LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La battaglia del Caravaggio conteso che divide Siracusa
di ISABELLA DI BARTOLO
01 giugno 2015 LA REPUBBLICA


La tela del "Seppellimento di Santa Lucia" contrappone due rioni, Ortigia e Borgata. In luglio i risultati definitivi sulla collocazione

Non c pace per il capolavoro che Caravaggio dipinse a Siracusa. Lopera dedicata al Seppellimento di Santa Lucia non pu tornare a casa e continua la sua peregrinazione darte e restauri tra chiese, musei, rimpalli di competenze e guerre tra cittadini, visitatori e guide turistiche. Il dipinto oggi conteso da due rioni: Ortigia e Borgata. E dalle loro due chiese dedicate a Santa Lucia. La storia pi recente dellopera inizia nel 2006 quando il dipinto fa rientro, dopo 35 anni di attesa e vicissitudini varie, nella Basilica extramoenia della Borgata per il cui altare, nel 1608, Michelangelo Merisi laveva dipinta. Un ritorno in pompa magna salutato con entusiasmo dallallora governo regionale con la promessa di valorizzare la chiesa della Borgata e renderla sicura con sistemi simili a quelli usati per la Gioconda al Louvre. Ma nulla stato fatto e, 4 anni fa, per consentire interventi di messa in sicurezza delledificio, il quadro venne spostato ancora una volta. In unaltra chiesa: quella di Santa Lucia alla Badia, in Ortigia. Ed qui, a piazza Duomo, che il dipinto si trova e dove ammirato ogni giorno da 3mila turisti, senza alcun ticket di ingresso.

Ed ecco la guerra tra chi vorrebbe che rientrasse alla Borgata e chi, invece, vorrebbe che rimanesse nel cuore di Ortigia. Da una parte la circoscrizione di Santa Lucia, capeggiata dal presidente Fabio Rotondo, pronta a scendere in campo per far tornare il quadro a casa. Ad affiancarli anche lassociazione Democratici per la citt coordinata da Maria Rita Sgarlata, ex assessore regionale ai Beni culturali, che ha avviato una petizione per chiedere il rientro dellopera. Quasi duemila firme con cui ci si rivolge a Prefettura e Arcidiocesi per far s che il Caravaggio faccia rientro nella sua Basilica. S, perch lopera protagonista pure di una pluricompetenza: un bene di propriet del Fec (Fondo edifici di culto) e come tale gestito dal ministero allInterno attraverso la Prefettura; ma si trova dentro una chiesa e quindi entra in campo anche lArcidiocesi con il monitoraggio della Soprintendenza. A dire no al ritorno alla Borgata sono le guide turistiche, come evidenzia Carlo Castello del direttivo nazionale delle Guide italiane, il quale contesta lassenza di una rete di servizi turistici alla Borgata dove il dipinto rimarrebbe isolato allinterno della Basilica. Analisi tecnica e artistica , ancora, quella degli intellettuali, come il critico darte Paolo Giansiracusa, direttore dellAccademia di belle arti di Siracusa. Lambientazione del quadro laltare della Borgata dice il docente perch per questo luogo, per questa luce Caravaggio lo dipinse. Ma il rione deve essere davvero pronto ad accoglierlo e assicurarne fruizione e valorizzazione.

A complicare ancor di pi le cose, ci si mette un altro inghippo. Rigorosamente artistico. Il Seppellimento di Santa Lucia appoggiato - letteralmente - su unaltra opera che la titolare dellaltare della chiesa di Ortigia. Caravaggio nasconde Guinaccia dicono Gaetano Bordone e Sergio Cilea, responsabili del Fondo ambiente italiano di Siracusa -, il quadro occulta infatti unopera seicentesca: Il martirio di Santa Lucia. I tecnici assicurano che per ora non vi sia alcun problema, ma certo potrebbero nascerne dal punto di vista dellintegrit della tela posta dietro il Caravaggio. Si potrebbe spostare Guinaccia in una navata laterale in attesa che si chiarisca il destino di Caravaggio in modo da poter esporre due capolavori.

In questo delicato contesto, lultima parola spetta al Centro regionale del restauro di Palermo. E sono proprio i tecnici esperti dellistituto diretto da Enza Cilia a monitorare le condizioni delle due chiese attraverso la recente disposizione di sensori per valutare lumidit delle absidi. Dopo una serie di sopralluoghi dal 2011 a oggi, lultima relazione non lascia adito a dubbi: Caravaggio non pu rientrare alla Borgata fino a quando le condizioni della basilica non saranno idonee in termini di microclima e sicurezza. Ma anche la chiesa di Ortigia non garantisce le condizioni ottimali per la preziosa tela. Come accade per il Satiro di Mazara o lAnnunziata di Antonello da Messina, questo dipinto costantemente monitorato dicono Cosimo Di Stefano e Rosaria Merlino, responsabili del laboratorio di Chimica e Fisica del Centro di restauro regionale - sia dal punto di vista microclimatico che biologico, chimico e chimico-fisico. Le analisi certificano che la Basilica della Borgata non pu ospitare il quadro perch protagonista di un processo di alterazione dellintonaco, inarrestabile e progressivo, e dunque solo leliminazione del degrado condizione ineludibile per uneventuale posizionamento della tela. In poche parole, i lavori recenti alla Basilica extramoenia hanno previsto la copertura dellabside con intonaci a rischio caduta ed esfoliazione e che, per effetto dellumidit, potrebbero creare pellicole sulla tela.

Da queste valutazioni, condivise dalla Soprintendenza aretusea, evidente che non vi alcun divieto a riportare Caravaggio nella sua Basilica ma per farlo occorre garantire quella sicurezza dei luoghi che oggi non si accerta nonostante gli interventi di questi anni finanziati con i fondi della legge 433 post-sisma. Cos come mancano accorgimenti anche nella chiesa di Ortigia dove sono in corso analisi per monitorare ladattamento dellopera al clima delledificio e dove sono stati predisposti sistemi anti-umidit. Intanto, lassessore regionale ai Beni culturali, Antonio Purpura risponde allinterrogazione parlamentare del deputato aretuseo Enzo Vinciullo (Ncd) sui tempi del monitoraggio all'interno della chiesa assicurando che a luglio sar ultimato. Una volta concluse queste operazioni alla Borgata dicono i tecnici di Palermo Caravaggio potrebbe tornare nel contesto di appartenenza. Ma dovranno essere assicurati i parametri di conservazione del dipinto e il monitoraggio costante dellopera e delle condizioni delledificio che lo ospita. Lopera si potrebbe dunque preparare per il suo ultimo viaggio. O forse no.

GUARDA / Il Caravaggio conteso, naviga nel quadro (vd. link in basso in questa pagina)

http://video.repubblica.it/edizione/palermo/caravaggio-a-siracusa-naviga-nel-capolavoro-conteso/202806/201870


news

04-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 4 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news