LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La natura raccontata dai greci e dai romani
CRISTIANA CAMPANINI
31 luglio 2015 La Repubblica



La natura vista dai padri. "Mito e Natura - Dalla Grecia a Pompei" la grande mostra inaugurata a Palazzo Reale sul tema della natura vista da greci e romani. Come in un set teatrale sono esposti capolavori di duemila anni fa che rivelano una sorprendente modernit. una efficace collaborazione tra sovrintendenze, universit e musei.


TRA FLUTTI e nembi rigonfi, sembra un cielo romantico alla Turner ma racchiuso in un piccolo frammento dalla Villa della Grotta di Catullo a Sirmione, un paesaggio dai blu striati e tumultuosi affrescato con scene di pesca (fine I secolo a.C.- inizio I d.C.). Seguono nature morte che parlano di astrazione e malinconia alla Morandi e alla De Pisis, ma hanno compiuto un viaggio di duemila anni che parte da Pompei ed Ercolano. E poi alcune finestre sulla natura. Hanno la sintesi e il realismo d'incanto del Doganiere Rousseau, ma sono impresse in trompe l'oeil lontani nel tempo: i tre dipinti giardino della Casa del Bracciale d'oro di Pompei (30-35 d.C), esposti nella grande mostra appena inaugurata a Palazzo Reale, "Mito e Natura Dalla Grecia a Pompei", rassegna sul tema della natura visto dai nostri padri, greci e romani. La mostra, organizzata da Electa con il volano di Expo, un'efficace operazione di collaborazione tra soprintendenze (Basilicata, Puglia, Pompei, Ercolano e Stabia), universit (Salerno e Milano) e musei (da Taranto a Napoli). A dimostrazione che attorno a un progetto scientifico si pu far sistema e soprattutto si possono valorizzare e comunicare capolavori di stupefacente modernit troppo spesso dimenticati. Il viaggio inizia dalla ceramica attica con vasi, anfore, crateri e piccoli frammenti marmorei. Qui la natura raccontata dai Greci solo per metafora attraverso la figura, tra divinit e mito (Demetra il grano, Atena l'olio, Dioniso il vino). il teatro delle azioni umane spiega Angela Pontrandolfo, curatrice con Gemma Sena Chiesa Non esiste senza l'uomo. I suoi elementi ci appaiono come divinit o figure mitologiche, ma anche come elementi cosmici. La prima sala si articola in un corridoio circolare. In questi tempi eroici lo spazio della natura ancora stretto tra terra e acqua spiega l'architetto Francesco Venezia, autore di un allestimento come un set teatrale scandito in scene (reduce da un'altra impresa, la mostra "Pompei e l'Europa" al Museo archeologico di Napoli). Sul lato interno, un monolite in acciaio corten simboleggia la roccia, la terra con nicchie che svelano i primi reperti. Il lato esterno, invece, dipinto in un grigio-verde inafferrabile, suggerisce l'acqua, il mare omerico, l'oceano sconosciuto. I soggetti marini sono navi, delfini, pescatori, pesci. C' una scena oscura di un naufragio dipinta sul Cratere euboico (Piteusa-Ischia, 725-700 a.C.), dove un uomo scheletrito destinato a fauci di creature spaventose. E poi c' una festa di colori per le Nereidi su mostro marino (Ascoli Satriano, seconda met IV secolo a.C.). Questo marmo dipinto era stato rubato, o acquisito da scavi illegali, ed stato restituito dal Getty di Los Angeles solo pochi anni fa. Segue il coperchio della "Tomba del tuffatore" di Paestum (480 a.C.), capolavoro metaforico dell'aldil. La sua composizione spoglia, dai colori algidi (verde, azzurro) ospita un uomo atletico, due alberi ondivaghi e un trampolino, come il modulo di un'architettura moderna. Protagonista il mare, simbolo di vastit ignote, in cui il tuffatore s'immerge racconta Venezia nel definirne l'allestimento. La lastra infatti si mostra ancora collocata in una struttura metallica a perni, come ha viaggiato. Lasciata a vista, la sua cornice brutalista che la protegge e sospende, concilia esigenze estetiche e di tutela, quasi a voler pacificare le lunghe polemiche sul prestito di un'opera che finora stata trasportata una volta sola, 20 anni fa a Venezia, a Palazzo Grassi. E il racconto della mostra procede per capitoli eterogenei. La seconda sala ci appare come una foresta spoglia, la terza un giardino pergolato in travertino, con stanze e cubiculi che vi affacciano, tra marmi, affreschi staccati e corone d'oro. Siamo in epoca romana e irrompe la rappresentazione realistica della natura, concepita come luogo di delizie, Otium, ma anche elemento decorativo e poi arriva il paesaggio, la natura morta. Nulla ha fatto l'uomo che non sia nell'antico, conclude Venezia che ha disegnato anche un dhor come un Viridarium e una sala-omaggio a De Pisis. Perch quelle forme si rinnovano e parlano ancora oggi la lingua del presente.



news

04-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 4 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news