LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pian di Spagna, paradiso avvelenato dal cromo
di Gianni Barbacetto
il Fatto Quotidiano, 29 maggio 2015

C’è un luogo incantato, tra il culmine nord del Lago di Como e il Lago di Mezzola. È la riserva naturale del Pian di Spagna. Una vasta area pianeggiante alla confluenza di due vallate, la Val Chiavenna e la Valtellina, da sempre contesa fra terraferma e acqua. Zona umida, straordinario habitat vegetale e animale. Ninfee bianche e canneti, piante che vivono nell’acqua e fiori. E anatre tuffatrici, germani reali, cigni, folaghe, qualche rara anatra di mare, cormorani. Qui sostano e nidificano gli uccelli migratori. È riserva dal 1983, è riconosciuto come sito d’importanza comunitaria e fa parte della rete ecologica europea “Natura 2000”, che vuole garantire la sopravvivenza della biodiversità presente nel continente. Andarci a camminare significa entrare in un mondo magico, dove il tempo è sospeso.

La natura è sempre insidiata dagli insediamenti umani. La riserva dovrebbe in questo caso proteggerla. Ma c’è un pericolo nuovo che incombe sul Pian di Spagna. A Novate Mezzola, paese della Valchiavenna affacciato sull’omonimo lago, c’è un’area contaminata da cromo esavalente e altri metalli.
Pubblicità

Il cromo esavalente è il veleno reso famoso da Julia Roberts nel film Erin Brockovich. L’area è stata abbandonata dalla Falk, senza bonifica. L’hanno ereditata altre società in vent’anni di passaggi di proprietà, delibere regionali, decreti del ministero dell’Ambiente, interventi della Commissione europea.

La storia si chiude il 12 febbraio 2015: la Provincia di Sondrio certifica l’avvenuta “messa in sicurezza” dell’area. Bonifica? No, “messa in sicurezza”. Cioè l’area in cui sono state sepolte le scorie della fonderia è stata coperta con un manto d’asfalto e circondata da un muro.

La vicenda si riapre con la richiesta da parte di un’impresa, la Novate Mineraria, di avviare un progetto industriale denominato “Parco minerario produttivo”.

Di cosa si tratta? Dell’estrazione di granito San Fedelino dalle cave a monte e del riutilizzo, a valle, dell’area “messa in sicurezza” per stoccare il materiale che serve alle ferrovie per le massicciate e le gallerie dell’Alta velocità. Sembrava cosa fatta, anche per il via libera della responsabile del Wwf regionale, che è anche l’avvocato del Comune.

Ma altre associazioni (Legambiente, Comitato salute ambiente, Cai, Medicina democratica, Amici della Val Codera) hanno studiato i documenti e hanno cominciato a sollevare dubbi. L’operazione non finisce per incidere sulla riserva naturale? Quei terreni non erano stati trasformati da area industriale a verde pubblico e turistico? E non è vietata l’attività di lavorazione d’inerti nei territori dei laghi lombardi?

Ma non c’è niente da fare. La Regione ha dato l’ok all’operazione il 15 aprile. Il Pian di Spagna, luogo incantato, è “riqualificato” con un intervento anti-ambientale che, imbrogliando con le parole, hanno chiamato parco, “Parco produttivo”.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news