LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pompei: calchi in mostra, esame Dna
Antonio Ferrara
21 maggio 2015 LA REPUBBLICA



AVEVANO cercato scampo lungo la scala che conduceva al giardino e alla marina. Una ricca famiglia pompeiana, giunta forse in citt dopo l'eruzione del 62 dopo Cristo. Erano in quattro, padre, madre e due bambini. Benestanti, con una vasta dimora abbarbicata su quelle che una volta erano le mura di Pompei. Una casa terrazzata, con ninfeo e vista panoramica sul golfo. Ci sono anche i calchi della famiglia della Casa del Bracciale d'oro nella mostra che si inaugura il 26 maggio nell'Anfiteatro di Pompei. La ricca matrona pompeiana, con il bimbo ritto sul grembo, morta nel tentativo di aiutare il piccolo a restare con la testa in alto, quasi a volergli dare pi aria per respirare. La mamma indossava un'armilla in oro da 610 grammi, un gioiello eccezionale, attorno ai corpi altri gioielli, quaranta aurei e 170 denari d'argento, uno coniato non prima del settembre del 79 dopo Cristo dall'imperatore Tito, il che ha indotto alcuni studiosi a spostare la data dell'eruzione da agosto a ottobre. Saranno venti (tra gli 86 da restaurare) i calchi visibili nell'allestimento top secret di Francesco Venezia all'interno di una piramide in metallo e legno montata nell'arena dell'anfiteatro pompeiano. La struttura gi pronta, rivestita con pannelli di legno. L'interno come un antro, un vulcano al negativo, con un sistema di vista che permetter di ammirare i venti calchi da vari punti. Alcuni reperti saranno sospesi nel vuoto, un gioco di luci render coinvolgente l'esposizione, che comprende anche la riproposizione di una meridiana solare. Una vera e propria "Wunderkammer", una stanza delle meraviglie, con il raggio solare che entra nella piramide di Pompei e si collega all'altro allestimento, quello della Sala della Meridiana del Museo archeologico nazionale di Napoli. Qui, sempre il 26 maggio, va in mostra la seconda sezione della mostra "Pompei e l'Europa 1748-1943", con 250 capolavori d'arte come le "Deux femmes courants sur la plage" dipinte da Picasso nel 1922 o i "Gladiatori" di Giorgio de Chirico (1927). Il progetto di restauro dei calchi finalizzato anche alla fruizione - spiega il soprintendente di Pompei, Massimo Osanna- non sono statue o figure, ma esseri umani ai quali restituiamo dignit. Ci testimoniano non solo il momento intimo dell'ultimo istante di vita, ma consentono il recupero dell'aspetto e della fisionomia. Faremo un libro e un documentario per raccontare questa storia . Il restauro prevede la pulizia e la ricomposizione di arti e parti che si sono staccate. I calchi pi antichi non erano stati mai inventariati perch, considerati esseri umani, non vennero censiti come reperti. Ora lo studio prevede una loro catalogazione. Giuseppe Fiorelli, l'inventore della tecnica nel 1863, parl del suo metodo come di calchi rapiti alla morte prefigurando che l'archeologia non si studier pi sulle statue ma sugli esseri viventi. Secondo gli studiosi, a essere fissati nell'attimo della morte non furono i pompeiani periti nel corso della prima fase dell'eruzione, quando i tetti crollarono e schiacciarono molte delle vittime. Quelli inglobati nei calchi sono i resti degli abitanti sopravvissuti alla prima fase e che poi furono uccisi dalla nube ardente ad altissimo calore, oltre 300 gradi, che "abbrustol" i tessuti all'istante, incollando gli abiti alla pelle, ma senza bruciarli. E lasciando intatte le ossa all'interno dei cadaveri carbonizzati nella seconda fase dell'eruzione. Una delle novit emerse dall'intervento di restauro che i calchi fatti a partire dal 1863 erano di qualit decisamente superiore a quelli realizzati negli ultimi 50 anni. Lo hanno spiegato il responsabile del laboratorio di restauro della soprintendenza di Pompei, Stefano Vanacore, e il direttore della ditta Atramentum, Giancarlo Napoli, che sta eseguendo gli interventi. Ai tempi di Giuseppe Fiorelli venne utilizzato gesso ricavato da alabastro cotto in forno e colato misto a un collante nelle forme impresse dalle vittime nel materiale vulcanico del 79 dopo Cristo. Negli anni 70 del secolo scorso, invece, si utilizz gesso a base di calce industriale prodotta per l'edilizia, di qualit peggiore. Il restauro - spiega Vanacore - si presenta di particolare complessit perch deve tenere insieme due materiali diversi e incoerenti come le ossa umane e il gesso. Abbiamo effettuato la pulitura, la riadesione di parti cadute a seguito dei bombardamenti del 1943. Man mano che restauriamo, stiamo effettuando analisi scientifiche sui tessuti ossei per recuperare il Dna e ricostruire i contesti familiari . In corso anche la scansione tridimensionale di tutte le vittime, sia per programmare la manutenzione che per realizzare con stampanti 3D copie in scala, anche 1 a 1, dei calchi, da poter inviare per mostre ed esposizioni in Italia e all'estero senza compromettere la conservazione degli originali. Sono un unicum del mondo antico ripete Osanna. E annuncia che, una volta finita la mostra, a novembre, i calchi saranno risistemati all'interno delle teche originali ottocentesche e dei primi del Novecento, anch'esse risistemate. E saranno visibili nelle domus dove furono rinvenuti, come quella del Criptoportico o di Fabio Rufo. Riaperte appositamente per offrire uno spaccato reale, suggestivo e - a tratti - drammatico della vita dei pompeiani di duemila anni fa.



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news