LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I nuovi 20 direttori dei musei: intervista di Giuliano Volpe a La Presse

Intervista di Elisabetta Gramolini ROMA, 18 ago. (LaPresse) - Valorizzare il Sud e trasformare i musei da santuari a luoghi per tutti: sono queste alcune delle sfide che attendono i 20 nuovi direttori dei musei nazionali, nominati oggi dal ministero dei Beni culturali, secondo Giuliano Volpe, presidente del Consiglio superiore dei Beni culturali.

D. - Alcuni dei nuovi direttori sono stranieri. Altri sono molto giovani. Si aspettava cos tante novit?
R. - Sono felice dell'innovazione: su 20 nomi solo uno un funzionario del ministero. Gli altri sono persone nuove, con esperienza internazionale e giovani. Li sentir a breve. Entro settembre, il Consiglio superiore dei Beni culturali indicher il membro per ciascuno dei 20 comitati scientifici che verranno creati insieme a ministero, Regioni e Comuni. Nessuno deve infatti dire che i musei sono sganciati dal loro territorio.

D. - Ha avuto modo di conoscerli in passato?
R. - Li conosco perch ho letto i loro contributi. Con alcuni di loro avr subito a che fare. Per esempio con la neo direttrice del museo archeologico di Taranto (Eva Degl'Innocenti, ndr) dovr collaborare fin da subito. A met settembre infatti presenteremo un progetto importante per il museo. Sono convinto che una testa nuova possa essere utile anche a coloro che da decenni lavorano nella stessa struttura.

D. - Da che parte si schiera, fra chi plaude alla scelta di affidare sette musei italiani ad altrettanti direttori stranieri o fra chi la critica?
R. - E' un segnale di cambiamento. Non cadiamo nel provincialismo di chi pensa che l'estero sia sempre meglio o al contrario di chi chiude le barriere. Ci deve essere apertura, scambio e visione globale.

D. - E' stata rispettata la parit di genere. Lo considera un passo importante?
R. - Sono sincero, non l'avevo notato. Ma ormai la parit di genere nel campo dei beni culturali la do per scontata. Per fortuna, infatti, non c' un problema di presenza femminile nel settore. Si tratta di persone di altissimo profilo selezionate non per il genere ma per le competenze, anche se la scelta politica mi sembra chiara.

D. - Quale sfida attende secondo lei i nuovi direttori?
R. - Trasformare i musei - anche i pi prestigiosi - da santuari a luoghi aperti a tutti. Luoghi in cui nessuno si sente escluso o a disagio, dove non si entra per pregare, ma per il piacere di capire. E' una sfida importante che mira ad avvicinare all'arte tutti, anche chi non ha la nostra stessa cultura. C' da fare un lavoro enorme.

D. - Un obiettivo potrebbe essere superare il numero dei visitatori del Louvre ad esempio alla Galleria degli Uffizi?
R. - Non possibile fare un paragone perch noi in Italia non abbiamo un mega museo come il Louvre. Ma aldil del caso specifico, inconcepibile che siamo stati spodestati da altre nazioni per il record di visitatori. Ci siamo cullati per anni sull'idea che tanto i turisti sarebbero capitati in Italia comunque perch bella e abbiamo perso posizioni, superati da Paesi con patrimoni culturali di gran lunga inferiori al nostro.

D. - Quale fra i 20 musei con nuovo vertice merita una maggiore attenzione?
R. - Da uomo del Sud, vorrei che tutti i musei del Meridione venissero valorizzati. Penso in particolare a quello di Reggio Calabria, che in una posizione difficile, inserito in una realt complessa, che mi piacerebbe diventasse un museo di grande valore internazionale. Sono sicuro che chi si trover a dirigere un museo del Sud, anche se proveniente dal Nord o da un altro Paese, lavorer benissimo. E, a dirlo, un meridionale.

D. - Ai nuovi direttori cosa direbbe oggi?
R. - Di non sentirsi soli. Sarebbe un grave segnale se si sentissero un corpo estraneo. E' un rischio che si corre quando si entra a fare parte di un organismo gi consolidato come il ministero, dove potrebbe esserci un rigetto nei confronti di persone che vengono da esperienze internazionali. Penso alle polemiche che ci sono state quando fu nominato per il sito di Pompei il sovrintendente Massimo Osonna. Con il tempo, per, si dimostrata una scelta felice. Mi auguro e far di tutto perch i nuovi direttori vengano ben accolti.

http://www.giulianovolpe.it/it/14/I_nuovi_20_direttori_dei_musei:_intervista_a_La_Presse/495/



news

02-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 2 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news