LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LUCCA - I tesori senza tutela
Rossella Lucchesi
31 maggio 2015 IL TIRRENO

LUCCA
scomparsa l'asta lignea che si trova nella mano sinistra del monumento al centro di piazza Napoleone dedicato Maria Luisa di Borbone, la duchessa che regn a Lucca dal 1817 al 1824. Nella mano sinistra rimasto lo scettro, che rappresenta il giglio dei Borboni. Per fortuna si tratta di una copia in vetroresina, collocata al posto dell'originale, rotto alcuni anni fa da un vandalo. Le ipotesi. Cosa abbia provocato la sparizione dell'asta non ben chiaro. Le ipotesi sono due: una pallonata o un atto vandalico. Fatto sta che sino a pochi giorni fa, come aveva testimoniato l'avvocato Marco Brancoli Pantera con una foto postata il 23 maggio sulla propria pagina Facebook, l'asta c'era. Ma era troncata. Poi sparita. Il sindaco. Ieri Alessandro Tambellini, informato dell'episodio, ha garantito che avrebbe informato subito la Soprintendenza. La storia. La statua Maria Luisa non la vide mai. Mor nel 1824, due anni dopo che i lavori erano stati commissionati a Lorenzo Bartolini, uno dei pi importanti scultori toscani dell'Ottocento. E la statua a lei dedicata fu finita soltanto nel 1843. Opera di rilievo, dunque, il monumento di piazza Napoleone fu voluto come segno di gratitudine per la duchessa di Borbone, che regn a Lucca dal 1817 e poi, alla morte, pass lo scettro al figlio Carlo Ludovico. Gratitudine in particolare per il progetto dell'acquedotto, che Maria Luisa aveva affidato all'architetto Lorenzo Nottolini e che, anche questo, non riusc a vedere realizzato. Proprio all'acquedotto sono dedicati, in parte, i bassorilievi del basamento della statua, opera di un altro grande scultore, il lucchese Vincenzo Consani, lucchese. Come la statua, anche questi ultimi ebbero una gestazione lunghissima, tanto che non furono mai montati e oggi si trovano nelle sale della cultura figurativa dell'Ottocento del museo di Palazzo Mansi. Scritte sulle Mura. Le brutte notizie non finiscono qui. I vandali sono infatti tornati di nuovo in azione sulle Mura. Nuove scritte sono comparse in questi giorni a deturpare ulteriormente il monumento simbolo della citt, negli ultimi tempi troppo spesso preso di mira da sconsiderati che, per una bravata o per pura stupidit, decidono di lasciare il segno del loro passaggio. Ad essere colpiti stavolta sono i paramenti interni del baluardo della Libert, meglio conosciuto come Cairoli, in prossimit di porta Elisa. Qui i vandali si sono accaniti nella parte sinistra del baluardo, imbrattando in pi parti i muri cinquecenteschi con scritte colorate che rimandano messaggi dai contenuti pi disparati. Pochi metri pi avanti, lungo la cortina in direzione del baluardo San Salvatore, un'altra enorme scritta, stavolta in vernice bianca, forse opera delle stesse mani. Un pugno negli occhi dei passanti che, procedendo dal baluardo San Colombano, non possono non notare le ultime imprese di questi ignoti graffitari che anche stavolta sono riusciti a farla franca. Le proteste. Possibile che non si possano prendere provvedimenti per individuare gli autori e dare loro la giusta punizione? dicevano ieri alcuni cittadini inorriditi di fronte al nuovo scempio urbano che ancora una volta colpisce uno dei monumenti pi preziosi della citt, meta ogni giorno di migliaia di persone che vi passeggiano o fanno sport. Un bel biglietto da visita per una citt che si vanta di avere una cerchia muraria perfettamente conservata, ricordata da storici e poeti. Attacchi continui. Gesti purtroppo sempre pi frequenti su monumenti e palazzi storici e talvolta anche su opere d'arte di valore inestimabile, su cui poi si deve intervenire, spendendo cifre non irrisorie per poterli eliminare. E non sempre si riesce a farlo perfettamente, spesso a causa dei materiali della struttura. Impresa talvolta inutile, perch sono molti i casi in cui, dopo pochi giorni scritte e graffiti ricompaiono, talvolta ancor pi invadenti. Da qualche tempo i vandali danno sfogo alla loro assurda fantasia anche sull'asfalto di strade e piazze. Un brutto esempio i versi poetici lasciati di fianco al piazzale del Caff delle Mura, tuttora ben visibili, nonostante piogge e intemperie che, anzich intenerire i passanti, suscitano in essi stupore e sdegno per il danno provocato all'arredo urbano. Qualcuno si chiede se ai ragazzi - perch generalmente sono loro gli autori - nessuno insegna veramente l'educazione civica, base indispensabile per il rispetto delle regole e del vivere comune che si allarga anche a ci che ci circonda, a partire dai beni architettonici che fanno parte della storia e di conseguenza, appartengono a tutti. E come tali hanno diritto al rispetto. Forse bisognerebbe stare pi vicini ai giovani e far capire loro quanto poco senso abbiano quelle frasi, quei messaggi in codice e quelle date che ricordano momenti vissuti o eventi legati a personaggi pi o meno noti. Scritte e disegni che in un momento di particolare euforia qualcuno decide incoscientemente di incidere laddove, magari passandovi dopo qualche tempo, riesce a provare un senso di vergogna per quel gesto sconsiderato compiuto durante una scorribanda notturna della quale non pu certo sentirsi un eroe.



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news