LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Scavi chiusi, turisti in fila la Procura indaga su assemblea selvaggia
Antonio Ferrara
25 luglio 2015 LA REPUBBLICA



QUANDO il soprintendente Massimo Osanna ha saputo che i cancelli degli scavi di Pompei erano rimasti chiusi, non ha avuto un attimo di esitazione: Apriamo noi. E cos, come gi accaduto gioved mattina, si messo a telefono e ha fatto chiamare i funzionari archeologi in servizio in soprintendenza e assieme a quei custodi che non avevano aderito all'assemblea di Filp, Unsa e Cisl- Fp (sindacato che ha poi comunicato di aver ritirato l'adesione) ha aperto i cancelli alle 10.15, con oltre un'ora di ritardo. Quando hanno visto arrivare Osanna in maniche di camicia a scusarsi e ad aprire personalmente i cancelli, scattato l'applauso. un colpo basso, un ricatto commenta Massimo Osanna. La procura di Torre Annunziata, guidata da Sandro Pennasilico, ha aperto un'inchiesta sulla vicenda. Oggi il presidente del Codacons Carlo Rienzi presenter un esposto, nel quale ipotizza i reati di interruzione di pubblico servizio e di violenza privata. Il Codacons attiver sul caso anche la Corte dei conti per danno erariale.

Un migliaio di turisti in fila sotto il sole, fuori i cancelli di Porta Marina, in piazza Esedra, all'Anfiteatro. Che succede? chiedono smarriti i turisti, mentre guide e venditori di souvenir cercano di spiegare che c' un'assemblea sindacale. Da Salerno i torpedoni con i crocieristi della Celebrity Equinox e della Costa Riviera hanno cambiato destinazione e si sono diretti verso la "pi tranquilla" Ercolano.

Una protesta prima annunciata e poi ritirata. Anzi, l'assemblea doveva tenersi questa sera dalle 20 alle 22, in concomitanza con l'apertura degli scavi per lo spettacolo di Roberto Bolle. Mercoled Osanna aveva incontrato i sindacti, la protesta sembrava rientrata. Poi ieri mattina il caos. Lo scontro tra ministero e alcune sigle sindacali (la Cgil che ha 40 iscritti si dissociata) tutto sulle gestione del sito. Tra il "sindacato dei custodi" che non non vuole il personale Ales (la societ in house del Mibact) in servizio per tenere aperte case ed edifici, e il ministero che, attraverso i fondi del Grande progetto Pompei, impiega giovani come assistenti alla visita, guerra aperta ormai. Uno scontro finale, su diritti e doveri di dirigenti e dipendenti. E di prospettiva. Ma le proteste sono anche legate al mancato pagamento delle competenze di Natale, Capodanno e notturni.

Un braccio di ferro che si ripropone in occasione di grandi eventi o aperture speciali. Gli addetti alla vigilanza a Pompei sono in totale 136, compresi i 14 addetti alla sala regia, mentre gli amministrativi sono 31, compresi funzionari, archeologi e tecnici. A Ercolano i custodi in servizio sono 36, 24 sia a Stabiae che a Oplontis, 19 a Boscoreale. Non ci dispiace se questo evento sale agli onori della cronaca - dice il segretario nazionale Flp Bac Rinaldo Satolli - ma dietro la patina di efficienza, progetti e risultati, la situazione a Pompie al limite della sopportazione.

Sui protagonisti dell'assemblea selvaggia piovuto lo sdegno del ministro Dario Franceschini: Un danno incalcolabile che rischia di vanificare quei risultati straordinari raggiunti nell'ultimo anno che hanno rilanciato l'immagine di Pompei nel mondo. Rincara la dose il presidente della Regione Vincenzo De Luca: una vergogna internazionale, una catastrofe che penalizza l'intero comparto. Metteremo in campo tutte le iniziative per sanzionare i responsabili dell'accaduto. Giuliano Volpe il presidente del consiglio superiore dei beni culturali. Queste proteste sono come l'influenza - dice - sono cicliche, cadono le braccia. Il problema ripensare il sistema della custodia, devono entrare i giovani, mentre siamo di fronte alla difesa corporativa degli interessi sindacali. sconfortante questa protesta, di fronte a migliaia di giovani bravi che non riescono a lavorare nei beni culturali e agli sforzi che ci ha riconosciuto anche l'Unesco. Volpe ricorda che quando entr nel consiglio superiore Pompei era data come la Caporetto dei beni culturali, oggi da disfatta divenuta occasione di rinascita .

La Scabec, chiamata in causa dai sindacalisti, precisa: Paghiamo il conto terzi per i custodi per le ore di straordinario stabilite dalla soprintendenza. Il che equivale per "Pompei, un'emozione notturna" a 120 mila euro.







news

04-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 4 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news