LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia, Biennale. L’Islanda si difende «Della moschea Comune e Chiesa sapevano tutto»
Alice D’Este
Corriere del Veneto 27/5/2015

VENEZIA. «Sapevano tutto. Ci siamo incontrati più volte e non abbiamo mai omesso nulla». Ci sono perfino le date, nello statement pubblicato ieri mattina sul sito dell’«icelandic center» e poi ritirato nel pomeriggio (per modifiche, fanno sapere ufficialmente). Date e nomi delle persone che i curatori avrebbero incontrato, dai referenti di Biennale a quelli del Comune di Venezia, a testimonianza del fatto che, almeno secondo gli organizzatori del più discusso padiglione della 56esima Biennale di Venezia, quello dell’irmai famosa moschea, niente è piovuto per caso.
«A tutti era chiaro quale fosse il nostro progetto – scrivono – Andrea Del Mercato e il suo assistente avevano partecipato per Biennale ai meeting del padiglione con le istituzioni cittadine, sia il 21 aprile in Prefettura, che il 6 maggio in comune. E in queste occasioni la Biennale aveva appoggiato le richieste del Comune di eliminare ad esempio gli elementi decorativi esterni del padiglione». Non basta, l’Icelandic center che poi nel pomeriggio informa di aver pubblicato per errore quelle dichiarazioni e di essere pronto nei prossimi giorni a fornirne di nuove «ne ha» anche per il Comune.
«La città dice che il padiglione non avrebbe fornito sufficienti informazioni sul progetto della moschea – dice il comunicato – ma non è così. Atteniamoci ai fatti: in gennaio e febbraio abbiamo spiegato di persona il progetto e ne abbiamo consegnato una descrizione dettagliata ai referenti ufficiali della Biennale, in gennaio abbiamo parlato anche con don Gianmatteo Caputo, il rappresentante del Patriarcato e sempre in gennaio abbiamo consegnato la stessa documentazione al commissario Vittorio Zappalorto. La natura e i dettagli del progetto della moschea erano molto ben conosciuti dalla città, dalla Biennale e dai rappresentanti della Chiesa. Siamo stati chiari e trasparenti». Un elenco preciso, che non dimentica nulla. E che vuole sostanzialmente cancellare l’ombra dei «non sapevo».
Nei giorni scorsi, intanto, i vigili urbani hanno inviato un’informativa in procura, segnalando l’ipotetica violazione di norme urbanistiche ed edilizie e il procuratore aggiunto Adelchi D’Ippolito ha aperto un fascicolo. Per ora si tratta di un fascicolo senza indagati né ipotesi di reato, ma se i magistrati dovessero riconoscere che ci sono state delle violazioni delle norme penali, sul registro degli indagati potrebbero finire gli organizzatori o il curatore del padiglione islandese. Che non ci stanno: «Tutti erano a conoscenza del progetto e questo è dimostrato dal fatto che il 26 febbraio l’icelandic art center ha ricevuto un avviso dalla Biennale che ci informava che il progetto dell’artista avrebbe creato dei problemi di sicurezza e ci consigliava di trovare un posto privato e chiuso per realizzarlo. Così abbiamo fatto. Precisiamo inoltre che all’interno dell’installazione non era obbligatorio portare il velo. Non ci sono le basi legali per chiudere il progetto artistico della Moschea. Le autorità si sono permesse di giudicare cosa sia arte. Per noi questo è inaccettabile e ricorreremo per poter riaprire».



news

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

Archivio news