LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Busto Arsizio. Addio ai gioielli della Solbiati. Allasta arredi e opere darte
Roberto Rotondo
Corriere della Sera - Milano 26/5/2015

Busto Arsizio, finisce la lunga storia dellazienda tessile nata nel 1874

BUSTO ARSIZIO. Una storia industriale ultracentenaria, quella della famiglia Solbiati, terminata: ci sono stati una cessione di marchio e un concordato preventivo. E cos finir allasta anche la collezione di famiglia: domani e gioved si terr alla Gonnelli Casa dAste di Firenze la vendita di diversi capolavori, raccolti nel tempo soprattutto da Vittorio Solbiati, e appartenenti al patrimonio della famiglia industriale che fond nel 1874 il suo primo stabilimento tessile.
La raccolta molto ricca: tra le opere grafiche della collezione Solbiati vi sono disegni di Mario Sironi, Enrico Prampolini, Massimo Campigli, Carlo Erba, Sandro Chia, Gio Ponti, Marcello Dudovich, ma anche stampe Art Nouveau di Paul Berthon, Eugne Grasset, Georges Bottini, Henri Meunier e Victor Prouv. A questi vanno aggiunti disegni e cornici di Guido Somar ispirati a Fortunato Depero, e soprattutto interessanti opere di Bruno Munari tra cui un dipinto (Natura morta con pipa, 1988) e altri tessuti dipinti grazie alle stoffe della Solbiati, ed esposti nel 1986 alla biennale di Venezia.
Sono presenti opere di un parente del collezionista, Guido Somar, lartista che con il fratello Sandro stato uno dei protagonisti della generazione dei pittori milanesi di avanguardia, quelli del Jamaica, il caff degli artisti a Brera (a loro, Guido e Sandro Somar, la citt di Milano nel 2006 ha dedicato unimportante retrospettiva alla Rotonda di via Besana). Vi sono anche mobili di design con cui era stata arredata la sede dellazienda, divisa in pi stabilimenti ma basata a Lonate Pozzolo e Varano Borghi. Ed una storia che si intreccia anche con il teatro: il regista Luca Ronconi per la messa in scena al Teatro alla Scala del melodramma la Vestale di Gaspare Spontini utilizz diversi tessuti di questo storico produttore. Vittorio Solbiati era stato definito negli anni Ottanta il re del Lino.
Nel 2003 la ditta aveva 450 dipendenti e produceva tre milioni di metri di lino annui. Ma la storia industriale di questa fabbrica tessile era iniziata molto prima e affonda le radici nel sudore del lavoro, tratto tipico dei primi industriali della brughiera a nord di Milano.
Nel 1874 Michele Solbiati inizi vendendo agli ambulanti i tessuti tipici dellepoca, come velluti, fustagni e rasi pesanti. Fece un balzo in avanti con le commesse della grande guerra, poi nel 1933 Peppino Solbiati fond Sasil, e dovendo fare i conti il clima autarchico dellepoca svilupp tessuti come il rayon e il fiocco viscosa.
Vittorio Solbiati, prima uomo di cultura e poi di azienda, fu il manager della quarta generazione, dal 1958. A lui si deve la grande collezione di tessuti e design e, soprattutto, lidea di puntare sul lino che gli veniva direttamente dalla sua sensibilit e dalla sua cultura letteraria e artistica. In unintervista raccont che per questa scelta era stato decisivo per lui lincontro con lo stilista Giorgio Armani, uno dei primi a credere nel lino come capo di moda. La Solbiati fu anche una delle prime azienda a produrre lino stropicciato.



news

29-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 29 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news