LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - PALERMO. I musei municipali costano 3,6 milioni ma l'incasso un flop
FRANCESCO PATAN
29 luglio 2015 LA REPUBBLICA - PALERMO

I cinque musei comunali costano 3,6 milioni di euro all'anno e fruttano appena 99 mila euro, tutti incassati dalla Galleria d'arte Moderna con i suoi 30 mila visitatori all'anno. Gli altri quattro, palazzo Ziino, il museo Pitr, lo Spasimo e l'Ecomuseo del mare sono gratuiti.

Le cifre del deficit 2014 del comparto museale gestito da Palazzo delle Aquile sono state analizzate dal collegio dei revisori dei conti in vista del passaggio d'aula del bilancio 2014. Soltanto a Palazzo Ziino e alla Gam sono impiegati 60 dipendenti comunali, ed altrettanti lavorano negli altri tre siti culturali. Una voce questa delle risorse umane che pesa sui bilanci di Gam e palazzo Ziino per oltre 800 mila euro. Otto volte pi di quanto incassato in un anno. Al costo del personale vanno aggiunti quelli per la videosorveglianza e la sorveglianza armata delle opere d'arte (del valore di decine di milioni di euro). Complessivamente il costo di Gam e palazzo Ziino si aggira sui due milioni di euro, per trentamila visitatori all'anno.

Il bilancio lusinghiero, non va dimenticato che siamo a Palermo e non a Venezia o Firenze sottolinea la direttrice della Gam Antonella Purpura Nemmeno gli Uffizi sono in pareggio. Cinquanta dipendenti alla Gam non sono troppi, visto che dall'inaugurazione del 2006 non c' stato un giorno in cui la galleria rimasta chiusa. Senza contare che si tratta di dipendenti comunali che se non fossero utilizzati con profitto alla Gam, sarebbero spostati in altri settori e non cambierebbe il costo per il Comune.

Fra le voci "in profondo rosso" nel rendiconto 2014 spicca anche la Citt dei ragazzi, che doveva riaprire a fine luglio ed ancora chiusa. Il parco giochi di fronte alla Palazzina cinese non fa incassare un solo euro a Palazzo delle Aquile a fronte di una spesa di 235 mila euro.

Gli impianti sportivi (che l'amministrazione ha appena inserito fra i beni alienabili) gravano sulle casse di Palermo per 4,3 milioni di euro e producono un fatturato di 342 mila euro. I servizi cimiteriali e funebri chiudono il 2014 con deficit di due milioni di euro (4 milioni i costi, 2 milioni i proventi). I mercati ittico e ortofrutticolo hanno un costo di 960 mila euro ma gli introiti per il Comune sono 390 mila euro. Sono in perdita anche gli asili nido (meno 3,7 milioni), le mense scolastiche (meno 1,8 milioni). Complessivamente il deficit dei costi a domanda individuale di oltre 16 milioni di euro (20 milioni i costi, 4 milioni i proventi, appena il 20 per cento).

Sugli asili nido e le mense scolastiche il deficit comprensibile perch la politica quella di tenere le tariffe basse per non gravare sulle famiglie dice Giulio Tantillo, consigliere comunale di Forza Italia Non sono accettabili i disavanzi dei mercati ortofrutticolo e ittico, dei servizi cimiteriali, ma soprattutto degli impianti sportivi e dei musei. Su queste voci questa amministrazione e le precedenti non sono state in grado di gestire i servizi in maniera efficiente. Non c' un piano per lo sport, adesso l'intenzione alienare tutti gli impianti, quando basterebbe darli in gestione ai privati. Certo non a titolo gratuito e con tutti i costi a carico del Comune, come avviene per la quasi totalit dei musei.

Nel rendiconto che verr portato all'esame del Consiglio comunale il dato pi macroscopico resta l'aumento della pressione fiscale: da 251 milioni di euro del 2010 ai 487 del 2014. Nel 2013 le entrate tributarie erano 338 milioni. In quattro anni, 236 milioni in pi. Un aumento dovuto esclusivamente al taglio dei trasferimenti agli enti locali che in tre anni sono passati da 446 milioni ( 2012) a 175 (2014).

La cura dimagrante messa in atto dalla giunta Orlando dice che la spesa nel 2014 scesa di 103 milioni di euro e il recupero dell'evasione fiscale salita a 22 milioni.





news

04-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 4 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news