LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CAMPANIA - Scempio sulle dune Ok al dissequestro dellarea di Laura
di Angela Sabetta
la Citta di Salerno 29 maggio 2015




Il Comune potr avviare gli interventi di rinaturalizzazione Indagati il consiglierie Ciuccio e un capocantiere Paistom

CAPACCIO. A quasi due anni dallapposizione dei sigilli, la Procura di Salerno ha disposto il dissequestro dellarea dunale lungo la pineta in localit Laura. Il dissequestro era stato richiesto dal Comune per consentire la messa in atto delle opere di rinaturalizzazione e rifunzionalizzazione del tratto interessato dallo sbancamento, che sembra fu realizzato per dei parcheggi.

Il piano prevede la realizzazione di una staccionata in castagno e il ripristino della macchia mediterranea con la collocazione di una siepe e la piantumazione di vegetazione autoctona per rimpiazzare tutte le piante tagliate durante lo sbancamento avvenuto nel mese di giugno 2013.

Per questa vicenda risultano indagati il consigliere comunale delegato Roberto Ciuccio e il capocantiere della Paistom, Giuseppe Impemba, accusati di aver eseguito, in concorso, opere in assenza delle previste autorizzazioni su beni paesaggistici dichiarati di notevole interesse pubblico. La denuncia per gli interventi non conformi con quanto disposto dalla Provincia dopo lo sbancamento e il consequenziale sequestro scatt allepoca anche per il Comune. Il sequestro riguard un vasto tratto di demanio marittimo sul tratto che conduce ai lidi Tuffatore, Tritone e Paestum. Gli interventi di taglio di alberi e della vegetazione furono effettuati pure con lausilio di mezzi meccanici.

Quella che doveva essere unopera di riqualificazione, con la rimozione dellincannucciato e della vegetazione secca retrodunale, come disposto dalla Provincia, di fatto stravolse lassetto della fascia pinetata. Nella nota la Provincia autorizzava il Comune alla rimozione dellincannucciato in pessimo stato, che sarebbe dovuto essere sostituito con una barriera naturale vegetale, e delle piante morte oltre a sterpaglia. Ma le disposizioni della Provincia furono disattese anche a causa sembra dellintervento di alcuni privati. Gli interventi furono molto pi massicci, fu effettuato un vero scempio della vegetazione con camion, che caricarono il materiale legnoso.

Larea oggetto dellintervento ha unampiezza di 3.950 metri quadrati e ricade nel demanio marittimo. La richiesta di dissequestro da parte dellamministrazione comunale del sindaco Italo Voza stata presentata a novembre del 2014. La Procura nel gennaio scorso ha richiesto la documentazione integrativa. La richiesta di dissequestro stata poi rigettata perch lindagine era in corso. Il Comune si appellato e qualche giorno fa stata accolta listanza.

Come ente abbiamo piena fiducia nella magistratura e abbiamo fatto la nostra
parte afferma lassessore allambiente Eustachio Voza - con lelaborazione di un progetto di rinaturalizzazione, che ci sta molto a cuore, che ha ottenuto tutti i pareri e le autorizzazioni necessarie da quelle della Soprintendenza al Parco Sele Tanagro.

http://lacittadisalerno.gelocal.it/salerno/cronaca/2015/05/29/news/scempio-sulle-dune-ok-al-dissequestro-dell-area-di-laura-1.11521953?ref=search


news

04-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 4 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news