LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Villa Lovaria non lalbergo dei migranti
29 maggio 2015 il messaggero veneto



Il caso di Villa Lovaria a Pavia di Udine, storica dimora che ha rischiato di essere trasformata in un centro di accoglienza per i profughi, salito alla ribalta mediatica nazionale. Gi la Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici si era pronunciata mercoled contro il trasferimento dei 38 migranti nella villa, sottolineando come lo stabile di pregio non fosse strutturato per ospitare il gruppo di profughi. All'origine della vertenza, il contratto d'affitto stipulato fera Alessandro Viscovich, proprietario di una porzione di edificio, e il Comitato provinciale della Croce rossa. Un contratto gi valido, del valore di 54 mila euro lordi annui, per l'affitto di due appartamenti uno da 265 metri quadrati e l'altro da 396 da destinare all'accoglienza dei profughi. Atto impugnato dal conte Francesco Lovaria, proprietario, insieme alle sorelle Anna e Isabella e al fratello Andrea del 60 per cento dell'immobile. Assistito dal proprio legale di fiducia Maurizio Miculan il conte ha sporto denuncia e esposto bandiere listate a lutto in forma di protesta simbolica (bandiere rimosse ieri). Con il pronunciamento della direttrice facente funzione dell'organo deputato alla salvaguardia e alla conservazione delle Belle Arti Anna Maria Affanni, di fatto, l'ipotesi di trasferimento da Lignano a Pavia di Udine dei profughi naufragata. Ieri, invece, andato a vuoto il sopralluogo della Soprintendenza a Villa Lovaria nella porzione di propriet di Viscovich. Sopralluogo deciso per verificare l'impatto degli interventi che lo stesso Viscovich aveva dichiarato, sul Messaggero Veneto, di aver realizzato sulla dimora. Lavori per i quali avrebbe dovuto essere presentata richiesta di autorizzazione e sui quali, adesso, pende il sospetto che siano stati eseguiti abusivamente. Nessuno ci ha mai avvisato aveva spiegato la Soprintendenza n inviato formale comunicazione per richiedere il nulla osta agli interventi. Lo abbiamo saputo soltanto dagli organi di stampa. Come Soprintendenza, quindi, abbiamo il dovere di controllare se si sia trattato di lavori edilizi in grado di mutare l'impiantistica e la struttura della dimora e, in quel caso, richiedere il ripristino delle condizioni originarie. "Scortate" da un vigile urbano del Comune di Pavia di Udine, Stefania Casucci, responsabile di zona della Soprintendenza per i Beni storici, artistici ed etnoantropologici del Fvg, assieme alla collega fotografa, hanno suonato due volte il campanello della porzione di villa Viscovich, ma non hanno trovato nessuno ad aprire loro la porta perch l'uomo che voleva ospitare 38 profughi nella storica dimora veneta del 600 era come annunciato in mattinata assente. E cos la delegazione ha lasciato villa Lovaria preannunciando, per, l'intenzione di fissare un prossimo incontro alla presenza del signor Viscovich.



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news