LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENEZIA - Un cubo in Canal Grande a Venezia scoppia la protesta
di Enrico Tantucci
08 AGOSTO 2015, LA NUOVA VENEZIA

Il "cubo" di Santa Chiara spuntato da qualche giorno, come un fungo, tra il Canal Grande e Piazzale Roma, suscitando subito una valanga di proteste - anche in rete - per il suo impatto visivo e paesaggistico su quella che la porta di Venezia. Ma sono in realt passati cinque anni da quando il proprietario dell'hotel Santa Chiara, Elio Dazzo - tra l'altro presidente dell'Aepe, l'Associazione pubblici esercenti di Venezia - ha iniziato a costruire, in mezzo alle polemiche, la nuova ala del suo hotel. E ora eccola, appunto di forma cubica in pietra bianca che circonda le grandi finestre squadrate che la caratterizzano. Del tutto dissimile, tra l'altro, dal nucleo storico dell'albergo, di origine cinquecentesca e poi successivamente ristrutturato ma con una tipica architettura veneziana. L'impatto forte e la presenza del "cubo" modifica notevolmente l'immagine di questa parte di citt, facendone una scatola architettonica comunque ingombrante. Spero che ai veneziani piaccia ha commentato Dazzo altrimenti me ne far una ragione, perch comunque era necessario per me realizzarlo. Per la forma architettonica del nuovo edificio, ho lasciato che decidessero gli architetti Antonio Gatto, gi membro della Commissione di Salvaguardia, Dario Lugato e Maurizio Varratta. Io mi sono concentrato sugli interni. In ogni caso, all'interno dell'albergo ho esposto un grande quadro d'epoca che dimostra come anticamente la Riva di Santa Chiara ospitasse numerosi edifici. Dunque non ho creato nessuna "frattura" con l'immagine storica di questa parte di Canal Grande. Pensavamo di realizzarlo in vetro e pietra, ma stata la stessa Soprintendenza poi a preferire la soluzione attuale. Inaugureremo il nuovo hotel entro settembre, ma speriamo di aprirlo anche prima. In ogni caso piazzale Roma, con la nuova Cittadella della Giustizia, la nuova pensilina, il people-mover, l'arrivo del tram e il ponte di Calatrava sta gi cambiando volto. Non capisco perch il mio albergo, in questo contesto, non possa starci. Abbiamo seguito strettamente le indicazioni della Soprintendenza spiega anche l'architetto Gatto nel non fare una copia dell'albergo gi esistente, ma un edificio innovativo, che ciascuno giudicher. Polemica Italia Nostra, con il presidente della sezione veneziana Lidia Fersuoch: La costruzione del nuovo Santa Chiara uno scandalo, che fa il paio con quello della ristrutturazione e lo stravolgimento del Fontego dei Tedeschi per farne un grande magazzino. Ancora una volta la Soprintendenza, l'unica che poteva intervenire visto che il Comune ci ha provato ma stato sconfitto al Tar, ha consentito questo nuovo stravolgimento dell'immagine di Venezia e del suo tessuto storico e architettonico. il primo edificio che viene costruito in epoca moderna lungo il Canal Grande dal periodo fascista, a pochi passi dal ponte di Calatrava. Consentito da un accordo che il Comune - sindaco allora Roberto Tognazzi - fece alla met degli anni Cinquanta con gli allora proprietari dell'hotel, che permetteva l'edificabilit dell'area, nel quadro di una permuta catastale nell'area di piazzale Roma. Un accordo che ha dormito per oltre vent'anni, fino a quando Dazzo ha appunto deciso di darvi seguito, realizzando il parcheggio interrato e il nuovo hotel. Inutili i tentativi delle ultime amministrazioni comunali, con due ricorsi al Tar, di bloccarne la realizzazione o almeno di porre dei paletti fermi al modo di attuarla. Il "cubo" di Santa Chiara andato avanti, sul suo aspetto arrivato infine il via libera della Soprintendenza e adesso l. Un altro tassello della nuova immagine di Venezia, a cui dovremo abituarci. Vittorio Sgarbi ha gi suggerito di ricoprirlo d'edera per mimetizzarlo, il rettore dell'Iuav Amerigo Restucci di chiedere alla Biennale Architettura di lanciare un concorso di idee allo stesso scopo. Il Ministero dei Beni Culturali, con il sottosegretario Ilaria Borletti Buitoni, ha chiesto - tardivamente - le carte del progetto, quando ormai il "cubo" l e nessuno lo demolir. A difenderlo, per ora, solo il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro. Sono sempre curioso delle cose nuove e, personalmente preferisco che, vicino alla storia, ci sia qualcosa di nuovo invece che delle scopiazzature. Invito tutti ad aver pazienza. L'opera va capita e, per il gusto, bisogna dargli tempo.




news

05-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 5 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news