LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ESPOSTO ALLA CORTE DEI CONTI SU PROCEDURE ED ESITI DELLA SELEZIONE PER LE DIREZIONI DEI MUSEI AUTONOMI

Sulla base di un approfondimento giuridico dei rilievi di scorrettezza e difformit dalla legge di tutta la procedura seguita gi anticipati con il nostro comunicato del 21 agosto (con cui abbiamo definito la selezione pubblica uno pseudo-concorso che ha calpestato tutte le norme di trasparenza e correttezza in materia), nonch delle palesi incongruenze emerse negli esiti della selezione le scelte dei nuovi direttori annunciate il 19 agosto -, abbiamo individuato e segnalato alla Corte dei conti -Ufficio di controllo atti del MIBACT una serie di gravi omissioni, arbitrii e contraddizioni con le norme vigenti che ne inficiano sostanzialmente la legittimit e di conseguenza la regolarit delle nomine in corso sottoposte alla registrazione.
Abbiamo anzitutto rilevato che la Commissione di valutazione non ha pubblicato i criteri di attribuzione dei punteggi di valutazione dei titoli e del colloquio e i criteri di individuazione delle terne che ha sottoposto per i conferimenti finali (nemmeno queste finora pubblicate) come previsto dalle norme generali in materia e dal bando stesso, malgrado la richiesta di informazione in merito inviata dalla UIL-BACT il 3 luglio 2015 al presidente della Commissione, e pertanto che non stata rispettata la regolarit e pubblicit dellintera procedura di selezione pubblica per il conferimento delle direzioni dei musei prevista dal d.l. 83/2014, (Bonus Art). Ancora oggi, dopo lannuncio dei nuovi direttori, lamministrazione si rifiuta addirittura di concedere ai laccesso agli atti della selezione ai candidati che ne fanno richiesta
Dalle graduatorie di idoneit al colloquio finale le uniche finora pubblicate gi emerge infatti che i criteri comunque utilizzati non rispondono allesigenza di articolazione differenziale dei punteggi per evitare un eccessivo numero di valutazioni a pari merito che lasciano margine ad altri criteri di priorit non basati sul merito. Infatti in una graduatoria ben 8 candidati (su 10) hanno lo stesso identico punteggio; in 4 graduatorie sono 6; in 8 graduatorie sono 5 e in 7 graduatorie sono 4. Abbiamo anche rilevato che il colloquio orale, per la sua brevit (15 minuti prefissati) non poteva valere a costituire unefficace valutazione dei candidati in materie cos complesse, come paradossalmente riconosciuto dallo stesso presidente della Commissione Baratta in unintervista. Rimane cos del tutto alloscuro lintera procedura che ha portato alle nomine e assai dubbia lobiettivit e imparzialit valutativa nellindividuazione delle terne, che evidentemente non sono state costituite automaticamente dai primi tre classificati nelle graduatorie per ciascun museo, confermando la totale mancanza di trasparenza e quindi di imparzialit e correttezza legale dellintero procedimento di selezione, tanto sbandierato sui media come concorso pubblico, del quale non sono state rispettate n la forma, n le garanzie.
Abbiamo in secondo luogo contestato che nel conferimento finale degli incarichi non stato rispettato lobbligo del preventivo rinvenimento delle professionalit interne di cui allart. 19, comma 6, del d. lgs. 165/2001.
Dato che la selezione pubblica attuata non stato un vero concorso pubblico (nel quale lesito rigidamente vincolato allordine di merito nelle graduatorie, i primi delle quali sono automaticamente vincitori e devono essere obbligatoriamente prescelti), ma soltanto la selezione di un gruppo (dieci) di persone tutte idonee allincarico, fra le quali la scelta in due fasi (individuazione di terne proposte dalla Commissione e nomina nellambito delle terne) di carattere nettamente discrezionale (pur se soggetta a obbligo di razionale motivazione), per tale scelta discrezionale abbiamo sostenuto che vale la norma generale che preside ai conferimenti di incarichi dirigenziali del comma 6 dellart. 19 del d. lgs. 165/2001, cio quella che impone allamministrazione di attribuire gli incarichi prioritariamente alle professionalit interne rinvenibili, cio ai dirigenti e funzionari di ruolo idonei.
Infatti, il decreto 83/2014 non ha previsto alcuna specifica deroga a tale obbligo di legge e ha disposto una specifica deroga alle norme generali in materia di incarichi dirigenziali soltanto per quanto riguarda il numero (che pu eccedere le quote massime del 10% dellorganico per la I fascia e dell8% per II fissate dal comma 6) delle persone esterne qualificate a cui possono (cio non devono) essere conferiti gli incarichi nel caso in cui fra gli idonei non si rinvenissero professionalit interne. Il detto obbligo pertanto sussiste e non stato rispettato.
Abbiamo segnalato che invece si verificata una ingiustificata intenzionale e grave emarginazione della componente interna dei dirigenti e funzionari del Ministero con specifiche preparazioni culturali e tecnico-scientifiche ed esperienze pluriennali di direzione di musei di rilevanza nazionale e spesso degli stessi musei a cui hanno concorso (uno solo dei quali stato ritenuto degno di essere confermato) pi volte rilevata e denunciata anche sui media da diverse voci critiche, che risulta dal fatto oggettivo che essi costituiscono il 43% dei candidati risultati idonei al colloquio orale e solo il 10% per cento (1 su 10) dei prescelti.
