LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FIRENZE-Storia esemplare di un restauro
Marcello Lazzerini
www.lindro.it, 29/05/2015

La Cappella dei Principi, cio il Mausoleo dei Medici, la dinastia che per secoli ha dominato Firenze, uno dei Musei pi visitati di Firenze. La gigantesca cupola, fuori scala rispetto alla pur grandiosa basilica di S.Lorenzo, la seconda per grandezza dopo quella ben pi celebre del Brunelleschi. Da sedici anni al suo interno troneggia un sistema di impalcature, la cui presenza peraltro non ha impedito il normale flusso dei visitatori, richiamati dalla solennit del luogo oltrech dal fatto che in una strettissima stanza segreta (7 metri per due) e inaccessibile, si trovino i bozzetti disegnati sulle pareti con il carboncino da Michelangelo durante i tre mesi dellassedio di Firenze del 1529, peraltro visibili attraverso un video di fronte al quale sosta il pubblico.

Ma i ponteggi non sono ad uso esclusivo dei tecnici e degli operai specializzati: su di essi sono transitate pi di cento persone, studenti delle facolt di architettura e delegazioni di prof provenienti dalla Cina e dal Giappone, oltre allarchitestar Daniel Libeskind, che hanno avuto parole di ammirazione per il complesso e delicato lavoro di restauro e consolidamento delle pareti abbellite dalle splendide decorazioni in marmo policromo. Ebbene, anche noi abbiamo avuto la fortuna ed il privilegio di salire sui ponteggi per visitare il cantiere, potendo ammirare dallalto, cio da una prospettiva inconsueta, la maestosit della Cappella, che appare pi grande di quanto in realt non sia, ed apprezzare da vicino il delicato quanto complesso lavoro di restauro dei marmi. Preziosa guida larchitetto Alessandra Marino, attuale Soprintendente Belle Arti e Paesaggio di Firenze Pistoia e Prato, ma soprattutto progettista e direttrice dei lavori dal 1999 al marzo del 2002, incarico poi assunto dallarchitetto Vincenzo Vaccaro, assistito da Franco Vestri e da Mauro Masini.

Tutto cominci nel novembre del 99 quando accadde un incidente assai preoccupante: il distacco dalla vela sud della Cupola di un grosso blocco di marmo che cadde al suolo. Un incidente avvenuto di notte, quindi fortunatamente senza vittime, le cui cause dovevano essere immediatamente indagate. Cosa stava succedendo alla Cupola? Quali i rischi per la struttura? Furono giornate intense di studio e notti insonni per venire a capo dellenigma. Temevamo per la cupola e lincolumit pubblica. Immediatamente furono iniziati i lavori di messa in sicurezza e la completa verifica della struttura della Cappella compresa la realizzazione di un sistema di monitoraggio, tuttora operante, per conoscere il comportamento statico della struttura nel corso del tempo, al mutare delle temperature e al variare dei livelli di falda. Presto ci rendemmo conto che, nonostante la staticit non era il problema.. E comprendemmo che, diversamente da quel che poteva apparire, la Cupola costituita da un complesso sistema di murature portanti, collegate tra loro da archi di scarico ed alle quali sono ancorati pannelli in pietra serena, di notevole spessore, che servono da supporto ai marmi policromi a vista, uniti ai primi tramite grappe e collanti. Era stato proprio il sistema di ancoraggio originario la causa di quel cedimento, dovuto allarrugginirsi nel corso dei secoli dei ganci in ferro che tenevano fissi alle pareti i pesantissimi blocchi di marmo ( del peso di un quintale ciascuno!). Stabilito ci si pass subito a studiare come poter intervenire per il restauro e il ripristino dei marmi policromi. E per raggiungere lo scopo approntammo una tecnica innovativa e antica al tempo stesso, che ha portato ai risultati di oggi.

In che cosa consiste questa tecnica innovativa?

