LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PISA - Sempre sbarrato lingresso ai Cavalieri
di Marco Barabotti
IL TIRRENO 29 agosto 2015


considerato il secondo monumento pisano per importanza dopo piazza dei Miracoli



PISA. il secondo monumento pisano per importanza dopo piazza dei Miracoli ed chiuso ormai da mesi. Non solo: la possibilit che riapra con l'aria che tira , nel breve-medio periodo, pressoch vicina allo zero. la chiesa dei Cavalieri di Santo Stefano, l'unico monumento aperto al pubblico della splendida piazza dei Cavalieri, recentemente celebrata con una foto sul New York Times con la Scuola Normale Superiore e la chiesa in primo piano (un omaggio a Giorgio Vasari). Fino a pochi mesi fa si poteva visitare grazie al grande spirito di abnegazione del suo rettore, monsignor Aldo Armani. Per ragioni di salute monsignor Armani ha dovuto abbassare bandiera dopo oltre trent'anni, ritirandosi in Duomo come canonico della Primaziale. Non c' per ora possibilit di ricambio e la chiesa resta chiusa, dicono all'Arcivescovado. Come si fa a tenere chiuso, in una conosciutissima citt d'arte e di cultura come Pisa, un monumento-museo che sulle guide di tutto il mondo? Sono migliaia i turisti che in queste ultime settimane hanno tentato di visitare la chiesa dei Cavalieri, ma hanno trovato la porta sbarrata. Ci contrasta anche con il progetto del Comune e pi in generale con la valorizzazione del patrimonio artistico e monumentale di Pisa: cio cercare di spostare l'asse dei turisti da piazza dei Miracoli verso la citt uscendo cos dal piatto mordi e fuggi, con piazza dei Cavalieri fulcro fondamentale dell'operazione tesa a far conoscere i musei e le chiese sparse in citt, sul percorso Borgo Stretto, Corso Italia, fino alla stazione, con i lungarni pieni di musei (tra poco anche quello delle Antiche Navi di Pisa) come magnifico scenario.

La propriet dell'immobile della chiesa dei Cavalieri dello Stato, che l'ha data in concessione all'Arcidiocesi. Le spese di manutenzione della chiesa spettano all'istituzione religiosa. L'arcivescovo dovr trovare assolutamente qualcuno che sostituisca monsignor Armani. Per ora tutto tace: trovare un nuovo rettore complesso, anche per ragioni economiche. Ma non c' un'alternativa: se non dovesse riaprire entro pochi mesi Pisa si macchier di una vergogna internazionale.

Tutto questo quando sembrava che il peggio fosse passato, dopo la chiusura della chiesa dovuta a infiltrazioni d'acqua, che avevano messo a rischio le tante opere d'arte custodite. Con il finanziamento della Fondazione Pisa di 300mila euro stato possibile riparare il tetto e l'abside, impermeabilizzando la navata centrale. Sono state rifatte le gronde delle navate laterali e monitorata la loro condizione di conservazione, risultata buona. Chiesa insomma di nuovo a norma, ma incredibilmente chiusa, con un'altra opera d'arte restituita recentemente alla sua originale bellezza: la Lapidazione di Santo Stefano, dipinta da Giorgio Vasari.

La prima pietra della chiesa fu posta il 17 aprile 1565 da Cosimo I de' Medici, il committente del rinnovato spazio pubblico di piazza dei Cavalieri per l'Ordine dei Cavalieri di Santo Stefano, fondato dal granduca per combattere la pirateria turca del Mediterraneo.

Progettata da Giorgio Vasari, per costruirla in piena libert fu demolita una vecchia chiesa di San Sebastiano alle Fabbriche Maggiori, citata nel 1074, che prendeva il nome dalle officine dei fabbri presenti nella zona.

Oltre a opere d'arte di grande valore dice Umberto Ascani, presidente dell'Istituzione dei Cavalieri di Santo Stefano la chiesa ospita diverse bandiere, soprattutto cinquecentesche (ve ne sono anche del XVII e XVIII secolo), in gran parte turche, come preda di guerra a testimonianza delle imprese marinare dei Cavalieri di Santo Stefano: un lascito raro e straordinario che non ha confronti in Italia. In particolare c' il vessillo (fiamma di combattimento turca) issato sulla nave ammiraglia di Al Pasci alla battaglia di Lepanto, il 7 ottobre 1571. Fu assalita e conquistata dalla Capitana e dalla Grifona, due delle dodici galere dell'Ordine Stefaniano che parteciparono alla storica battaglia.

Alle pareti sono collocati tre frammenti in legno policromo di galera toscana da parata dei Cavalieri di Santo Stefano. I legni riccamente intagliati, con schiavi turchi incatenati, draghi e trofei marinari e guerreschi, rappresentano le fiancate e la porta poppiera. Sono opera di Santi Santucci, detto il Santino (XVII secolo), pisano, maestro d'intaglio sotto il Granduca Ferdinando II. Altri frammenti di galera raffiguranti aquile araldiche e teste di moro sono collocati alle pareti della navata centrale.

C' poi un ricco soffitto ligneo dorato, intagliato e dipinto con fondo azzurro del 1605, con tavole raffiguranti le imprese militari dell'Ordine. Pochi sanno dice il presidente Ascani che le opere che decorano il soffitto hanno anche un particolare valore storico-umano, perch legate al grande Galileo Galilei. Furono eseguiti da Cristoforo Allori, dall'Empoli e dal Cigoli, artisti legati da rapporti di stima e amicizia con Galileo. In particolare il Cigoli, che Galileo riteneva il primo pittore dei suoi tempi.

Tra le pregevoli opere d'arte, due acquasantiere di Carlo Fancelli, il pulpito (1627) sempre del Fancelli, due tele a tempera rappresentanti scene della vita di Santo Stefano attribuite al Vasari. Infine, l'altare maggiore (1682) di Cosimo III de' Medici, costruito in porfido orientale da Pier Francesco Silvani, l'urna dell'altare con i resti mortali di Santo Stefano, due organi a fianco dell'altare maggiore, il primo (1734) a sinistra del senese Azzolino della Ciaja, il secondo di Onofrio Zeffirini.

Vogliamo davvero continuare a
nascondere al mondo tutto questo bendiddio? La citt deve appellarsi all'arcivescovo, al sindaco e al ministro per i beni culturali perch si trovi una rapida soluzione per riaprire al pi presto la chiesa dei Cavalieri, altrimenti c' da indignarsi e arrabbiarsi.



news

04-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 4 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news