LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Brescia di notte e i monumenti. Quelle strane luci che ne fanno un presepe un po troppo naif
Renato Corsini*
Corriere della Sera - Brescia 27/5/2015

* Renato Corsini Architetto e fotografo

Li chiamano Light Designer. O meglio cos hanno deciso di farsi chiamare. Un po di inglese, di questi tempi, non fa male, fa pi professionale e di tendenza e ha anche il sapore di una specializzazione che non necessita del marchio made in Italy.
Gente comunque seria, preparata e tuttaltro che improvvisata; munita di un buon bagaglio di sperimentazione, aiutata da una produzione industriale di apparecchi illuminanti sempre pi ampia e infine capace per davvero di fare la differenza.
Di solito si accompagnano, quando non lo sono loro stessi, con la categoria degli architetti insieme ai quali si completano in progettazioni che tengono conto gli uni delle esigenze degli altri. Il risultato generalmente buono: armonie di luci e colori in grado di personalizzare, esaltare ed evidenziare particolari architettonici e scorci prospettici frutto di collaborazioni e sinergie verificate prima sulla carta e poi nella realt, con pochi margini di errore perch sottoposti con poco spazio di interpretazione allapprovazione preventiva della committenza.
In assenza di questo lavoro a due o pi mani il rischio grande e il pericolo di interpretazioni errate diventa alto. Chi scrive di professione fa larchitetto e ha sentito parecchi colleghi avanzare dubbi (uso un eufemismo) sulla interpretazione/deviazione dei loro progetti alla luce ( il caso di dirlo) del lavoro dei Light Designer intervenuti in un secondo tempo.
Accade spesso di vedere facciate di edifici che di giorno esibiscono spazi compositivi ben definiti nel contesto e che di notte perdono completamente il loro significato a scapito di altre, discutibili, visioni.
I nostri disegnatori della luce ultimamente hanno ampliato il loro raggio dazione intervenendo in maniera abbastanza massiccia anche sullilluminazione notturna dei monumenti storici delle citt e non potendo, per ovvi motivi, confrontarsi con i progettisti hanno dato sfogo alla loro creativit attenti pi a porre il marchio del loro lavoro che a rispettare la storia.
Oltretutto godendo del privilegio/immunit di non doversi confrontare con istituzioni come la Sovrintendenza ai beni Architettonici, notoriamente draconiano ostacolo a difesa del centro storico. Pare che i loro illuminati studi non alterino le strutture murarie e ci basta e avanza per un gratificante lasciapassare maggiormente apprezzato se ricorre a sorgenti con auspicati risparmi energetici.
Chiese, palazzi, fontane e monumenti non sono pi contestualizzati nella loro completezza, sono interpretati, sezionati, riproposti con altarini ed effetti speciali spesso degni della miglior tradizione discotecara degli anni Settanta.
Assistiamo impotenti e meravigliati a cupoloni ridotti a carillon di turistica memoria, a facciate di chiese riproposte come supporto a santelline votive e torrioni ridotti a fondali da cinematografia dellorrore.
Mi tornano alla memoria quei presepi, ahim non pi presenti nelle nostre case, nei quali le lucine, colorate e spesso intermittenti, sapientemente nascoste sotto il muschio, andavano ad illuminare il pastorello in prossimit dello stagno (un pezzo di specchio), il venditore di mercanzie, la contadinella con le oche e naturalmente la capanna con tutto il suo contenuto. Il presepe, ovviamente, era tutto uninterpretazione: a partire dalla quantit di verde sicuramente assente a Betlemme per arrivare agli attori con i loro improbabili addobbi.
Ma era comunque bello, esempio encomiabile di creativit casalinga e familiare, lavoro di gruppo che vedeva coinvolti adulti e bambini alla ricerca di una rappresentazione che poteva permettersi di essere slegata anche dalla storia.
Purtroppo Brescia non un presepe.



news

04-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 4 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news