Nell aver smontato per poi rimontarlo con sistemi modernissimi, tutto il rivestimento dei pannelli marmorei. E nellaver sostituito lantico e originario sistema di ancoraggio con uno nuovo, moderno, consistente in un traliccio metallico piegato ad arco e posizionato in aderenza alla volta incastonare i marmi policromi.

Quel traliccio, che a noi pare una finestra, contiene i rivestimenti rimossi e recuperati fissati alle pareti della vela.

E questa la tecnica innovativa che ha permesso di riposizionare la decorazione marmorea nella posizione originaria e in piena sicurezza per eventuali altri interventi che si dovessero rendere necessari in futuro. E mentre larchitetto Alessandra Marino si sofferma sugli aspetti tecnici dellintervento, il tecnico Giovanni che ha partecipato a tutte le fasi delloperazione di verifica e di riposizionamento dei preziosi marmi, mostra i ganci arrugginitisi col tempo, che per secoli hanno tenuto incollati alla vela i pesanti blocchi di marmo. Utilizzare lo stesso sistema ora non sarebbe stato possibile n avrebbe dato garanzie di sicurezza. Larchitetto Vincenzo Vaccaro, direttore dei lavori, definisce questa tecnica antica e innovativa con limpiego di malta di pozzolana e acciaio inossidabile. Anche lui non nasconde il proprio entusiasmo. Dopo 40 anni di attivit nel campo del restauro posso attestare che questi 14 anni trascorsi nel cantiere delle Cappelle Medicee sono stati quelli nei quali ho trovato la maggiore soddisfazione. Le complesse metodologie di consolidamento e restauro adottate in questo cantiere, unico nel suo genere, sono state elaborate grazie ad un sapiente lavoro collettivo di diverse professionalit e la qualit raggiunta rappresenta la dimostrazione dellalta competenza delle ditte presenti in cantiere.

Secondo Alessandra Marino, si tratta di un cantiere pilota, esemplare in tutte le sue fasi, da quella iniziale di pronto intervento, a quella dellanalisi dello studio e del monitoraggio, fino a quelle progettuale e operativa. Un brillante esempio di come gli interventi condotti dalle strutture pubbliche debbano costituire esperienze pilota in cui lintervento diventa anche occasione di conoscenza della nostra storia e del saper fare nelloggi come nellattualit.

Esclusi dunque problemi di staticit? S, la staticit della struttura non d pensiero, inoltre costantemente monitorata e i parametri rilevati sono confortanti: ha ben resistito a terremoti, variazioni climatiche ed altro Ora il restauro in corso, manca poco a finire, impedir altri eventuali movimenti e distacchi. Un tema, quello dellesemplarit, su cui pone laccento anche Monica Bietti, Direttrice del Museo delle Cappelle Medicee. Lintervento eseguito esemplare delle conoscenze e delle capacit tecniche tutte italiane per le quali dobbiamo essere fieri. Maestranze esperte hanno affiancato i nostri tecnici e il risultato un lavoro meraviglioso che da lontano non mostra segni dintervento. Credo, senza paura di smentita, che questo intervento di restauro sia uno dei pi importanti dellultimo ventennio e spero che rapidamente possano essere reperiti i fondi per portarlo a conclusione e poter riammirare la Cappella dei Principi nella sua maestosa possenza e splendore di marmi policromi.

Gi, i fondi. Ne sono stati spesi grazie allintervento pubblico oltre 2 milioni e 700 mila euro. Se avessimo ricevuto finanziamenti costanti da parte dello Stato i lavori sarebbero durati quattro o cinque anni, spiegato Marino e Vaccaro. E tuttavia, stato lintervento pubblico a consentire tale complessa opera per la conclusione della quale servono ancora 750 mila euro. Una cifra per la quale i responsabili del museo che, con la riforma Franceschini sar accorpato al Bargello, confidano di poter ottenere per la prima volta erogazioni private, grazie ai benefici fiscali ( che prevedono fino al 65% di detrazioni) previsti dalle nome sullart bonus. Del futuro del Museo se ne dovr occupare non appena sar nominato il nuovo direttore-manager. Nel frattempo spiega Paola Grifoni, segretario regionale del Mibact per la Toscana abbiamo dedicato la massima attenzione a questo luogo di sepoltura dei granduchi di Toscana, divenuto un museo visitato ogni anno da migliaia di turisti (oltre 317 mila le presenze lo scorso anno), superando da sei mesi con adeguati interventi le barriere architettoniche che non sono pi un ostacolo per i disabili e dotandolo dei supporti video per la conoscenza dei luoghi inaccessibili.

