LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Brescia. La città torna a scommettere sul Castello
Maria Paola Pasini
Corriere della Sera - Brescia 26/5/2015

Una mostra per ricordare l’«Esposizione di Brescia» del 1904 realizzata sul colle cittadino quando Brescia pensava in grande. E Di Corato lancia un’idea: «Un museo del Cidneo»
Alba del Novecento: la città pensa in grande. Sotto l’occhio vigile e il potente sostegno del presidente del consiglio (nel 1901) Giuseppe Zanardelli, sfida Milano e Torino. Mette in piedi l’«Esposizione di Brescia» del 1904, l’Expo dei tempi: quasi 2.300 espositori, 400 mila visitatori in una fase in cui i residenti del capoluogo sono poco più di 70 mila. All’inizio prevede l’evento per il 1905, poi lo anticipa di un anno. Altro che ritardi. Altri tempi. Altra tensione ideale.
La Brescia Liberty, la Brescia della Belle époque, la Brescia piena di sé unisce risorse pubbliche e private e trasforma il Castello in una straordinaria scenografia modellata dall’estro funambolico di un giovane professionista: Egidio Dabbeni. Utilizzando graticci e strutture provvisorie, l’ingegnere-architetto dà vita ad un imponente salone delle feste, crea una scritta luminosa «Esposizione» lunga venti metri, un sistema di specchi per lanciare fasci di luce visibili da Bergamo e Cremona.
Viene realizzata una linea del tram ad hoc per raggiungere la fortezza cittadina.
Oggi, dopo 111 anni, la Brescia del terzo millennio ha deciso di ricordare quell’esperienza eccezionale con una mostra commemorativa «Expo 1904. Brescia tra modernità e tradizione». Identico il giorno di inaugurazione: il 29 maggio, identico il luogo: il Castello. Così l’avventura dell’Esposizione di Brescia tornerà a rivivere nelle foto d’epoca ricavate dalle lastre di Giovanni Negri. E poi le decine di cartoline di Cesare Ceretti, veri e propri gadget venduti allora in un apposito chiosco costruito in Castello. Ancora: oggetti, disegni, progetti proveranno a restituire quel clima di esaltante euforia, di vigorosa fiducia nel futuro tragicamente precipitata nel gorgo della guerra, nel giro di pochi anni.
Il sipario verrà alzato dunque alle 17.30 di venerdì nello spazio del Museo del Risorgimento, nel Piccolo Miglio per calare solo il prossimo 31 ottobre (info e prenotazioni 030-2977833-834).
Come oltre un secolo fa, la rassegna nasce dalla collaborazione di più attori: dal Comune alle Fondazioni Brescia Musei, Ugo Da Como, Negri con il supporto della Delegazione del Fai da poco guidata da Federica Martinelli. La mostra è stata curata da Roberta D’Adda, Stefano Lusardi e Sergio Onger, che insieme al direttore di Brescia Musei Luigi Di Corato hanno voluto ringraziare le tante famiglie che hanno messo a disposizioni materiali storici. Non manca un pizzico di multimedialità con la proposta di una app firmata Kolektio per creare l’album collettivo live dell’inaugurazione. Soddisfatti il sindaco Emilio Del Bono e il vicesindaco Laura Castelletti.
«L’estate sarà ricchissima di proposte», annunciano. Un turbine di iniziative che ruoteranno intorno al Cidneo (raggiungibile con bus navetta). «Dobbiamo recuperare lo spirito di quel tempo — ha rimarcato il sindaco — accettando le sfide di oggi e uscendo da questo periodo di crisi più forti». Insomma tornare a pensare in grande... e tanto per cominciare Di Corato lancia un’idea: il futuro «Museo del Castello». Attendiamo i dettagli...



news

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

Archivio news