LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Trentino. Urbanistica, la resa dei conti
Fabio Parola
Corriere del Trentino 14/7/2015

Opposizioni agguerrite, oltre 2.000 emendamenti. La maggioranza tenta il dialogo

Opposizione sulle barricate per la riforma urbanistica. Sono 2.096 gli emendamenti che pendono sulla discussione del disegno di legge in consiglio provinciale. A firmarli sono 5 Stelle, Lega nord, Civica Trentina. Gran parte dei dispositivi sono ostruzionistici. Cos facendo, ottenuta leliminazione dei tempi contingentati, le minoranze potrebbero allungare considerevolmente i tempi del dibattito in aula. Per noi le priorit sono quattro dice Maurizio Fugatti, segretario della Lega nord. Non stravolgeremo il testo risponde la maggioranza. TRENTO Sono 2.096 gli emendamenti che pendono come una spada di Damocle sulla discussione della riforma urbanistica provinciale. Ottenuta leliminazione dei tempi contingentati, le minoranze potrebbero infatti allungare considerevolmente i tempi del dibattito in aula. Il rischio, se le richieste di Movimento 5 Stelle, Lega Nord, Civica Trentina e gruppo misto non venissero recepite dalla maggioranza, che si proceda a un duro ostruzionismo.
Leliminazione dei tempi contingentati, che assegnano a ciascun gruppo consiliare un lasso temporale fisso entro cui proporre e discutere i propri emendamenti, stata approvata dalle minoranze su iniziativa di Nerio Giovanazzi (Amministrare il Trentino).
Dei quasi 1.500 emendamenti raccolti entro le 12 di ieri dal presidente del Consiglio provinciale Bruno Dorigatti 212 arrivano da Claudio Civettini (Civica trentina), 352 da Maurizio Fugatti (Lega nord), 33 da Nerio Giovanazzi e Massimo Fasanelli (Amministrare e gruppo misto) e 835 da Filippo Degasperi (M5s). Gi in serata, tuttavia, Dorigatti ha ricevuto altri 600 emendamenti, che portano il totale a 2.096.
A questo proposito Degasperi ha annunciato ieri che proceder ad aumentare il numero di emendamenti a suo nome, fino a raggiungere il migliaio: Le proposte sostanziali del M5s sulla riforma sono contenute in circa 130-140 emendamenti spiega il consigliere pentastellato il resto ostruzionismo, ma sia chiaro che tale strategia la risposta a un atteggiamento di chiusura della maggioranza.
Degasperi, insieme con il deputato del Movimento 5 stelle Riccardo Fraccaro, ha esposto le proposte chiave che la maggioranza dovrebbe accogliere per evitare lostruzionismo. Senza dubbio la riforma lancia messaggi positivi, parlando di stop al consumo di territorio, semplificazione, partecipazione dei cittadini alla pianificazione territoriale. Ci che contestiamo la mancanza di strumenti che concretizzino tali propositi.
Quattro sono, in particolare, i temi da chiarire secondo i pentastellati: Si parla di consumo zero, eppure non si proceduto a censire il patrimonio inutilizzato e le aree edificabili ancora disponibili. Senza un quadro conoscitivo completo impossibile valutare le alternative disponibili per evitare di allargare ulteriormente il perimetro urbano.
Il secondo nodo concerne gli sgravi fiscali per la costruzione di nuovi complessi commerciali allingrosso, industriali o sanitari non convenzionati. Anche qui lo slogan del consumo zero mostra, allatto pratico, i propri limiti. Come spiegare, altrimenti, tali agevolazioni?, commentano Degasperi e Fraccaro, che sottolineano poi la mancanza di regolamenti attuativi per concretizzare la partecipazione delle autonomie locali alla pianificazione urbanistica, prevista dalla legge provinciale del 2014.
Ultima spina: la composizione delle commissioni. In Trentino, in barba alla normativa, si continuano a nominare soggetti politici come membri delle varie commissioni urbanistiche e paesaggistiche spiega Degasperi. I pentastellati propongono alla maggioranza due alternative per correggere lanomalia: la prima scelta sarebbe quella di eliminare del tutto i politici dalle commissioni, lasciando libert a tecnici autonomi e rappresentanti dei cittadini; in alternativa il M5s vorrebbe inserito in ogni commissione un rappresentante della minoranza, come gi avviene nella provincia di Bolzano (dove i membri sono il sindaco, i tecnici e un rappresentante di minoranza con funzioni di controllo). Non si contano in Trentino i casi in cui la pianificazione territoriale stata lo strumento usato dalla classe politica per dispensare favori o consolidare interessi di parte, conclude Fraccaro.
I 352 emendamenti presentati inizialmente dalla Lega nord hanno, come per il M5s, in gran parte funzione di ostruzionismo. Dal punto di vista sostantivo, Fugatti spiega: I punti che abbiamo a cuore sono la correzione della legge Gilmozzi; un intervento per contrastare la concorrenza sleale dei negozi etnici; la disponibilit di parcheggi per disabili; il vincolo delledificazione di luoghi di culto, come le moschee, a un referendum.
I lavori in aula inizieranno oggi, ma la discussione vera e propria attesa per domani o gioved. Si proseguir fino a venerd, per riprendere poi dal 20 al 22.



news

01-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news