LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Una piramide per i pompeiani rapiti alla morte
Mirella Armiero
Corriere del Mezzogiorno 26/5/2015

La piramide dellarchitetto Francesco Venezia inaugurata ieri negli Scavi di Pompei ospita il primo segmento della mostra Pompei e lEuropa 1748 - 1943, quello intitolato Rapiti alla morte, con i calchi esposti allinterno, in uno spazio circolare, intorno al quale si muovono gli spettatori.

Pompei. Una piramide esoterica, misteriosa, dal profilo contemporaneo, riempie da ieri lAnfiteatro degli Scavi. Un oltraggio alla sacralit del luogo? Tuttaltro. Il segno architettonico quello raffinato e inconfondibile di Francesco Venezia. lui che ha ideato e firmato la singolare costruzione che dialoga con il passato e con la memoria delleruzione.
La piramide, una struttura removibile alta dodici metri, ospita il primo segmento della mostra Pompei e lEuropa 1748 - 1943, quello intitolato Rapiti alla morte, con i calchi esposti allinterno, in uno spazio circolare, intorno al quale si muovono gli spettatori. La seconda parte delliniziativa la mostra che aprir domani al Museo Archeologico Nazionale di Napoli e che raccoglie 250 opere di grandi artisti, da Ingres a Picasso, influenzati dal tema Pompei.
Ieri allAnfiteatro, a inaugurare la piramide, cerano il ministro Franceschini, il sovrintendente Osanna e il direttore generale Nistri. Tutti e tre si dichiarano assai soddisfatti non solo delliniziativa, ma anche della situazione attuale degli Scavi, dopo il periodo disastroso dei crolli. Sono stati fatti altri passi per la rinascita di Pompei, rivendica Franceschini. Oggi possiamo dire davvero di essere orgogliosi del lavoro che abbiamo fatto, nonostante abbiamo dovuto superare tanto scetticismo, diffidenza e direi addirittura ostilit. Si parla anche di fondi durante linaugurazione, alcuni dati sono stati forniti da Nistri: A oggi per il Grande progetto Pompei sono state bandite gare per 118 milioni. stata completata la fase progettuale: si giunti al 90 per cento della fase di gara e resta la fase di esecuzione per la quale siamo arrivati al 50 per cento circa. Osanna avverte dal canto suo che stanno per partire altre gare per migliorare laccoglienza agli Scavi, a cominciare dal sito web che sar rinnovato completamente.
Non solo Pompei. Il ministro Franceschini parla anche di Ercolano: Stiamo lavorando, col governo Renzi, alla individuazione in Italia di alcuni siti che verranno identificati come grandi attrattori culturali e turistici e usufruiranno di importanti finanziamenti dellUe, finalizzati allo sviluppo, anche infrastrutturale. Ercolano uno di questi, uno dei pi importanti. Poi il ministro insiste sullefficacia del modello Ercolano, con linterazione di pubblico e privato e auspica che faccia scuola. Auspicio condivisibile, a patto di trovare un altro Packard, e non cosa facile.
Intanto, lenigmatica piramide potrebbe essere un oggetto non proprio temporaneo negli Scavi. La mostra rester aperta fino al 2 novembre, ma dopo quella data la struttura potrebbe essere riutilizzata, magari in altri spazi del sito. Per ora fa bella mostra di s e non mancher di suscitare polemiche. Ma non si pu non ammirare la pulizia delle forme e la splendida progettazione dellinterno. Venezia spiega: La contraddizione di una piramide il contrasto tra la massa esterna e il minuscolo spazio interno. Qui abbiamo realizzato un piccolo mostro, che concilia le forme egizie con le volte romane, ampie e spaziose. Perch una piramide? Innanzitutto perch si tratta di una tomba. Poi perch evoca il vulcano, ma anche perch rimanda alla scoperta del tempio di Iside a Pompei, uno dei primi edifici a essere stati ritrovati e che contribu a diffondere il gusto egizio in Europa. E perch una piramide con la cima mozzata? Un omaggio a quella di Cheope, svela larchitetto.
Entrando limpatto forte: i venti calchi restaurati sono esposti senza vetrine, in una distanza accorciata con il visitatore. E raccontano, con le loro pose tormentate, terribili storie. Intorno, nel percorso circolare, le fotografie, alcune scomposte in frammenti e poi ricomposte in pastiches . E anche la documentazione dello stato storico dei calchi. Lilluminazione studiata con attenzione e nella volta c un foro che consente al sole, quando allo zenit, di far penetrare un raggio nella penombra della piramide. Quasi un segnale che, dopotutto, la vita sempre pi forte della morte.



news

29-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 29 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news