LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Tunnel Stelvio. Intesa siglata: La montagna pu unire
Luigi Ruggera
Corriere dell'Alto Adige 28/7/2015

Una stretta di mano che ha sancito il patto tra Lombardia e Alto Adige: i due presidenti Roberto Maroni e Arno Kompatscher, alla presenza anche del governatore trentino Ugo Rossi, hanno voluto sottolineare il clima di amicizia e collaborazione tra le rispettive amministrazioni, impegnate a valorizzare larea dello Stelvio. Ieri mattina, Maroni e Kompatscher hanno sottoscritto il protocollo dintesa, criticato dagli ambientalisti, che prevede uno studio di fattibilit per la realizzazione di un traforo sotto lo Stelvio percorribile tutto lanno. Laccordo prevede di sviluppare la realizzazione di uno studio di fattibilit del traforo dello Stelvio, per valutare le componenti dei flussi attuali e potenziali, le caratteristiche tecniche e ambientali e individuare le soluzioni ottimali per la realizzazione del collegamento e di sviluppare inoltreprodotti turistici e azioni di valorizzazione comuni del Passo dello Stelvio e del Parco dello Stelvio . La montagna deve unire e non dividere ha sottolineato il presidente della Provincia, Arno Kompatscher e questo accordo rappresenta un nuovo passo in avanti verso un percorso di crescita comune.

Nel protocollo, di durata triennale e poi tacitamente rinnovabile, si precisa inoltre che i costi saranno coperti dal Fondo comuni confinanti e che, entro un anno, le parti si impegnano a valutare congiuntamente le risultanze dello studio di fattibilit per definire eventuali fasi successive.
Non dunque affatto stabilito, come del resto gi precisato alla vigilia dellincontro dal sottosegretario lombardo Ugo Parolo, se si tratter di un tunnel stradale oppure ferroviario, visto che le due opzioni saranno entrambe valutate nellambito dello studio di fattibilit.
La firma al protocollo dintesa stata apposta ieri sullo Stelvio, al rifugio Garibaldi (2.845 metri), scelto proprio perch si trova esattamente sul confine tra lAlto Adige, la Lombardia e la svizzera Val di Mustair.
La cerimonia stata preceduta ieri mattina da un convegno, organizzato dal Rotary di Bormio, dal titolo Lo Stelvio al centro delle Alpi, al quale hanno preso parte il presidente della Provincia di Trento, Ugo Rossi, il presidente del Comitato Fondo comuni confinanti, Roger De Menech e il sottosegretario della Regione Lombardia Ugo Parolo, oltre ovviamente a Kompatscher e Maroni.
La montagna deve unire e non dividere ha esordito Kompatscher e questo accordo rappresenta un nuovo passo in avanti verso un percorso di crescita comune che trova applicazione concreta anche nel futuro del Parco nazionale dello Stelvio. Si tratta di una grande opportunit per tutelare e far conoscere le caratteristiche dei singoli territori con una gestione autonoma ma che in realt sar molto pi unitaria e collaborativa rispetto al passato. Per lAlto Adige la priorit rappresentata da un collegamento di tipo ferroviario ha ribadito Kompatscher ma in ogni caso tutte le valutazioni che scaturiranno da questo studio verranno effettuate mettendo al primo posto limpatto ambientale.
Grande soddisfazione per laccordo stata espressa anche dal presidente della Lombardia Roberto Maroni, il quale ha annunciato che sul versante valtellinese in fase di ideazione un progetto per prolungare la linea ferroviaria da Tirano a Bormio. Analizzando le prospettive del traforo, Maroni ha precisato: Oggi stipuliamo un accordo che prevede di fare una valutazione complessiva, che non riguarda solo la viabilit, ma limpatto sullambiente, il costo economico e altre varianti. E se questa sar la decisione, siamo pronti a partire.
Lintervento del governatore lombardo si per concentrato principalmente sulla macroregione alpina: Il futuro del Parco dello Stelvio ha affermato Maroni passa da questa nuova gestione, pi vicina ai territori, che rende tutto pi efficiente grazie al coinvolgimento dei sindaci e ad una governance pi snella. E importante anche per questo laccordo che firmiamo, in prospettiva di quello che avverr dal primo gennaio 2016, ovvero la nascita della Macroregione alpina che vedr al proprio centro le Alpi e la gestione del loro territorio. Noi con questa iniziativa anticipiamo quello che accadr da gennaio: una nuova realt europea consentir alle regioni di essere protagoniste e di dialogare direttamente con Bruxelles per le risorse.
Infine, analogamente a quanto espresso da Kompatscher, Maroni ha sottolineato come questa montagna e questo Parco devono unire e non dividere: lo Stelvio un ostacolo naturale che vogliamo superare perch le genti che vivono di qua e di l condividono lo stesso destino e il nostro compito fare in modo che siano ancora pi unite di prima, con la gestione diretta del Parco.
Da sottolineare anche la presenza del sindaco di Bolzano Luigi Spagnolli, che nei primi anni Duemila fu direttore del Parco Nazionale dello Stelvio: Sono favorevole ad un collegamento ferroviario ha dichiarato Spagnolli al termine della cerimonia e del resto si tratta di unipotesi che risale a molti anni fa.
Il governatore trentino Ugo Rossi ha salutato favorevolmente la firma del protocollo tra Alto Adige e Lombardia: Credere nei territori fa bene a tutto il Paese ha commentato Rossi Si tratta di un protocollo importante per le Province di Bolzano e di Sondrio, che suggellano una collaborazione che parte da lontano. Dove c autonomia e autogoverno la montagna non si spopola, c qualit della vita e prospettive per il futuro, come dimostrano i fatti. Noi siamo contenti della nostra autonomia, ma non ne siamo certo gelosi e anzi siamo disposti a metterla a disposizione di altri territori, pensando valga la pena stringere alleanze con i territori di montagna che hanno diritto di avere una propria prospettiva di autogoverno. Trento e Bolzano saranno impegnate anche in questo ha concluso il governatore trentino Rossi perch pensiamo che ci sar utile anche allo stesso sviluppo dellItalia.
Durante il convegno, oltre al tunnel, sono emerse altre proposte concrete per la valorizzazione dellarea dello Stelvio: dalla creazione di un sentiero attorno al gruppo dellOrtles, alla possibile candidatura del Passo dello Stelvio per entrare a far parte del patrimonio tecnico-culturale dellUnesco.



news

05-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 5 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news