Le Cappelle Medicee, nascono come mausoleo della famiglia Medici, edificate come simbolo del potere della dinastia, poi dopo la loro scomparsa, si sono trasformate in un museo, definito anche uno Scrigno di pietre dure. Dopo il concorso che vide prevalere il progetto di Matteo Nigetti e di Giovanni de Medici su quello del Buontalenti e del Silvani, la costruzione fu condotta dal 1605 al 1640 dallo stesso Nigetti che ne complet la struttura al grezzo. Successivamente i lavori subirono un forte rallentamento, fino a quando, nel 1740, lultima rappresentante di casa Medici, Anna Maria Luisa, lElettrice Palatina, intese completare limponente mausoleo affidando ai fratelli Ferdinando e Giuseppe Ruggieri il proseguimento dei lavori. Ci che avvenne con notevoli cambiamenti alla fabbrica gi realizzata dal Nigetti: realizzando in particolare su ogni lato della Cappella ununica ampia apertura. Il modello ligneo conservato allinterno della Cappella descrive compiutamente il loro progetto che prevedeva il completamento della cupola con la spartitura del rivestimento in cotto con otto costoloni marmorei fino a concludersi in una lanterna che riproponeva sostanzialmente limmagine della vicina cupola brunelleschiana.

La morte nel 1743 dellElettrice Palatina lasci incompiuto anche il progetto dei Ruggieri e tutti i lavori di completamento della fabbrica procedettero con estenuante lentezza, prima nel 1821 con la chiusura della cupola con un lanternino a vetri compiuto dal Cacialli, poi con la decorazione a fresco delle otto vele realizzata da Piero Benvenuti, direttore dellAccademia di Belle Arti, infine con la pavimentazione in marmi policromi che iniziata nel 1874 dal Marchionni e conclusa negli anni 60 del Novecento dal Bartoli. Il detto fiorentino sembra lOpera del Duomo riferito a lavori interminabili, dunque applicabile anche alla Cappella dei Principi. Ma oltre che per la possente struttura, lopera celebra il trionfo della manifattura fiorentina delle Pietre Dure per la ricchezza e il fulgore del suo interno. Anzi, il celebre Opificio, noto in tutto il mondo per leccellenza dei suoi lavori, fu costituito proprio per la realizzazione delle Cappelle. Limmagine e la suggestione di chi si trova nella vasta sala di unampiezza maggiore di quella reale. Sulle pareti gli stemmi delle citt del Granducato sedi di diocesi (Pienza, Chiusi, Sovana, Montalcino, Grosseto, Pisa, Massa di Maremma, Siena, Fiesole, Pistoia, Firenze, Borgo Sansepolcro, Volterra, Arezzo, Montepulciano, Cortona) realizzati in pietre dure e materiali pregiati (diaspri, alabastri, quarzi, lapislazzuli, coralli, madreperle) fanno da cornice ai cenotafi dei granduchi posti nelle edicole perimetrali. Limpressione definitiva quella del potere e della magnificenza della casa Medici. Uno Scrigno di pietre dure, allinterno della cupola che affianca la celebre austera ed elegante Basilica di S.Lorenzo del Brunelleschi, che era la chiesa di famiglia Medici e che racchiude al suo interno la Sagrestia Nuova con le famose opere di Michelangelo, il quale aveva progettato anche la facciata della Chiesa. Un complesso unico e prezioso che richiede grande attenzione e adeguati mezzi. Adesso c da sperare in tempi brevi nellintervento privato per completare lopera di restauro della Cappella dei Principi.



news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news