LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Risposta di Giuliano Volpe a Tomaso Montanari. La partita non chiusa

Riceviamo da Giuliano Volpe una risposta all'articolo di Tomaso Montanari "Game Over"

La partita non chiusa!

In un articolo del 5 agosto, dal titolo Game over, pubblicato sul suo blog, sul sito di La Repubblica, Tomaso Montanari, con la sua solita verve, mi ha attaccato personalmente (in maniera oggettivamente offensiva rispetto alla mia storia di ricercatore, di docente, di ex rettore e di presidente del Consiglio Superiore Beni culturali e paesaggistici del Mibact, e in particolate alla mia onest intellettuale e morale che non permetto a nessuno, nemmeno a lui, di mettere in dubbio: sono per la massima trasparenza, pronto a qualsiasi verifica), di fatto chiedendo le mie dimissioni da Presidente del CS. Anche gli altri 14 componenti del CS, tutte personalit di primo piano del mondo dei BC, vengono rappresentati in maniera offensiva. Larticolo fa seguito allarticolo uscito il giorno prima su La Repubblica a firma di Francesco Merlo, di cui riprende pezzi. Allarticolo di Merlo ho risposto con una lettera aperta al direttore Ezio Mauro; ho poi inviato un brevissimo intervento al giornale che spero venga pubblicato. A questa nota di Montanari pensavo di non rispondere anche perch i due articoli condividono toni, analisi, parole (una coincidenza?) e non mi sembrava il caso di replicare ulteriormente. Ma la sollecitazione di alcuni amici mi induce a qualche precisazione, senza voler minimamente cogliere le provocazioni e cadere nella spirale delle lotte intestine, della demonizzazione del nemico (che spesso, in certi ambienti della cosiddetta sinistra, coincide con il compagno di banco!).
Io sono stato confermato dal ministro Franceschini come Presidente del CS nello scorso mese di febbraio (dopo esserlo stato tra aprile e luglio del 2014, negli ultimi mesi della precedente consigliatura). Preciso che sia nel 2012 sia nel 2014 la mia designazione nel CS stata proposta dalla Conferenza delle Regioni. La mia presidenza, dunque, finora durata complessivamente sei mesi: cos catastrofica da chiedere le dimissioni? Chi voglia avere informazioni sulle attivit svolte, pu farlo sulla pagina web del CS che proprio io ho istituito per fornire informazioni e garantire trasparenza (www.beniculturali.it/consigliosuperiore).
Il nuovo CS si insediato solo il 16 giugno, dopo la recente ricostituzione dei Comitati Tecnico Scientifici e lelezione dei relativi Presidenti, membri di diritto del CS. Nella seconda seduta del CS, il 14 luglio, stata approvata allunanimit una mozione a proposito del silenzio-assenso (http://www.beniculturali.it/mibac/export/MiBAC/sito-MiBAC/Contenuti/MibacUnif/Comunicati/visualizza_asset.html_1552935648.html), ma gi in precedenza avevo inviato e reso pubblica una lettera personale al Presidente del Consiglio, ai ministri Madia e Franceschini e ai presidenti delle Commissioni parlamentari Cultura e Affari costituzionali, oltre a interventi sulla stampa, pur non potendo accedere alle potenti tribune mediatiche a disposizione di altri. Nella terza seduta, il 4 agosto, il CS ha nuovamente approvato una mozione allunanimit a proposito della questione prefetture-soprintendenze (http://www.beniculturali.it/mibac/export/MiBAC/sito-MiBAC/Contenuti/MibacUnif/Comunicati/visualizza_asset.html_1153903177.html). Inoltre in questi mesi stata svolta una continua azione, meno evidente ma non meno utile, di contatti e interlocuzioni, grazie allimpegno del ministro Franceschini, del sottosegretario Borletti Buitoni, dellufficio legislativo del Mibact.
Non posso entrare nel merito delle varie questioni, anche perch lho gi fatto in varie occasioni, ma mi preme sottolineare che una delle battaglie principali per una nuova idea di tutela del patrimonio culturale e paesaggistico non possa prescindere dallapprovazione dei Piani Paesaggistici in tutte le regioni italiane. E non un caso che sia stato istituito presso il Mibact un Osservatorio e ora anche una Segreteria tecnica, nella quale sono state invitate a dare il loro apporto Anna Marson e Angela Barbanente, le due ottime urbaniste ex assessore nelle due uniche regioni che i Piani li hanno gi approvati, Puglia e Toscana. Dintesa con il ministro Franceschini, il sottosegretario Borletti Buitoni e il DG Francesco Scoppola, sar questo uno degli obiettivi strategici dei prossimi mesi e il CS intende svolgere una funzione di stimolo e indirizzo in tal senso.
Montanari ricorda le dimissioni di Salvatore Settis per i tagli al Ministero: il ministro allora era Bondi (che mi sembra qualcuno rimpianga e preferisca a Franceschini). Io valuto i fatti: lattuale ministro ha realizzato una riforma (che peraltro riprende i lavori della Commissione DAlberti, di cui Montanari era componente) che contiene molte novit importanti e che va attuata in maniera intelligente (e il CS si posto questo tra i suoi obiettivi); per la prima volta si torna a investire e a dotare il Mibact di nuovi fondi, anche se sono ancora insufficienti e se servir un maggiore impegno per i fondi ordinari; a breve ripartiranno le assunzioni; soprattutto il tema dei BC tornato allattenzione del dibattito nazionale ed europeo come non accadeva da molti anni; dopo un lungo periodo di disinteresse e di tagli, di blocco del turn over, di delegittimazione sociale, come non voler riconoscere che si impressa una svolta? Tutto bene? Nientaffatto, c moltissimo da fare e continueremo ad impegnarci, con unazione seria e costruttiva di indirizzo, di monitoraggio, di controllo.
Dovrei dimettermi, indignato, sbattendo la porta? Sinceramente non mi sento - e non mi sono mai sentito - di far parte di quelli che J. Attali chiama i rassegnati-reclamanti, schiavi del passato, quelli che credono di poter sfuggire a questa sorte indignandosi: criticano, manifestano, protestano. Senza mai trasformare lindignazione in azioni volte a realizzare la propria vita o a migliorare quella altrui. Ovunque siano, non fanno che lavarsi la coscienza ed escogitare ottimi argomenti di conversazione.
Penso soprattutto che nel campo dei beni culturali nessuno abbia la verit in tasca. Io resto convinto per che sia necessaria unenorme dose di coraggio nel cambiamento soprattutto per superare definitivamente una visione elitaria del patrimonio e una politica (la cui inefficacia peraltro sotto gli occhi di tutti) fatta solo di no. Ma soprattutto credo che sia indispensabile ricucire quella netta separazione tra patrimonio e i cittadini che il vero problema della tutela e che le polemiche tra gli specialisti (tanto simili ai capponi di Renzo) non fanno che accentuare. Se solo fossimo in grado di superare la sterile demonizzazione di chi la pensa diversamente, potremmo lavorare insieme laicamente e costruttivamente a un progetto culturale che accetti le sfide del presente.



news

29-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 29 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news