Anche sul piano comparativo abbiamo contestato che c da dubitare fortemente sulla giustificazione e quindi sulla legittimit di molte scelte di conferimento compiute dallAmministrazione. Dagli stessi curricoli pubblicati dei prescelti esterni emerge infatti che ben otto (40%) non hanno mai diretto personalmente nessun museo o struttura equivalente e altri cinque (25%) hanno diretto musei o strutture a carattere multimediale e promozionale di livello locale e rilevanza non nazionale, molto inferiore a quella dei musei a cui sono stati preposti, per cui ben il 65% dei candidati prescelti non ha diretto istituti di elevato livello e rilevanza nazionale come richiede la legge. Altamente significativo in tal senso abbiamo rilevato il caso del nuovo giovane (34 anni) direttore del Parco archeologico di Paestum che era al decimo, cio lultimo, posto nella graduatoria e ha superato miracolosamente tutti gli altri concorrenti, fra cui ben cinque dirigenti e funzionari del Ministero, compresi lex soprintendente di Pompei e il direttore degli scavi di Ercolano, potendo vantare quale esperienza museale specifica per dirigere un parco archeologico italiano, come ha dichiarato in unintervista, di aver fatto tuttal pi la guida al Museo archeologico di Berlino e quindi privo dellesperienza di elevato livello nella gestione di istituti e luoghi della cultura richiesta dal d.l. 83/2014.
Linnegabile emarginazione della componente interna abbiamo osservato - ha tutta lapparenza di implicare che i dirigenti e funzionari interni, quasi fossero responsabili delle inadeguatezze dellattuale sistema di gestione, siano ritenuti inadatti a gestire in forma autonoma gli istituti che gi hanno diretto e ad avviare i cambiamenti (merchandising, fund raising, ecc.) che il Ministero ha inteso invece affidare sistematicamente a persone che presume del tutto pregiudizialmente - pi capaci e competente, gli esperti esterni, non tenendo conto che di essi solo 6 erano in effetti, come risulta dai loro curricoli, adeguatamente qualificati per aver diretto musei di tipo e rilevanza analoghi a quello richiesto.
Abbiamo infine rilevato che la selezione pubblica non assistita da una normativa adeguata al pur apprezzabile fine proclamato dal Ministro di poter conferire gli incarichi in base al merito anche a cittadini stranieri qualificati. Anche se, dopo i tanti martellanti annunci, sembra divenuto luogo comune consolidato e ovvio che la selezione pubblica per il conferimento delle direzioni dei musei prevista dal d.l. 83/2014 sia un vero e proprio concorso internazionale aperto a cittadini stranieri, la lettura pi elementare delle norme relative rivela che - per quanto possa sembrare incredibile a prima vista a chi ha assimilato tutto il battage -, cos non sul piano giuridico.
Il d.l. 83 infatti non contiene alcun accenno a una specifica e particolare internazionalit di questa selezione pubblica per lattribuzione delle direzioni dei musei autonomi e non contiene alcuna disposizione che autorizzi espressamente o implicitamente a indire per essa un bando pubblico a effettiva base internazionale cio legittimamente aperto alla partecipazione di cittadini di altri Paesi senza distinzioni, n ha specificato alcunch sui requisiti delle persone di particolare e comprovata qualificazione professionale a cui possono essere affidate le direzioni. Nemmeno il Bando di selezione pubblica del 7.1.2015 ha precisato alcunch in senso estensivo (come peraltro non era autorizzato a fare dal d.l.) sui requisiti di cittadinanza dei candidati ammissibili. Pertanto i requisiti di cittadinanza dei partecipanti devono intendersi regolati dalla norme generali in materia, a cui non possono derogare. Queste sono lart. 2 del d.p.r. 3/57, lart. 1, comma 1, del d. lgs. 174/1994 e lart. 38 del d.lgs. 165/2001, che prescrivono in conformit alle norme e alla giurisprudenza comunitaria - per i posti dirigenziali e comunque per i posti implicanti l'esercizio di pubblici poteri o che attengano la tutela di interessi nazionali lesclusivo possesso della cittadinanza italiana.
Che le direzioni dei musei e istituti autonomi implichino per legge quanto meno lesercizio della tutela di interessi nazionali dello Stato si deduce anche dal fatto che sono qualificati per definizione dallart. 14 del d.l. 83/2014 e dallart. 30, comma 3, del d.p.c.m. 171/2014 (nuovo regolamento del MiBACT) di rilevante interesse nazionale (che definizione addirittura rafforzativa del solo interesse nazionale di cui alle norme sulla cittadinanza sopra citate), in quanto tutelano beni culturali del demanio culturale nazionale di pi notevole importanza e consistenza in loro consegna. Abbiamo pertanto concluso che ogni conferimento a persona che non sia in possesso della cittadinanza italiana dellincarico di direttore di museo o istituto nazionale autonomo debba ritenersi illegittimo in base alle norme citate, come, peraltro, gi tempestivamente e inutilmente avevamo segnalato al vertice del Ministero con nostra nota del 2 luglio scorso.

Il Segretario nazionale
Enzo Feliciani



news

27-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 27 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news