LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PAVIA - Salvatore Settis Un piano serio per la Certosa
Marta Pizzocaro
28 maggio 2015 LA PROVINCIA PAVESE


Salvatore Settis: alla Certosa di Pavia serve un piano di gestione, con certezza delle risorse

L'arte classica seriale, non un "unicum" come siamo abituati a pensarla dice Salvatore Settis, insigne archeologo e storico dell'arte, Accademico dei Lincei e presidente del Consiglio Scientifico del Louvre che domani alle 18 incontrer gli alunni del Collegio Ghislieri e il pubblico pavese nell'Aula Goldoniana.

L'incontro ha come titolo "Come l'arte classica diventa contemporanea" e permetter a Settis di ripercorrere la sua esperienza di curatore delle due mostre attualmente allestite dalla Fondazione Prada a Milano (Serial Classic, nella nuova sede in Largo Isarco a Milano, ideata da Rem Koolhaas e dal suo studio Oma) e a Venezia (Portable Classic, Ca' Corner della Regina).

Professor Settis, cosa intende quando dice che l'arte classica un'arte "seriale"?

Ho realizzato la mostra intitolata "Serial Classic" perch, mentre il concetto di serialit molto vicino all'arte contemporanea - basti pensare ad Andy Wharol - l'arte classica viene sempre considerata come un'arte fatta di "unicum". Ho cercato di dimostrare che l'arte classica praticava molto la serialit, in due modi: da una parte nell'ideazione stessa delle opere, pensiamo ai nudi maschili dell'arte greca che si somigliano tutti perch riflettono un ideale di bellezza maschile condiviso ; dall'altra per il motivo che, essendo scomparsi gli originali greci di queste opere, la nostra intera conoscenza dell'arte greca si basa sulle copie fatte in epoca romana. Il Discobolo solo un esempio di opera seriale: la statua originale era in bronzo, ma oggi nota solo da una serie di copie marmoree dell'epoca romana che risalgono a quel prototipo. La mostra allestita a Venezia si concentra invece sulle riproduzioni in piccola scala di sculture di epoca romana.

Qual il filo conduttore tra le due mostre?

La contemporaneit dell'arte classica, declinata a Milano nella "serialit", e a Venezia nella "portabilit" delle riproduzioni rinascimentali. Nel Rinascimento c'era un rapporto diverso con le opere d'arte: la bellezza delle sculture di epoca greco-romana era tale che i collezionisti desideravano avere copie in piccole dimensioni da poter toccare per creare un rapporto quasi intimo con gli oggetti da collezione.

Come imposter la sua conferenza al Collegio Ghislieri?

Cercher di intrecciare un dialogo con il pubblico partendo dal rapporto tra le mie tesi e la realizzazione delle due mostre: quali opere ho scelto e perch le ho scelte, e poi l'importanza della collaborazione con un architetto geniale e creativo come Rem Koolhaas, autore dell'allestimento di Milano e dell'edificio nuovissimo in cui la mostra collocata.

Andiamo oltre le mostre per parlare del territorio di Pavia. Nel suo libro "Paesaggio Costituzione cemento" (Einaudi) lei afferma che "il paesaggio il grande malato d'Italia". Tra i dibattiti "caldi" nella nostra provincia, attualmente c' quello sull'autostrada Broni-Mortara che, dicono i detrattori, se verr realizzata manger gran parte delle risaie della Lomellina peggiorando la qualit dell'aria, senza risolvere il problema della viabilit. Lei che ne pensa?

La Broni-Mortara uno dei molti casi in Italia in cui si d la precedenza a infrastrutture di dubbia utilit, trascurando il paesaggio. In particolare la Pianura Padana ha un paesaggio in cui natura e arte si connettono intimamente. Peccato deturparlo.

Le viene in mente qualche esempio virtuoso di rispetto e valorizzazione del patrimonio paesaggistico e ambientale nella provincia di Pavia?

La tenuta della Zelata nel Parco del Ticino, dove sono stato pi di una volta: un esempio straordinario, uno dei luoghi meglio protetti e meglio tenuti d'Italia per merito della lungimiranza di Giulia Maria Crespi, imprenditrice illuminata. Eppure sarebbe triste arrivare a dire che in Italia abbiamo bisogno di grandi proprietari terrieri per valorizzare il nostro patrimonio pubblico artistico e naturalistico. Dovrebbero occuparsene le istituzioni, che invece usano questo patrimonio solo per fare cassa e costruire infrastrutture a beneficio dei pochi che ne guadagneranno. Torniamo all'arte: in provincia di Pavia in atto una polemica sulla Certosa e sulla sua inaccessibilit, imputata alla gestione dei monaci che si oppongono al progetto di rendere la Certosa un polo pi turistico, con altri orari e modalit di apertura. A questo proposito Franco Bosi, presidente della Camera di commercio di Pavia ha affermato che "la Certosa rappresenta un po' quello che accade a livello nazionale, dove non sempre sappiamo valorizzare i nostri patrimoni".

E' davvero cos?

A livello nazionale si oscilla fra due estremi: quello iper protezionista e quello che non tiene conto delle specificit dei luoghi e del rispetto delle tradizioni preesistenti. Qualche volta poi succede che n l'una n l'altra posizione siano quelle giuste. Cito proprio un esempio della citt in cui vivo, Pisa. Anche qui c'era una grande Certosa abbandonata di cui tutti si lamentavano perch i monaci aprivano al pubblico solo alcune parti. Poi i monaci sono andati via e la Certosa diventata pubblica: il risultato che ora, nella Certosa, convivono due musei gestiti da due enti che non riescono a mettersi d'accordo sugli orari.

Qual la soluzione?

Credo che in casi come questi bisognerebbe ricordarsi che ci sono due priorit: la conservazione dei beni e un piano di gestione ben fatto. Nel caso della Certosa, prima di tutto bisogna vedere se la comunit monastica in grado di conservare i beni meglio di chi si vuole far subentrare, poi bisogna avere un piano di gestione che ci assicura che ci saranno degli introiti, integrati da risorse effettive. Ad esempio? Dato il livello enorme di evasione fiscale in Italia, terza solo al Messico e alla Turchia, bisognerebbe prima rimediare all'evasione fiscale e poi usare quei soldi per la sanit pubblica, la scuola e, non ultimo, la cultura.

Cosa manca all'Italia per trasformare il suo patrimonio artistico in traino per uscire dalla crisi?

Manca la consapevolezza del "a che cosa pu servire la bellezza del nostro paese". Mai e poi mai la bellezza del nostro Paese potr sopperire alla disoccupazione o al ristagno dell'industria, ma io credo che sia vero quello che l'economista indiano Premio Nobel Amartya Sen disse una volta: "La bellezza di un paese serve per dare ai suoi cittadini l'orgoglio di appartenere a quel paese, e quindi a renderli pi creativi, propositivi e positivi". Lo diceva per l'India, ma vale per tutti i paesi del mondo. Quanto all'Italia, non posso pensarla come un Paese che vive solo di turismo: diventerebbe un paese di servitori.




news

26-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 giugno 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news