LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VOLTERRA. Da oltre cento anni in Italia non veniva trovato un anfiteatro antico.
di Andreas Quirici
08 agosto 2015 il Tirreno

INVIATO A FIRENZE Da oltre cento anni in Italia non veniva trovato un anfiteatro antico. Bastano queste semplici parole di Elena Sorge, funzionario della Soprintendenza ai beni archeologici della Toscana per far capire l'importanza della scoperta fatta a Volterra lo scorso 8 luglio, durante la semplice pulizia di un fosso. Un ritrovamento che, per ora, si limita a pochi reperti. Da cui, per, gi si ipotizza la forma ellittica da 80 metri per 60 della struttura e la collocazione in epoca romana. Un'arena che, secondo gli esperti, era destinata a quei giochi gladiatori tanto cari agli abitanti dell'antica Roma. Tutto molto suggestivo ma, come spiegato durante la conferenza stampa negli uffici della Regione in piazza Duomo a Firenze, ora servono i finanziamenti ministeriali per far emergere dai 30mila metri cubi di terra, di cui sommersa, questa eccezionale scoperta. Il luogo del ritrovamento. Il cimitero di Volterra si trova a Porta Diana, nella zona sotto il teatro romano di Vallebona, da sempre una delle mete pi ambite per i turisti in arrivo da tutto il mondo. Per arrivarci bisogna cimentarsi con curve e controcurve di una strada come ce ne sono tante da queste parti. Il verde domina la scenografia circostante. Ed qui, lungo uno dei tanti fossi, che gli addetti del Consorzio di Bonifica del Basso Valdarno avevano ricevuto l'incarico di effettuare una manutenzione ordinaria. Ma visto che in quest'area sono stati trovati resti di ville di epoca romana e che a Volterra "si rischia" di trovare un reperto storico semplicemente inciampando in una zolla, la Soprintendenza ha affiancato suoi tecnici agli operai del Consorzio. quella che viene definita archeologia preventiva. Una pratica frequente che spesso non d risultati. Ma che questa volta ha portato alla luce un vero gioiello dell'archeologia. Insolito interramento. Lo scavo, per ora, ha fatto emergere tracce di aperture che indicano le arcate da cui gli spettatori probabilmente accedevano alle tribune sottostanti. Ma soprattutto 42 metri complessivi di strutture murarie la cui forma sembra lasciare pochi dubbi agli esperti. un ritrovamento straordinario - ha detto il Soprintendente ai beni archeologici della Toscana, Andrea Pessina - ma ora viene il difficile. Dovremo definire l'estensione dell'anfiteatro, ma soprattutto da quanti metri di terra ricoperto. Quello di Volterra ricorda gli anfiteatri di Cagliari e Sutri. Ma in quei casi si scavato la roccia e, comunque, la loro presenza era nota agli archeologi. In questo caso siamo di fronte a un anfiteatro di cui non si era quasi mai sentito parlare, per di pi interrato. E questo insolito per una struttura di cos grandi dimensioni. Probabilmente, dopo la presenza romana a Volterra, l'economia della zona ha subito una contrazione e, per recuperare terreni da coltivare in un'area dove ci sono poche zone pianeggianti, stato deciso d'interrarlo. Franceschini, aiuto... La definizione degli spazi sar fondamentale per capire quanti soldi saranno necessari per il recupero dei reperti. Nella peggiore delle ipotesi si dovrebbe trovare a 8 metri di profondit - riprende Sorge - Ma si parla comunque di decine di milioni di euro da investire. Anche se , ovviamente presto per dire una cifra precisa. Di sicuro, per, dovr essere coinvolto il Governo, chiamato a stanziare fondi per completare il lavoro. Il ministro delle attivit e i beni culturali, Dario Franceschini, gi stato avvisato. L'ho chiamato pochi giorni fa - ha sottolineato il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi - Mi ha detto che verr a vedere l'anfiteatro di persona. Forse gi in estate. Ovvio l'appello fatto Franceschini per l'aspetto economico della vicenda, a cui si aggiunto quello del sindaco di Volterra, Marco Buselli: Sarebbe un peccato non far riaffiorare un gioiello da cui si potrebbe creare un volano di sviluppo per un territorio che sta soffrendo moltissimo dal punto di vista occupazionale, dopo la difficile vicenda della Smith Bits che ha messo a casa 115 operai su 193. Ma valorizzare al meglio l'anfiteatro vorrebbe dire anche riscrivere la storia archeologica della nostra citt, da sempre definita etrusca e medievale. Volterra caput mundi. Al di l degli aspetti materiali della vicenda, questa scoperta ci consegna visioni di una citt come Volterra che, al tempo della dominazione romana, aveva probabilmente assunto un'importanza rilevante per l'impero. E l'anfiteatro ritrovato un mese fa ne sarebbe la prova, secondo Elena Sorge: Tre anni fa erano stati rinvenuti elementi di un terrazzamento di epoca romana. Nel luglio scorso abbiamo trovato tracce di una strada che dal teatro di Vallebona conduce a Porta Diana. In quel momento abbiamo pensato che si trattasse dell'ennesimo elemento che posiziona questa citt in maniera marginale anche in epoca romana. Ma l'anfiteatro ci dice che Volterra aveva una importanza rilevante rispetto a Roma. Perch la presenza di due strutture ludiche come il teatro e l'anfiteatro erano tipiche solo delle colonie pi ricche e, quindi, di un certo rilievo. Qui non ancora stato scoperto il tempio che, normalmente, sorgeva in aree pianeggianti. Ma sappiamo che da queste parti di pianure ce ne sono ben poche. Tra passato e modernit. La vera sfida, per, resta quella di far splendere il nuovo gioiellino volterrano. Dovremo essere bravi - ha concluso Rossi - a tutelare il passato e farlo vivere nella modernit.



news

04-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 4 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news