LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Polirone, i restauri in basilica rivelano nuovi capolavori
27 maggio 2015 GAZZETTA DI MANTOVA



Un nuovo prezioso gioiello arricchisce il patrimonio artistico della Basilica Polironiana: un crocifisso in terracotta realizzato entro la prima met del Quattrocento dallo scultore fiorentino Michele di Niccol Dini, meglio noto come "Michele da Firenze". Un vero capolavoro, che nella figura del Cristo magra ed affusolata, armonizza il naturalismo con l'eleganza delle proporzioni ed evidenzia i particolari che l'artista utilizza anche in altre opere, quasi come una firma: le ciocche ondulate dei capelli, la foggia della corona di spine, il particolarissimo modo di imprimere i capezzoli mediante degli stampini perfettamente circolari. La consegna alla comunit sambenedettina e ai turisti prevista nella presentazione pubblica, il prossimo 5 settembre. Il crocifisso si trova nella seconda cappella della navata sinistra da molto tempo, probabilmente dall'epoca monastica, poich fronteggia la cappella del Santissimo nella navata opposta. Ma dell'autore non si sapeva nulla, o si faceva l'ipotesi di un'attribuzione al Begarelli, artefice dell'importante ciclo figurativo di epoca rinascimentale. La verit sull'attribuzione dell'opera venuta avanti solo recentemente, grazie all'intuizione degli Amici della Basilica, che hanno voluto approfondire la ricerca coinvolgendo Aldo Galli, docente di Storia dell'Arte Moderna presso l'Universit degli Studi di Trento. Cos stata svelata la figura dell'artista e la paternit dell'opera. Michele afferma il professor Galli fu coetaneo di Donatello e fu con lui fra i giovani collaboratori di Lorenzo Ghiberti nella prima fase del cantiere per la Porta Nord del Battistero di Firenze. Fu poi il primo artista italiano a specializzarsi in maniera esclusiva nella tecnica della statuaria in terracotta, che era stata riscoperta a Firenze dopo secoli di oblio agli inizi del XV secolo. In conseguenza della sua carriera itinerante, egli esport quest'arte nuova' nell'Italia settentrionale, dove trascorse la maggior parte della sua esistenza tra Veneto, Emilia e Lombardia. Il Crocifisso di San Benedetto databile agli anni che Michele trascorse principalmente in Emilia, e cio tra il 1438 e il 1443 circa, anche per la grande affinit che la statua polironiana rivela con le raffigurazioni di Cristo conservate a Modena, Reggio e, nel Mantovano, a Governolo. Avuta questa certezza si pensato al restauro, grazie alla sponsorizzazione offerta dal Lions Club Padania sotto la presidenza di Aristide Ronconi. L'intervento stato eseguito da Giuseppe Billoni dello Studio Billoni & Negri, coadiuvato dalla collaboratrice Rossella Buganza e i lavori sono stati seguiti dall'ispettrice Giuseppina Marti della Sovrintendenza di Mantova. Dalle indagini preliminari si verificato che la statua in cotto fu eseguita in pi pezzi, poi assemblati in loco tramite perni di ferro e gesso, con una tecnica che si mantenuta nel tempo e si ritrova anche nelle opere di Begarelli. Ne prova una fessura orizzontale a livello dell'addome, che indica un punto di assemblaggio dei blocchi scultorei in cotto. Nel restauro spiega Billoni stata conservata, in accordo con la Sovrintendenza, la ridipintura d'inizio Novecento, ormai storicizzata. Infatti, l'analisi stratigrafica ha rivelato che lo strato di cromia originale presente in una percentuale troppo limitata (un 10/15%) per giustificare la demolizione dello strato novecentesco, non snaturante rispetto all'originale. Il festone. Altre importanti novit per la Basilica sono venute dal ripristino post terremoto. Per la chiusura delle lesioni verticali della navata centrale sono state tolte le tele settecentesche dello Zimengoli, permettendo il parziale recupero delle decorazioni giuliesche che decorano l'estradosso delle serliane. Per ora, in simmetria con la parte sinistra, stato rimesso in luce sulla destra il festone di fiori e frutta sorretto da teste di leone, e, in attesa del permesso della Soprintendenza per il totale scoprimento, sono stati effettuati saggi che dimostrano la presenza degli stessi festoni fino alla balaustra. L'indagine stata portata anche sul presbiterio dove, per, degli affreschi rimangono solo pochi lacerti, tuttavia sufficienti a ricostruire l'esatta sequenza iconografica progettata da Giulio Romano. Qui i festoni erano sorretti da putti e si ricongiungevano a quelli del tiburio e del transetto. Nell'insieme specifica l'architetto Giancarlo Pavesi, direttore dei lavori in Basilica una decorazione unica nel suo genere per un edificio di culto, ma presente in molti palazzi e residenze civili di Mantova. Per il loro carattere apparentemente profano, probabilmente gli affreschi furono sbiancati subito dopo il Concilio di Trento e poi completamente dimenticati nel Settecento con la collocazione delle tele dello Zimengoli. Con queste trasformazioni, compresa la pulitura delle volte, la Basilica ha ricuperato quasi completamente lo splendido aspetto cinquecentesco. Oriana Caleffi


http://ricerca.gelocal.it/gazzettadimantova/archivio/gazzettadimantova/2015/05/27/mantova-polirone-i-restauri-in-basilica-rivelano-nuovi-capolavori-33.html?ref=search


news

29-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 29 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news