LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Milano. Strade verdi, arte e scuole: rinascono le caserme
Maurizio Giannattasio
Corriere della Sera - Milano 31/7/2015

Intesa con il ministero, definiti i programmi di riqualificazione per viale Suzzani e il distretto militare di Baggio La strategia del Comune: Allargare i parchi e contenere le nuove costruzioni. Ora la procedura di bonifica

Una scuola di arti e mestieri alla Mameli. Un grande parco in piazza dArmi e un mix di edilizia libera e housing sociale negli ex Magazzini di Baggio. Comincia a prendere forma la valorizzazione delle caserme dismesse sul territorio milanese su cui ha lavorato a lungo lex vicesindaco e assessore allUrbanistica, Ada Lucia De Cesaris. Il 7 agosto scade il protocollo dintesa tra Ministero della Difesa, Comune e Agenzia del Demanio ma previsto un periodo di moratoria fino a ottobre che verr quasi sicuramente utilizzato, perch nellanno di validit del documento si sono verificate due novit importanti. La caserma Mameli di viale Suzzani stata ceduta dallo Stato a Cassa depositi e prestiti, mentre per gli ex Magazzini di Baggio (che insieme a Piazza dArmi rappresenta un unico ambito di trasformazione urbana), in via di perfezionamento il passaggio a Invimit, la societ di gestione del risparmio del Ministero dellEconomia e delle Finanze (Piazza dArmi gi nella pancia del fondo Invimit), due soggetti che non erano presenti nel protocollo dintesa e che avranno il compito di concerto con Palazzo Marino di stendere i piani attuativi per valorizzare gli oltre 724 mila metri quadrati un tempo propriet del ministero della Difesa. Quindi, cambia anche lo scenario finale: non sar pi necessario un accordo di programma ma si passer direttamente al piano attuativo.
Dopo gli scali ferroviari un altro pezzo abbandonato della citt torna ad avere una prospettiva urbanistica. Partiamo da Piazza dArmi, fino a 20 anni fa storico campo desercitazione della Perrucchetti. Si tratta di 618 mila metri quadrati. Nelle more del passaggio a Invimit, Palazzo Marino, in accordo con il ministero della Difesa e il Demanio, ha anticipato gli interventi di sgombero delle occupazioni abusive e ha provveduto allo smaltimento dellamianto. Adesso si provveder alla caratterizzazione per i possibili interventi di bonifica. Li eseguir direttamente il Comune su incarico dellAgenzia del Demanio. Lintenzione quello di destinare a verde e servizi il 50 per cento dellarea e permettere cos un collegamento con il Parco delle Cave e un ingresso al sistema Boscoincitt. Se poi si tratter di un parco per i bambini come aveva detto nel 2014, Giuliano Pisapia o qualcosa di differente, poco cambia, larea verde la precondizione come previsto dallo stesso piano di governo del territorio. Tanto che la parte di sviluppo, ossia quella che prevede la costruzione di edilizia libera e di housing sociale viene spostata sullarea gi edificata degli ex magazzini militari di Baggio. Lindice previsto dello 0,70 per metro quadrato, di cui lo 0,35 per ledilizia libera e lo 0,35 per ledilizia sociale. Lobiettivo quello di salvaguardare al massimo larea verde e andare a costruire sul gi costruito. Si sta cercando di risolvere anche il problema dei tanti orti abusivi che sono sorti in Piazza dArmi con la regolarizzazione successiva degli spazi.
Laltra area su cui si sta lavorando quello della caserma Mameli, con una superficie di quasi 106 mila quadrati di cui almeno il 30 per cento deve essere destinato a verde e almeno un altro 20 per cento a servizi. Listruttoria iniziata da tempo e lintenzione dellamministrazione era quella di riproporre lesperienza della Piazza dei Mestieri di Torino. Di che si tratta? Lo prendiamo direttamente dalla pagina internet degli interessati. La Piazza dei Mestieri si ispira dichiaratamente a ricreare il clima delle piazze di una volta, dove persone, arti e mestieri si incontravano e, con un processo di osmosi culturale, si trasferivano vicendevolmente conoscenze e abilit... Lobiettivo finale quello di creare un punto di aggregazione dei giovani in cui sia evidente un contenuto educativo e dove si possa sperimentare un approccio positivo alla realt, dallapprendimento al lavoro. Traduciamolo nella realt milanese come una vera e propria scuola professionale dove i ragazzi apprendono un mestiere e si cerca di recuperare quei giovani che si sono persi per strada. Se ne gi parlato in zona e se ne parler ancora prima del passaggio definitivo in giunta. Probabilmente nel mese di settembre. Sempre che lamministrazione intenda proseguire sulla strada tracciata dallex assessore Ada Lucia De Cesaris.



news

29-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 29 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news