotto medievale ancora chiaramente visibile al centro dell'area dell'arco. Gli scavi eseguiti nel 1930 demolirono le strutture e i caseggiati che nel tempo si erano sovrapposti a quanto rimaneva della parte centrale dell'emiciclo, riportando alla luce numerosi elementi architettonici riutilizzati anche in epoca medievale.



news

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

Archivio news