LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

GROSSETO - Lex Marraccini, un vecchio malato che nessuno vuole
12 settembre 2015 IL TIRRENO



GROSSETO Per aumentare il piacere delle arti un industrioso cittadino mi fece. La scritta spunta da sopra l'impalcatura tirata su un anno fa per contenere i calcinacci che cadono a terra. E, con l'orgoglio e la dignit di un vecchio schernito e umiliato che non abbassa la testa, ricorda la gloria passata, mentre le sue membra cadono a pezzi. L'ex cinema Marraccini (nella foto a destra, Bf) una delle ferite pi profonde e difficili da ricucire del centro storico di Grosseto. Una di quelle che bruciano di pi. Perch l'ex cinema, ospitato in un signor palazzo dallo stile eclettico in via Mazzini, alle spalle di piazza Dante e con affaccio sulle Mura, per ottant'anni stato un contenitore di sogni, il tempio della cinematografia maremmana, il luogo dove affacciarsi in mondi lontani nello spazio e nel tempo semplicemente stando seduti sulle poltroncine e con il cielo stellato sopra la testa, quando di tanto in tanto la cupola semimovente in stile Liberty si spalancava. Era il 1925 e l'industrioso macellaio Giovanni Marraccini, su progetto di Renato della Rocca, costru il cinema. L'11 ottobre 1926, l'inaugurazione. Le proiezioni sono andate avanti per 77 anni. Poi, il 10 ottobre 2003, il proiettore viene spento per l'ultima volta. Il Comune, guidato allora da Alessandro Antichi, e la Provincia, con Lio Scheggi presidente, vogliono acquisirlo per farne un contenitore culturale. L'edificio allora di propriet di Marco Micheli in buone condizioni e con 1,4 milioni di euro il gioco sembra fatto. Ma la Provincia si ritira e l'ex cinema torna sul mercato. Due anni dopo si fa avanti il concessionario d'auto, Riccardo Demi, che vorrebbe farne una galleria commerciale riservando una parte a luogo di cultura aperto al pubblico. Cerca di coinvolgere il Comune, ma la nuova giunta, guidata da Emilio Bonifazi, proprio in quel periodo sta comprando un altro cinema, il Moderno, che costa 7,5 milioni di euro. L'ex Marraccini resta al palo. E la situazione si fa drammatica. La Banca della Maremma, che vanta crediti sull'ex proprietario, avvia una battaglia legale. Il cinema viene pignorato (esclusi alcuni appartamenti di altri proprietari) e pezzo per pezzo, viene messo all'asta, prima pezzo per pezzo, poi tutto insieme (creditore il Monte dei Paschi di Siena), per 2 milioni di euro. Ma nessuno si fa avanti. Per sei volte nessuno si presenta all'asta, nemmeno quando nel 2013 il prezzo cala a 1,6 milioni di euro. Le trattative e i progetti non mancano, come quello di farne una moschea o il museo diocesano. Ma non se fa di niente. Gli investitori vengono scoraggiati dal nuovo vincolo che la Soprintendenza mette sull'edificio e che prevede come unica destinazione d'uso il cinematografo. Niente appartamenti, insomma, nella vecchia sala. Che giorno dopo giorno mostra tutti gli acciacchi del tempo e della mancata manutenzione. Le condizioni strutturali peggiorano. Nel 2010 crolla un pezzo di cornicione, nel 2013 un altro. Il sindaco emana ordinanze di ripristino che cadono nel vuoto. Un anno fa, il 5 ottobre 2014, un boato scuote la placida domenica. Un grosso pezzo di cornicione tra il primo e il secondo piano si stacca, schiva un passante e piomba su un cassonetto. Da allora l'edificio incartato in un'impalcatura. L'8 luglio scorso, all'ennesima asta, nessuno si presentato. Il prezzo del resto invariato. Il creditore lo ha bloccato, ma il valore dell'immobile si abbassa ogni giorno che passa. Si tenta di vendere a parte il solaio con la cupola apribile, ma senza il resto dell'edificio non accessibile. E mentre di oggi la notizia che a Grosseto si progetta di costruire una nuova multisala, il 25 novembre l'ex cinema torna all'asta. Alla vigilia dei 90 anni il Marraccini un vecchio malato che nessuno vuole pi.Francesca FerrI



news

29-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 29 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news