LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

AGRIGENTO - Scoperte tombe con due scheletri davanti al tempio della Concordia
SILVIO SCHEMBRI
12 SETTEMBRE 2015 LA REPUBBLICA



AGRIGENTO. Un ritrovamento che per gli esperti potr spiegare sempre meglio gli utilizzi che sono stati fatti dell'area del tempio della Concordia nell'era cristiana. Di certo c' che le ossa umane scoperte ieri mattina a pochissimi metri dal tempio pi grande e meglio conservato della Valle dei Templi di Agrigento appartengono a due persone, seppellite probabilmente tra il quarto e il quinto secolo dopo Cristo, in piena epoca cristiana. Una "sepoltura multipla", ovvero con pi salme nella stessa tomba, ritrovata nel corso di alcuni scavi eseguiti dagli studenti dei corsi universitari di Beni culturali e Archeologia dell'Universit di Palermo, programmati e in corso di svolgimento gi da due anni grazie all'intensa collaborazione tra l'ateneo palermitano e il Parco archeologico della Valle dei Templi, diretto dall'architetto Giuseppe Parello, con lo scopo di indagare sul periodo tardoantico nelle varie aree della citt.

Secondo quanto finora ricostruito dagli antropologi Luca Sinio e Giandonato Tartarelli e dall'archeologo Sergio Aiosa, docenti dell'universit e coordinatori degli scavi, si tratta di resti risalenti al periodo tardoantico appartenenti a due persone: per una delle due salme sono state rinvenute tutte le ossa del corpo, mentre per l'altra gli esperti hanno portato alla luce soltanto le ossa degli arti inferiori e il bacino. Ma ancora troppo presto per averte un preciso profilo storico dei reperti: la tomba era praticamente stravolta e presentava una profondit diversa rispetto alle altre tombe; un dettaglio che aiuter gli esperti a precisare il periodo a cui risalgono le salme. Per i professori che coordinano gli scavi, questi rinvenimenti consentiranno di comprendere meglio l'uso che stato fatto dell'area dei templi nell'era cristiana: se prima era infatti il centro della vita cittadina, quella zona probabilmente divenuta successivamente un'area extraurbana interamente dedicata alla religione e quindi, essendo lontana dal centro della citt, utilizzata anche per le sepolture. Ma non solo: gi alcuni anni fa, sempre nella zona dei templi, altri scavi avevano portato alla luce tracce di produzioni artigianali (come i forni per l'argilla) e una vasta area cimiteriale. Elementi che vanno sempre pi a confermare l'ipotesi storica di una trasformazione dell'utilizzo di tutta l'area della Valle dei Templi nell'era tardo antica.

Gli scavi continueranno nelle prossime settimane, sempre per mano degli studenti dell'universit di Palermo che spiega Aiosa stanno svolgendo questa importante attivit sul campo grazie all'accoglienza e alla collaborazione del Parco archeologico nei confronti del quale non possiamo che esprimere grande apprezzamento.





news

29-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 29 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news