LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Da Los Angeles a Salerno il lungo volo del Felino alato
di PAOLO ROMANO
07 giugno 2015 la città di Salerno


Menzionato nel catalogo dei capolavori antichi del Getty Museum of Los Angeles, rappresenta uno dei bronzi più belli ed enigmatici dell'intera collezione del magnate americano. Una scultura avvolta in un'aura di mistero per il suo fascino e le sue forme perfette. E' "Il felino alato", proveniente dal museo americano e visibile da oggi al museo archeologico provinciale di Salerno. Per mostrare a tutti l'acquisizione in prestito del capolavoro che ha circa 2500 anni di vita, stasera alle 19.30 la teca museale di via San Benedetto sarà visibile a tutti (ingresso gratuito), con chiusura posticipata straordinariamente alle 21.30. L'opera, in bronzo con doratura, è databile tra il VII - inizio VI sec. a.C. e probabilmente costituiva la gamba anteriore di un trono ligneo. Alcune caratteristiche stilistiche, quali la forma della fronte e delle orecchie, così come il procedimento di realizzazione, la riconducono alla Spagna del regno di Tartessos. La stessa provenienza amplifica il mistero che circonda il manufatto bronzeo: il regno del re in questione, forse di stirpe fenicia, è avvolto nella leggenda: non è stato mai localizzato con precisione, si trovava nei pressi dello stretto di Gibilterra, alla foce del Guadalquivir, prima delle mitiche colonne d'Ercole. Il grande felino è in stile orientalizzante, un pezzo unico, anche di grandi dimensioni. Con la sua altezza di oltre 70 cm, infatti, è quasi a grandezza naturale e quando lo si osserva da vicino è difficile non rimanerne affascinati. Un gatto, una belva felina, un animale divino in atteggiamento difensivo ed aggressivo al tempo stesso, uno sguardo intelligente e magnetico, gli occhi scrutano chi osserva quasi a rapirne lo sguardo e ad ipnotizzarlo. "L'opera – spiega Barbara Cussino, funzionario delegato del Settore Musei e Biblioteche della Provincia - rimarrà in esposizione presso l'Archeologico di Salerno fino al marzo del prossimo anno, per catapultare i visitatori in un nuovo viaggio sensoriale tutto da esplorare. Per circa un anno occuperà, infatti, il posto della testa in bronzo di Apollo, che dallo scorso febbraio è protagonista di un tour tra Firenze, Los Angeles e Washington come ambasciatore culturale di Salerno". Per averlo, J. Paul Getty – che diede inizio alla sua attività di collezionismo nei primi anni Trenta del Novecento – non badò a spese. Attratto in maniera irresistibile dal mondo classico e dalle antichità, Getty viaggiò nei Paesi del Mediterraneo, lesse testi di letteratura specializzata ed acquistò diverse ville in Italia. Nel 1955 compose il racconto Viaggio da Corinto sulla Villa dei Papiri di Ercolano e poi costruì la sua dimora di Los Angeles sullo stile di un'antica dimora romana. Nel 1957 Getty inviò la propria collezione di antichità al piccolo museo che aveva istituito tre anni prima nella sua casa di Malibù, dove creò una galleria di tutto rispetto, comprendente anche il felino alato di fattura spagnola. Alla sua morte, avvenuta nel 1976, J. Paul Getty lasciò al Museo un'eredità del valore di settecento milioni di dollari. Le antichità greche e romane hanno serbato un grande valore non soltanto perché ispirarono il suo fondatore a ricostruire la Villa dei Papiri a Malibù allo scopo di ospitare le collezioni, ma anche in quanto hanno rappresentato la fonte principale di idee e forme per l'arte europea dei secoli successivi. Stasera, dopo i saluti del presidente della Provincia Giuseppe Canfora, interverranno Giovanni Coscia, Barbara Cussino, Silvia Pacifico, Carmine Pellegrino, Giuseppe Ariano. Nelle prossime settimane, grazie alla presenza nelle collezioni del Museo del "Felino Alato", l'Associazione Fonderie Culturali promuoverà anche attività didattiche, visite guidate ed eventi dedicati. Inoltre, a partire dalla seconda metà di giugno, chi acquisterà un biglietto, oltre a visitare il Museo, riceverà un kit con cui potrà elaborare una propria ipotesi sulle caratteristiche d'uso del "Felino Alato" e partecipare al concorso "Il Mistero del Felino Alato". In palio un viaggio in Spagna, in quella penisola iberica da cui proviene il misterioso bronzo antico.



news

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

Archivio news