LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENEZIA - Le leggi del commissario che cambiano la città
di Enrico Tantucci
LA NUOVA VENEZIA 24 maggio 2015

VENEZIA Altro che bilancio. L'eredità che il commissario straordinario Vittorio Zappalorto lascerà tra poche settimane al nuovo sindaco della città è ingombrante. Non solo perché - anche se a prezzo di pesanti tagli e aumenti tariffari e di imposte - gli consegnerà comunque un bilancio di previsione 2015 chiuso in pareggio, che non sarà semplice alleggerire mantenendolo in equilibrio. Ma anche perché Zappalorto è andato molto oltre - pur se sotto la spinta di reperire risorse aggiuntive per chiudere il "buco" di bilancio - varando un sistema di regolamenti e di protocolli d'intesa un po' su tutte le materie di competenza comunale, spesso contestati,che lasciano ben poco spazio di intervento "politico" al nuovo sindaco, a meno di non rimetterli profondamente in discussione. Ma non sarà facile, a cominciare dall'ultimo accordo-blitz con la Save sul terminal di Tessera - rinunciando alla pianificazione urbanistica comunale - di cui riferiamo a parte. Ma ecco, in sintesi, solo alcune delle principali modifiche strutturali introdotte da Zappalorto nella gestione comunale. Nuovo regolamento edilizio. Punta sulla semplificazione e sulla sburocratizzazione, ma ha suscitato già molte proteste, a cominciare dalla diminuzione del taglio minimo di un alloggio che dai 38 metri quadri attuali scenderà a 28, rendendo quindi teoricamente più facile acquistare un'abitazione a Venezia anche per chi non ha una grande disponibilità economica. Anche la soglia delle altezze sarà a questo scopo abbassata da 2 metri e 20 a 2 metri e 5, per favorire l'agibilità, prevedendo l'uso di velux e abbaini per l'illuminazione dei locali. Sarebbero esclusi gli alloggi a uso turistico dalla riduzione delle metrature, ma recente sentenze al Tar hanno visto il Comune sconfitto proprio sulla possibilità di "discriminare" gli alloggi turistici dall'equiparazione a quelli residenziali. Il rischio pertanto è di una nuova ondata di trasformazioni. Beneficio pubblico dai privati. Definiti i criteri per il riconoscimento del beneficio pubblico negli accordi che il Comune stipulerà con i privati per interventi che comportino varianti urbanistiche, come avvenuto, ad esempio, con il gruppo Benetton nel caso del Fontego dei Tedeschi e con Prada per la vendita e il riuso di Ca' Corner della Regina. Il beneficio pubblico dovrà servire innanzitutto a sostenere il Patto di Stabilità interno e dovrà essere versato dai privati al Comune al 50 per cento in denaro liquido e per l'altro 50 per cento in opere di interesse pubblico. La misura ha già fruttato una decina di milioni di euro in bilancio, a cominciare dalla rinuncia all'uso pubblico sulle Procuratìe Vecchie a favore delle assicurazioni Generali e agevola quindi le trasformazioni e i cambi di destinazione d'uso da parte dei privati. Protocollo d'intesa a tutela del decoro della città. Firmato con la Soprintendenza per l'utilizzo commerciale del suolo pubblico, a cominciare da Campo San Geremia. Prevede le linee guida di un piano che, a tutela del decoro, unifichi e normalizzi elementi comuni come le vetrine, tende, insegne pubblicità, cartellonistica e arredi. Si interviene anche su banchetti di souvenir e plateatici per ridurli, come prevede anche il nuovo regolamento dell'arredo urbano per Ruga degli Oresi e Rialto e il nuovo divieto di esporre le merci fuori dalle vetrine. Nuovo regolamento sulle emissioni rumorose. Fissa i principi per consentirle a locali e per manifestazioni in città ed esclude Campo Santa Margherita - la zona della "movida" veneziana - da ogni possibile deroga per le emissioni rumorose nel nuovo regolamento per aver «dimostrato nel tempo una particolare criticità acustica». Cessione alla Biennale delle aree dell'Arsenale sud. Siglata la convenzione, la Biennale avrà in concessione per trent'anni - rinnovabili - gli spazi dell'Arsenale sud che il Comune gli metterà gratuitamente a disposizione. Sarà sottoscritto anche un regolamento per le modalità e le condizioni di apertura al pubblico di alcuni degli spazi. Gli altri provvedimenti. Impossibile citare tutti gli altri provvedimenti "strutturali" adottati da Zappalorto, ma vanno ricordati tra gli altri l'unificazione tariffaria e di linee Actv che scatterà dal primo luglio, l'adozione del piano del traffico acqueo, il protocollo s'intesa per l'uso di pali e bricole in plastica.



news

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

Archivio news