LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CAMPANIA - Il governatore si tuffa nel centro antico "Quanto splendore qui milioni di turisti"
OTTAVIO LUCARELLI
07 giugno 2015 LA REPUBBLICA





«CHE TESORO, quanto splendore. Qui faremo venire milioni di turisti. Tutta la Campania deve diventare un grande distretto turistico utilizzando bene i fondi europei. Chi ci ha preceduto ha mandato già in fumo tre miliardi di euro. Noi non pederemo un solo centesimo e destineremo i fondi allo sviluppo del turismo per creare occupazione vera».

Dopo l'intesa con Matteo Renzi raggiunta due giorni fa a Palazzo Chigi sulla road map per l'insediamento in Regione (nessun decreto ad hoc per cambiare la Severino, ma sospensione in base alla legge solo dopo aver formato la giunta), Vincenzo De Luca si tuffa nel cuore del centro antico di Napoli. Arriva alle 11.30 in piazza San Domenico Maggiore dove, ad attenderlo, ci sono il professore Raimondo Pasquino, uno dei papabili per la carica di vicepresidente della Regione, e Angelo Chianese che ha allestito la mostra "Il bello e il vero".

Prima tappa nella Cappella Sansevero, dove De Luca è accompagnato dall'avvocato Carmine Masucci, per ammirare il Cristo velato che attira oltre trecentomila visitatori l'anno e che è dal 2013 è ai primi posti in Italia nelle graduatorie di gradimento museale. «Conoscevo ovviamente questo luogo meraviglioso - rivela il governatore - ma non l'avevo mai visto dal vivo ». La scena è conquistata dal Cristo velato, con accanto le rappresentazioni marmoree della Pudicizia e del Disinganno.

Mescolato ai turisti, De Luca si è poi aggirato tra le meraviglie dei Decumani con la compagna Marilena Cantisani. Uscito dalla Cappella Sansevero, il presidente della Regione ha visitato la mostra "Il bello e il vero" per il suo finissage. Un tour nell'allestimento dedicato, con oltre trecento opere, alla scultura dell'Ottocento napoletano all'interno del complesso di San Domenico Maggiore. Il giro è durato circa quaranta minuti tra le sculture di Vincenzo Gemito, Tito Angelini e Stanislao Lista fino ai busti di Francesco Jerace.

Ultima tappa, il laboratorio dell'artista Lello Esposito, a Palazzo Sansevero, che ha donato al presidente una scultura rossa con la testa di San Gennaro. Esposito avrebbe voluto regalare un corno e una maschera di Pulcinella ma De Luca ne era già fornito e così ha preferito un San Gennaro.

«A Napoli e in Campania - ha commentato il presidente della Regione durante il tour dell'arte - dobbiamo puntare su turismo e cultura. Abbiamo il più grande museo all'aperto del mondo e potenzialità enormi. La città e tutta la regione devono diventare un grande distretto turistico ma dobbiamo darci tutti una mano. Bisogna rivalutare il nostro immenso patrimonio culturale, ambientale, archeologico, religioso ed enogastronomico, ma per realizzare questo obiettivo bisogna essere compatti ».

La priorità di De Luca in Campania, come il presidente ha confermato in settimana, è la pulizia della Terra dei fuochi con la eliminazione di sei milioni di ecoballe. «Risanando quei territori rilanceremo il turismo» sostiene De Luca. E il tuffo nel centro antico di Napoli rispolvera il suo ambizioso obiettivo: «La Campania deve diventare la regione del turismo aperto tutto l'anno, un turismo che favorisca la valorizzazione delle risorse naturali, paesaggistiche, culturali e monumentali a tempo pieno con una logica di moltiplicazione delle attivita` del settore. Occorre promuovere un grande Di-stretto turistico globale mettendo a sistema le reti di mobilità, il patrimonio dei beni culturali intervenendo sulle emergenze paesaggistiche per avere una grande offerta attrattiva di un turismo sempre piu`costante e qualificato ».

Per De Luca il risanamento della Terra dei fuochi e il rilancio del centro antico di Napoli avranno un effetto moltiplicatore: «Bisogna prendere un insieme di misure coordinate per lo sviluppo del turismo. Progetti integrati per la fascia costiera e le aree interne, iniziative per il turismo culturale e quello congressuale, diffusione dell'offerta ricettiva di qualità, di case vacanza e " bed and breakfast" con la promozione della nostra enogastronomia. La campagna elettorale è finita. La gente ha votato. Ora dobbiamo insediarci e approvare i primi atti ma, come vedete, siamo già al lavoro. Gli altri chiacchierano e fanno ricorsi. Noi lavoriamo. E lavoreremo fino all'ultimo respiro, stando sempre in mezzo alla gente per il riscatto della nostra terra».




news

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

Archivio news