LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Puglia. "A pedali sulla futura ciclovia dell'Acquedotto". Per promuoverla
di PAOLO RIBICHINI
04 settembre 2015 LA REPUBBLICA


Un tracciato da percorrere in bici lungo l'opera che ha cambiato il volto della regione. Per ora ne stata realizzata una piccola parte. Ma il progetto sulla carta, e costa poco. Per accelerare i tempi un gruppo di cicloturisti locali lo ha "anticpato" in una particolare 4 giorni


Raccontare una storia, pedalando. La storia quella dell'acquedotto pugliese, un'opera grandiosa che ha cambiato il volto di una regione - la Puglia, appunto - risolvendo il millenario problema della penuria d'acqua. E a pedalare erano in quattro: Cosimo Chiffi, Simone Bosetti, Marco Taurino e Roberto Guido, alcuni cicloturisti del Coordinamento dal Basso per la Ciclovia dell'Acquedotto Pugliese, comitato formato da oltre 40 soggetti tra associazioni e imprese. Dal 27 agosto al 1 settembre i quattro - talvolta supportati da altri ciclisti per tratti pi brevi - hanno percorso le strade secondarie che scorrono lungo il tronco principale dell'acquedotto, dalle sorgenti di Caposele (AV) alla cascata monumentale di Santa Maria di Leuca (LE). Ben 474 km in sella, toccando alcuni fra i luoghi pi suggestivi e poco valorizzati del Mezzogiorno: dalle Valle dell'Ofanto alla Alta Irpina, dal Vulture all'Alta Murgia. Poi la Valle d'Itria e l'entroterra salentino, con le sue tantissime emergenze storiche e culturali.

In attesa che si completi la ciclovia. Con questo tour dalla Campania al Salento gli organizzatori hanno voluto sensibilizzare non solo le istituzioni pugliesi, come Regione, comuni e i Gal (gruppi d'azione locale), affinch sia completata la ciclovia dell'Acquedotto, ma anche esplorare il percorso, individuandone le criticit, e dimostrando comunque che in attesa del completamento dell'opera, gi oggi possibile, pur con alcuni limiti soprattutto in Campania e Basilicata, seguire il percorso dell'acquedotto, spostandosi su strade secondarie e a basso traffico. Infatti, oggi della ciclovia ufficiale esistono solo poco pi di 10 km percorribili su pista ciclabile, da Figazzano a Ceglie Messapica in provincia di Brindisi.
Puglia. "A pedali sulla futura ciclovia dell'Acquedotto".

"Una ciclovia low cost e con grandi potenzialit". "Il tracciato cicloturistico, secondo quanto abbiamo potuto constatare sul campo, presenta delle straordinarie potenzialit e potrebbe divenire realt anche senza grossi investimenti", spiega Cosimo Chiffi, portavoce del Coordinamento dal Basso per la Ciclovia dell'Acquedotto Pugliese. "La pista di servizio del canale principale potrebbe diventare una lunga pista ciclabile in sede riservata per gran parte del tragitto. Il progetto esiste, va portato a termine". La ciclovia ancora in gran parte su carta, ma la regione Puglia ha riconosciuto la fattibilit dell'opera, mentre su Change. org [https://www. change. org/p/completate-la-ciclovia-dell-acquedotto-in-puglia] la raccolta di firme per la conclusione dell'opera ha gi superato le 10mila adesioni. "Il percorso essenzialmente pianeggiante in quanto lo stesso acquedotto sfrutta la forza di gravit e non ha una pressione indotta. Ci lo renderebbe percorribile da tutti. Inoltre, lungo la ciclovia sono gi presenti strutture recettizie spesso piccole ma ben organizzate anche per i cicloturisti", spiega il portavoce del coordinamento. "Tutto questo comporterebbe una crescita significativa per l'indotto legato al turismo, ma necessario coinvolgere anche le altre due regioni attraversate dall'opera". Inoltre, questa ciclovia, diversamente da molte altre, potr offrire al ciclista anche un indiscusso vantaggio: "In ogni paese che abbiamo attraversato in Irpinia e in Basilicata (un po' meno in Puglia) abbiamo trovato varie fontanelle dove sgorga l'acqua dell'acquedotto. Sappiamo bene quanto idratarsi sia importante per i ciclisti e avere sempre a disposizione acqua fresca non pu che essere un bene".
Puglia. "A pedali sulla futura ciclovia dell'Acquedotto". Per promuoverla
Condividi

Raccontare la storia dell'acquedotto. Questo tracciato dovrebbe svolgere una duplice funzione: collegare localit meravigliose lungo la spina dorsale della Puglia, ma anche raccontare la storia di una delle pi imponenti opere pubbliche realizzate in Europa. "Nessuno al momento ha colto fino in fondo il potenziale narrativo di questo percorso. Tuttavia pedalando lungo questa ciclovia sar possibile ammirare e visitare importanti pezzi dell'archeologia industriale che oggi purtroppo versano in uno stato d'abbandono pur rappresentando il segno di un cambiamento importante per la Puglia e il Meridione", prosegue Chiffi. "Ancora oggi, nei 10 chilometri realizzati, manca la possibilit di visitare le strutture dell'acquedotto e in alcuni tratti della ciclabile ci sono anche cartelli con la dicitura propriet privata - divieto d'accesso, abbandonati l con il rischio di confondere il cicloturista".



news

04-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 4 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news