LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Eloro, "lavori forzati" culturali
isabella di bartolo
LA SICILIA Marted 26 Maggio 2015


In campo, ma rigorosamente gratis, anche l'associazione Escursioni Iblee e la cooperativa Tempora



Sono stati i detenuti del carcere penitenziario di Noto a ripulire i siti archeologici del territorio invasi da degrado e sterpaglie. Un impegno dal duplice, nobile, obiettivo: dare un'opportunit di riscatto sociale ai carcerati e, al contempo, restituire dignit a tesori in oblio.
L'iniziativa vede in campo pi enti: la SOpRINTENDENZA in primis. Da anni, infatti, l'istituzione di tutela dei beni culturali sostiene iniziative di questo genere che hanno sempre portato a risultati positivi. Cos, anche in questa occasione, la soprintendente Beatrice Basile ha dato il benestare all'iniziativa di cui si occupata, in campo, l'archeologa Maria Musumeci. Placet anche da parte del direttore del carcere di Noto, il dottor Santo Mortillaro, che ha sposato il progetto gi sperimentato con successo in passato.
In campo anche i volontari di due gruppi privati: l'associazione Escursioni Iblee presideuta da Sebastiano Adern; e la Cooperativa Tempora guidata da Alfonso Lapira.
Il progetto di volontariato si intitola "Una storia pulita" e ha previsto, appunto, la bonifica dei siti archeologici con la collaborazione di un gruppo di detenuti. Un'idea avviato nel 2012 dall'associazione culturale "Escursioni Iblee" di Noto in collaborazione con l'assessorato regionale ai Beni culturali e la Casa di reclusione netina.
L'esperienza di questi anni divenuta il primo bagaglio della cooperativa di inserimento lavorativo "Tempora" il cui obiettivo quello di conciliare la fruizione dei beni culturali e l'agricoltura con l'inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati. La cooperativa ha gi in corso un tirocinio formativo di un recluso che porter ad un percorso completo di reinserimento nel tessuto sociale e produttivo.
Il primo passo stato quello di siglare una convenzione con il Parco archeologico di Noto e Comuni limitrofi per intervenire nei siti archeologici demaniali invasi da erbacce. A occuparsi del lavoro sono stati, oltre ad Adern e Lapira, anche l'archeologa Laura Falesi, presidente dell'Archeoclub di Noto. Questo lavoro - dichiara - stato molto apprezzato poich l'impegno dei volontari consente a molti di godere un patrimonio che altrimenti rimarrebbe inaccessibile. Auspico che questo sia solo il primo passo compiuto e che si possa procedere con ulteriori iniziative volte alla fruizione, ma non dobbiamo dimenticare anche la ricerca archeologica. Alcuni siti oggi sono purtroppo nelle mani di clandestini che stanno distruggendo le testimonianze del passato, ci auguriamo che la collaborazione con il mondo del volontariato possa sbloccarsi anche in questa parte della Sicilia, e che oltre al diserbo si possano avviare vere e proprie campagne di scavo e di studio per aggiornare le informazioni sui siti archeologici che ricadono nel Comune di Noto.
Propositivo il commento di Sebastiano Adern. Invece di continuare a lamentarci dei rovi e dell'erba alta nei siti archeologici - dice - e puntare il dito contro le amministrazioni competenti che non hanno le risorse per occuparsi del diserbo, cos come assistere impotenti agli incendi che annualmente devastano le stesse aree, noi abbiamo scelto rimboccarci le maniche e abbiamo teso una mano a queste amministrazioni occupandoci, gratuitamente, della pulizia di monumenti e parchi. Senza alcun supporto economico abbiamo preso in mano i decespugliatori e ripulito Castelluccio, Eloro e Villa del Tellaro.
I tre siti archeologici sono cos tornati alla fruizione ma non stato questo l'unico obiettivo raggiunto. Il secondo passo del progetto di volontariato, infatti, stato un accordo con la direzione del carcere di Noto con cui stato stilato un progetto per l'inclusione sociale di alcuni detenuti partendo proprio dal loro coinvolgimento nell'operazione di diserbo delle aree archeologiche netine.
Prima di iniziare l'attivit sul campo, i detenuti hanno preso parte a un corso sul valore storico e culturale dei siti con alcune lezioni tenute gratuitamente all'interno del penitenziario dall'archeologa Falesi. Dal 2012 ad oggi sono stati coinvolti pi di 20 soggetti che hanno dato un grande contributo concreto dedicando intere giornate per la pulitura dei siti archeologici a beneficio di tutta la comunit e dei turisti a cui stato restituito il volto pi bello di queste zone antiche.
Il lavoro di pulizia non stato fine a se stesso perch l'associazione ha poi avviato dei progetti di fruizione in cui sono state coinvolte le istituzioni scolastiche. Un evento che ha riscosso grande successo stato anche "Notti di terre antiche": un ciclo di rappresentazioni teatrali attraverso le quali sono state narrate le storie dei luoghi tra musica, danza e parole.
Nell'ambito del progetto sono state organizzate anche visite drammatizzate all'interno della Villa del Tellaro, ovvero pieces teatrali durante le quali alcuni attori hanno raccontato la storia antica e recente dei mosaici romani custoditi all'interno della villa. Arte ma anche gusto intitolato all'antichit. Alla fine del percorso di visita, infatti, nella vicina Fattoria didattica stata inaugurata la sala dove degustare pietanze con ricette dell'antica Roma.
Come ricorda l'educatore Lapira, nel novembre scorso sono state anche promosse due giornate riservate alle guide turistiche. Ci - dice Lapira - con l'obiettivo di divulgare le informazioni storico archeologiche riguardanti la Villa del Tellaro di Noto, in collaborazione con la SOpRINTENDENZA e il Comune.
Un altro progetto varato in passato nell'ambito della stessa politica di tutela e promozione "Antichi sapori": un'attivit di ricerca e di valorizzazione dei prodotti tipici del territorio con particolare attenzione sul grano e sui piatti realizzati con prodotti locali e pietanze dell'antica Roma. Da febbraio a giugno dello scorso anno, sono stati coinvolti due detenuti-cuochi i quali, oltre a contribuire a un lavoro di ricerca storica, hanno sperimentato idee originali per un futuro reinserimento lavorativo. Ancora oggi possibile visitare la Villa romana e degustare i piatti degli antichi Romani. Parte da Noto un nuovo modo di intendere la cultura e il volano economico ad essa legata. E, soprattutto, un modello di volontariato dai molteplici vantaggi: per i carcerati, per il territorio e per la comunit tutta a cui questi beni appartengono.


26/05/2015



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news